LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2008-06-02 - REGGIO EMILIA - parco di Roncolo
“Viva la Repubblica. Del Paesaggio”

Una giornata di festa, arte, gastronomia e riflessioni al parco di Roncolo
2 giugno 2008 dalle ore 15

royal-oak.ledstarchina.com
audemars piguet royal oak replica


Sarà una giornata secondo il “format” tipico della Biennale del Paesaggio di Reggio Emilia la festa del 2 giugno che porterà al Parco di Roncolo persone, artisti, intellettualità, bambini, giochi, provocazioni in difesa del paesaggio. Nel giorno della festa nazionale della Repubblica, Reggio Emilia mobilita i cittadini di un’ideale “Repubblica del Paesaggio” per un nuovo “Risorgimento” culturale e civile che sappia concepire vita e sviluppo delle comunità in termini compatibili con l’ambiente e l’identità dei luoghi.

“Attenti al paesaggio” è il titolo della manifestazione che aprirà di fatto l’edizione 2008 della Biennale. L’evento avverrà sul territorio, in questo caso un parco molto frequentato sulla splendida pedecollina della provincia di Reggio Emilia, nei pressi di Quattro Castella, una delle località più scenografiche dell’Emilia Romagna con le sue quattro rupi allineate.

È nello spirito della Biennale alimentare un movimento di opinione e d’azione sui temi del Paesaggio che porti gli individui dal chiuso delle proprie routine personali, fagocitate da consolle, display al plasma, personal computer, parabole e cellulari, all’aperto negli spazi del territorio, per promuovere un nuovo senso identitario e di comunità. Il Paesaggio come luogo di incontro, conoscenza, esperienza profonda e così di superamento delle conflittualità che oggi si diffondono in conseguenza dei troppi particolarismi.

La giornata del 2 giugno andrà alla ricerca della spiritualità dei luoghi come della loro concreta naturalità da troppo tempo in molti casi messa a rischio e trasfigurata. I mezzi saranno diversi. Tra essi l’arte, che ha operato profondamente negli ultimi due secoli in quel “luogo-territorio” lasciato “spaesato” dalla crisi dei valori e dalla progressiva ricerca di effimero. Nel programma di questa giornata all’aperto l’arte sarà quindi protagonista, declinata in molteplici delle espressioni che le sono proprie nella modernità.

Le attività della sezione “Arte nella natura” avranno inizio alle ore 15, quando sarà presentato il progetto “I Giardini del Vento”, opera corale, estesa all’intera provincia, di recinti di non coltivazione. Si tratta di aree sperimentali destinate all'evoluzione spontanea della vegetazione ed a pratiche creative e creatrici non organizzate, onde consentire in condizioni protette una libera autoproduzione della natura, evitando totalmente gli interventi manutentivi quali la raccolta delle foglie o lo sfalcio dell'erba.
Il progetto vuole coinvolgere gli artisti della provincia di Reggio Emilia, le scuole e i cittadini tutti. Una volta realizzati, i giardini del vento costituiranno un’opera unica: una pubblicazione ed una mostra ne documenteranno l’evoluzione.
Ispirati all’idea di Terzo Paesaggio di Gilles Clément, sono caratterizzati da pratiche consentite di non organizzazione. Il concetto di paesaggio nasce come strumento di controllo della circolazione dei modelli spaziali e quindi non è neutro: corrisponde ad una selezione strumentale degli elementi del territorio (gruppi sociali ed economici, forme naturali ed antropiche,) in funzione di un modello dominante. Di contro il Terzo Paesaggio lascia spazio all'indecisione, all'entropia, all'assenza di regolamentazione sociale, politica e morale perché modello, non esclusivo ma aperto, che esalta il meticciamento planetario, vera origine della ricchezza del creato.
Indecisione, instabilità, nomadismo biologico, "pratiche consentite di non organizzazione", contiguità, evoluzione incostante, improduttività: nuovi valori positivi all'interno di una concezione biologica, non economica, del territorio.

Lucrezia De Domizio Durini metterà poi a dimora una quercia nel parco di Roncolo, a ricordo delle 7000 querce piantate da Beuys nel 1982 per “Documenta”, di Kassel, un bosco che doveva ricordare come la salvezza della terra risieda nell’impegno quotidiano di ciascuno di noi. Da allora, Kassel possiede la più grande scultura ecologica del mondo.

