LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2009-02-25 - Roma
Hotel della Cultura: Un contributo per il rilancio del turismo culturale in Italia
Mail alla Redazione del 23-02-2009 - letta il 23-02-2009

Nell’obiettivo di fornire un contributo ai processi di valorizzazione territoriale che fanno leva sul vasto patrimonio storico-culturale nazionale, Civita ed ANCE con il sostegno di Arcus e la collaborazione di Unicredit e Federalberghi, hanno redatto il progetto “Hotel della Cultura” (HdC), finalizzato a dare vita ad un nuovo sistema di ricettività alberghiera, fortemente connessa con il territorio e legata al turismo culturale, per rispondere all’incremento qualitativo e quantitativo dei visitatori nelle città d’arte.

Gli “Hotel della Cultura” - questo il nome del network che si intende creare – si distinguono da altri modelli, quali i Paradores spagnoli o le Pousadas portoghesi, in quanto pur riqualificando edifici storici non utilizzati, che abbiano le caratteristiche per essere destinati ad una ricettività di standard elevato, è concepito per promuovere l’integrazione tra offerta turistica e offerta culturale del territorio. In questo senso, il turista sceglie l'albergo, non solo per il sistema di accoglienza che è in grado di offrire, ma anche e soprattutto per la sua capacità di proporre i costumi e lo stile di vita delle tante culture locali di cui è ricca l’Italia.

La crisi che sta attraversando il settore turistico del nostro Paese impone delle forti azioni coordinate al fine del rilancio della competitività rispetto allo scenario internazionale, puntando sulle peculiarità ed eccellenze che i nostri territori sono in grado di esprimere e sulla qualificazione e la diversificazione dell’offerta.

A fronte di un trend di domanda di turismo culturale crescente, negli ultimi anni non vi è stata una adeguata innovazione nelle formule di ospitalità e ricettività alberghiera. Pertanto la creazione di un network alberghiero specializzato in questo segmento può rappresentare un’opportunità di grande interesse sul piano della crescita della competitività e del posizionamento sul mercato internazionale delle destinazioni turistiche culturali.

La fotografia del nostro sistema alberghiero ritrae 33.527 strutture ricettive, di cui 232 a cinque stelle, 3.673 a quattro stelle e il restante 29.622 dalle tre stelle in giù (dati “Rapporto 2007 sul Sistema Alberghiero in Italia”, Federalberghi); nonostante gli sforzi compiuti negli ultimi quindici anni nel processo di trasformazione sul piano qualitativo dell’offerta ricettiva del nostro Paese - con un incremento del 53% degli hotel 3 stelle, del 133% dei 4 stelle e del 119% dei 5 stelle e 5stelle lusso – continuano infatti a permanere forti criticità sul fronte del rapporto qualità/prezzo e dell’omogeneità degli standard di qualità.







L’iniziativa HdC, nata anche con la collaborazione tecnica di Asset, si colloca, dunque, all’interno degli obiettivi di innovazione, di innalzamento qualitativo, di rafforzamento della competitività del sistema turistico nazionale, nella consapevolezza che l’offerta culturale rappresenta la massima espressione dell’identità e dell’immagine dell’Italia, cui deve conseguire anche un’adeguata specializzazione del comparto ricettivo.

GLI OBIETTIVI E LE CARATTERISTICHE ESSENZIALI DELL’INIZIATIVA SONO RIASSUMIBILI IN:
- recupero e restauro di edifici storici adeguati, da porre in rete come residenze di pregio in cui realizzare anche iniziative di tipo culturale;
- rilancio e qualificazione di una forma di ospitalità integrata con il contesto locale, seguendo la via della qualità e delle sinergie tra pubblico e privato;
- creazione di una rete di strutture di categoria media e medio- alta, rispondente a precisi standard di offerta e a un sistema promozionale e di comunicazione;
- uso delle nuove tecnologie per favorire l'integrazione tra la struttura e il territorio circostante e la programmazione di itinerari culturali personalizzati da parte dei clienti;
- creazione di un'immagine coerente, che definisca “riconoscibilità” alle strutture del network, attraverso la definizione e il rispetto di standard relativi a: dotazioni, servizi, arredo, soluzioni a basso impatto ambientale, uso di risorse provenienti dal territorio, tecnologie avanzate per il risparmio energetico e per l'uso di materiali riciclabili;
- fornitura di servizi culturali e facilities legati ai trasporti e all'accessibilità (navette, visite guidate, ecc).

Durante il convegno di presentazione del progetto, saranno analizzati gli scenari attuativi, l’impatto economico, l’impatto occupazionale, i requisiti individuati degli hotel della cultura e verranno presentati i 4 progetti pilota del network HdC per i quali è stata realizzata una verifica di prefattibilità tecnica e economica:

o Cavallerizza Reale – Torino;
o Caserma Monti – Forlì;
o Villa Favorita - Ercolano (Na);
o Collegio dei Gesuiti - Noto (Sr)
Considerando un dimensionamento ottimale del network nel lungo periodo intorno alle 150 unità alberghiere, lo studio stima l’impatto economico e occupazionale dell’iniziativa proposta. In particolare, prendendo a riferimento i dati sulla spesa pro-capite del turista culturale forniti dall’Osservatorio Turismo - Isnart-Unioncamere e ipotizzando un’occupazione media delle strutture ricettive del 65%, la spesa turistica generata, al netto dei costi dell’alloggio, viene stimata pari circa a 765.000 euro al giorno corrispondente a 278.500.000 euro in un anno. Tale valore costituisce un quantificazione di massima della delle ricadute dirette e indirette del progetto HdC sui sistemi produttivi locali che vengono coinvolti ed interagiscono con il sistema HdC.
Per quanto concerne gli effetti occupazionali dell’iniziativa HdC l’analisi è stata effettuata partendo dai 4 progetti pilota, estesa, quindi, alle 150 strutture alberghiere che costituiranno il network HdC nella fase a regime (dopo dieci anni) I dati dello scenario a progetto stimano l’occupazione diretta ed indiretta in circa 14.000 posti di lavoro.






IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO

9.30 Caffè di benvenuto

Saluti
10.00 Gianfranco Imperatori Segretario Generale,Associazione Civita
Paolo Buzzetti Presidente di Ance
Salvatore Italia Presidente di Arcus
Mario Resca Consigliere del Ministro per i Beni e le Attività Culturali

Modera: Federico Fazzuoli giornalista

Presentano il progetto
10.30 Pietro Valentino Vice Presidente del Comitato Scientifico,Associazione Civita
Levino Petrosemolo Socio Partner di Asset

Tavola rotonda
11.00 Maria Rosa Basile Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali,Regione Campania
Antonio Colombo Direttore Generale di Federturismo Confindustria
Giorgio Gallesio Vice Presidente di Ance
Paolo Romanello Direttore Generale Ente per le Ville Vesuviane
Giuseppe Roscioli Vice Presidente Vicario di Federalberghi
Zeno Rotondi Capo Ufficio Studi,Divisione Retail,UniCredit

12.30 Conclusioni
Michela Vittoria Brambilla Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega al Turismo









news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news