LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2008-12-05 - Termoli
L’ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE IN ITALIA 1978-2008 RICERCA, DIDATTICA, FORMAZIONE

Convegno Nazionale di Studi
L’ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE IN ITALIA 1978-2008
RICERCA, DIDATTICA, FORMAZIONE
Università degli Studi del Molise
Dipartimento di Scienze Economiche Sociali e Gestionali
Termoli (Cb) 5-6 dicembre 2008
Facoltà di Economia - via Duca degli Abruzzi
con il patrocinio di
Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale
Associazione Italiana di Storia Urbana

Promossa dall’Università del Molise e dall’Università di Pisa con il patrocinio dell’AIPAI (Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale) e dell’AISU (Associazione Italiana di Storia Urbana) e strutturata in due sessioni distinte, a Termoli (dicembre 2008) e a Pisa (gennaio 2009), questa iniziativa intende coinvolgere studiosi ed esperti di Archeologia Industriale per discutere e riflettere sullo stato dell’arte di questo particolare campo di studi interdisciplinare, a distanza di trent’anni dalla sua piena affermazione nell’ambiente culturale del nostro Paese e a circa due decenni dal suo ingresso, come specifico insegnamento, nelle Università italiane.
Obiettivo principale dell’iniziativa è di sollecitare un confronto dialettico tra ambiti disciplinari diversi (dalla storia dell’architettura e dell’arte alla storia economica, dall’archeologia post-classica alla storia urbana, dalla storia della tecnica e della tecnologia alla storia sociale e ambientale dell’età moderna e contemporanea) e di verificare metodi e strumenti adottati nella ricerca scientifica e nella didattica universitaria, anche nell’ottica di individuare un profilo curricolare idoneo a garantire sul piano culturale la formazione di figure professionali consapevoli dell’importanza di conoscere e valorizzare con spirito critico la memoria della civiltà industriale e del mondo del lavoro.
La scelta dei temi delle due giornate della sessione molisana (I. L’archeologia industriale in Italia. Un bilancio storiografico e II. lo spazio della produzione: architetture e città) nasce proprio dalla necessità di controbilanciare una lunga stagione di eventi (convegni, seminari, mostre documentarie) in prevalenza centrati sulle questioni urgenti del recupero e del riuso, rischiando talvolta di assecondare interessi che con la conservazione consapevole e condivisa del patrimonio industriale non hanno alcun elemento in comune.
Sul piano della ricerca storica, infatti, è ancora tutto da verificare non solo il contributo che autonome e consolidate metodologie hanno fatto convergere nell’archeologia industriale intesa come «terreno di pratica multidisciplinare», ma anche, al contrario, il contributo che da questo specifico campo d’osservazione critica è pervenuto per osmotica contaminazione in altri ambiti disciplinari più tradizionali.
L’idea di proporre una pausa di riflessione partendo dalle forme visibili del processo di industrializzazione della città e del paesaggio, a cominciare proprio dall’architettura, nell’accezione qui prevalente di prodotto edilizio e dunque anche di documento d’interesse storico-economico e sociale, deriva infine dalla consapevolezza che il modello di organizzazione territoriale fondato sulla centralità della fabbrica, nell’immaginario collettivo come nelle strategie e nelle pratiche d’uso della città contemporanea, non sembra più appartenere alla cultura del nostro paese. Proprio perché oggi appaiono maturi i tempi per trasmettere un’idea condivisibile di città post-industriale, molteplici sono dunque le ragioni che inducono a verificare su quale immagine storiografica si fondano i principi che regolano programmi e dispostivi di trasformazione della memoria storica dello spazio urbano-industriale.

Programma
I^ GIORNATA
VENERDI 5 DIC. 2008 – ORE 15.00_19.30 L’archeologia industriale in Italia. Un bilancio storiografico.
14.00 Accoglienza e registrazioni
Saluti Autorità
Giovanni Cannata Rettore Università del Molise
Luciana Frangioni Direttore Dipartimento SEGeS
Vincenzo Greco Sindaco Comune di Termoli
Andrea Casolino Assessore Cultura e Politiche Giovanili Comune di Termoli
Roberto Parisi Università del Molise
Introduzione al convegno
Renato Covino Università di Perugia - Presidente AIPAI
L’Archeologia Industriale in Italia. Lo stato degli studi
Ivano Tognarini Università di Siena
L’Archeologia Industriale in Italia tra storia e storiografia
Diego Moreno Università di Genova
L’Archeologia Industriale e le altre archeologie
Aldo Castellano Politecnico di Milano
L’Archeologia Industriale come disciplina di frontiera: bilanci e prospettive
Giovanni Luigi Fontana Università di Padova
L’Archeologia Industriale e la storia economica e sociale
Massimo Negri European Museum Forum
L’Archeologia Industriale in Italia tra ricerca e divulgazione
Gregorio Rubino Università di Napoli “Federico II”
L’Archeologia Industriale e la Mondializzazione
Franco Mancuso Università IUAV di Venezia
L’Archeologia Industriale nella cultura urbanistica italiana

II^ GIORNATA
SABATO 6 DIC. 2008 – ORE 9.20_19.30 Lo spazio della produzione: architetture e città.

Guido Zucconi Università IUAV di Venezia
Città e industria. Sviluppi in parallelodi una sensibilità storica

Simone Neri Serneri Università di Siena
Ambiente e industria nelle città italiane. Questioni storiografiche

Patrizia Chierici Politecnico di Torino
All’origine del sistema di fabbrica: percorsi di ricerca tra storia e memoria

Sergio Pace Politecnico di Torino
L’architettura della grande industria in Italia

Carla Giovannini Università di Bologna
Spazi del lavoro, spazi della modernità: le trasformazioni urbane delle città igieniche

Valerio Varini Università di Milano Bicocca
Company towns: esperienze italiane a confronto

Augusto Ciuffetti Università Politecnica delle Marche
Abitare nella città industriale. Luoghi e politiche per la casa tra welfare aziendale e Stato sociale

Roberto Parisi Università del Molise
La fabbrica extra-moenia. Per una storia della periferia urbano-industriale in Italia

Massimiliano Savorra Università del Molise
L’immagine dell’industria: l’architettura effimera come strumento di comunicazione

Rossano Astarita Università di Napoli “Federico II”
Architettura, città e organizzazione scientifica del lavoro in Italia

Ilaria Zilli Università del Molise
Lo spazio dell’industria nella città post-fordista

Egidio Dansero, Cristina Scarpocchi Politecnico di Torino - Università della Valle d’Aosta
Città ed aree industriali dismesse
TAVOLA ROTONDA
SABATO 6 DIC. 2008 – ORE 17.30_19.30
Tutti i relatori con la partecipazione di Carlo Travaglini (Università di RomaTre) e Paolo Frascani (Università di Napoli L’Orientale).
Comitato Scientifico
Patrizia Chierici
Augusto Ciuffetti
Renato Covino
Giovanni Luigi Fontana
Roberto Parisi
Ilaria Zilli
Segreteria Scientifica e Organizzativa
Roberto Parisi
Augusto Ciuffetti
Marinangela Bellomo
Maddalena Chimisso
Via Duca degli Abruzzi
86039 Termoli
roberto.parisi@unimol.it

con il contributo di:
Comune di Termoli
Assessorato alla Cultura e alle Politiche giovanili
SIAI Laterizi di Petacciato


Per scaricare il programma e altre informazioni: www.patrimonioindustriale.it




news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news