Giuliano Mauri, artista che lavora sul confine sfumato fra arte e architettura, costruisce cattedrali vegetali e tane sugli alberi, installazioni che intervenendo sul paesaggio ne evidenziano l'aspetto naturale e spirituale. Lavorerà utilizzando materiali trovati sul posto: legni robusti come il castagno, il nocciolo, l'olmo, il faggio, il fango... Gli alberi crescono, il paesaggio si modifica e così queste installazioni. L'arte di Giuliano Mauri esprime la volontà archetipica umana di piegare la natura, senza danneggiarla, ma anzi favorendola, coltivando il suo sviluppo e recuperandone la forza spirituale che le appartiene da sempre. Siamo nel nucleo dei valori portati avanti dalla Biennale del Paesaggio e dalla Convenzione europea cui il progetto si riferisce.

Altre presenze artistiche saranno le installazioni di “Distretto Rurale con Nicolini – Palazzo Ruini adt” che realizza lavori sulle tematiche ambientali, la nozione di decrescita e gli stili di vita. Frutto dell’impegno di un esteso collettivo internazionale, il gruppo è caratterizzato da competenze e apporti disciplinari di ogni natura. La sua attività è prevalentemente didattica e divulgativa e utilizza le forme della rappresentazione - documentazione, della esposizione teorica e del dibattito.

Ancora poi Antonella De Nisco terrà un Laboratorio d’arte ambientale itinerante per bambini e genitori. I bambini sono protagonisti fondamentali della crescita di una nuova coscienza paesaggistica e chi parteciperà alla festa del 2 giugno potrà imparare qualcosa a proposito anche di “Guerrilla Gardening”, un’attività provocatoria e “militante” dal forte impatto simbolico che consiste nella propagazione di sementi attraverso l’uso di fionde e “pallottole di semi” che vengono scagliate nel territorio. Saranno la docente Fiorella Guidetti e una rappresentanza di alunni della Scuola Media di Quattro Castella a illustrare questo tema, oltre che a presentare il Giardino dell’Arca, giardino scolastico per la difesa della biodiversità.

Chi vorrà saperne di più di botanica potrà seguire nel suo girovagare per il parco Libereso Guglielmi, il solare giardiniere che tiene spesso lezioni per i bambini nelle scuole, durante le quali parla di piante e insegna la gioia di disegnarle. Detto “il giardiniere di Calvino” (non Italo bensì il padre Mario, un fine e rivoluzionario botanico) Guglielmi si è formato in Inghilterra, scrive da più di mezzo secolo ed è un grandissimo conoscitore di vegetali.

Ancora altro è previsto per l’aspetto creativo e ludico della giornata, poiché a queste attività si aggiungeranno anche “Ottovolante - laboratorio artistico per un museo stradale” a cura dell’architetto Giorgio Teggi e le letture per bambini del Teatro della Fragola.


Alle ore 17 la festa arriverà anche al momento della discussione teorica, quando si aprirà l’incontro-dibattito “Attenti al Paesaggio” con la presenza di Alberto Asor Rosa, Nino Criscenti e altri partecipanti alla “Rete Toscana dei Comitati per la Difesa del Territorio”, oltre a rappresentanti locali delle associazioni Fai , Wwf, Guardie ecologiche provinciali, Italia nostra, Lipu e Quinto Colle.

A seguire, ci sarà un concerto di Philip Corner, musicista tra i primi esponenti di Fluxus e membro di alcuni importanti gruppi di avanguardia e di musica sperimentale come il Judson Dance Theatre, e il Tone Roads, Son of Lion, un gruppo americano di gamelan.

Dalle ore 19, infine, sarà servito gnocco fritto e piatti di cucina di fiori. Nel corso dei secoli i fiori hanno giocato una parte importante nelle diverse gastronomie del mondo. Il Vecchio Testamento, il Corano e molti altri documenti religiosi contengono dettagli circa le qualità “gastronomiche” di alcuni fiori. Gli antichi romani come nella Londra di Shakespeare, l’imperatore Carlo Magno come i nomadi del Sahara, la gastronomia italo spagnola e quella dei padri pellegrini sono tra gli infiniti esempi di questa pratica naturale.

La giornata è aperta a tutta la comunità e ai suoi possibili contributi, anche quelli di gruppi che per vocazione e interessi potranno offrire un apporto di idee, contenuti e attività, nello spirito di coinvolgimento che la Biennale del Paesaggio persegue dalla sua nascita.
Per informazioni è possibile riferirsi alla segreteria della Biennale del Paesaggio presso Palazzo Magnani, in via Vicedomini, 3 - 42100 Reggio Emilia - Tel. 0522 444431 - Fax. 0522 452349 e consultare il sito della Biennale www.biennaledelpaesaggio.it, nel quale ci si può anche iscrivere alla newsletter che periodicamente tiene informati sulle attività in programma.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news