LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2009-07-07 - BUSTO ARSIZIO / BUSTI GRANDI (VA) Colonia Elioterapica di via Ferrini
CONFERENZA Il disagio del territorio: ambiente, identità ed economia: una convivenza difficile

Domà Nunch
Associazione econazionalista Insubre
www.eldraghbloeu.com
www.domanunch.org



CONFERENZA Il disagio del territorio: ambiente, identità ed economia: una convivenza difficile
Martedì 7 Luglio 2009 - ore 21:00
BUSTO ARSIZIO / BUSTI GRANDI (VA) Colonia Elioterapica di via Ferrini

Intervengono:

Lorenzo SCANDROGLIO, giornalista di Alp e Il Giornale
Francesco LATTUADA, consigliere comunale a Busto e rappresentante dell'Osservatorio per la Salvaguardia della Valle Olona (O.S.V.O.)
Matteo COLAONE, segretario nazionale di Domà Nunch


Tematiche:

Parlare di "sindrome NIMBY" (Not In My Backyard - Non nel mio cortile) per descrivere i fenomeni sociali che in Insubria si richiamano alla difesa del paesaggio e dell'ambiente, all'opporsi allo sviluppo infinito, suona come una presa in giro. Il nostro territorio non è ecologicamente equilibrato e ha già versato moltissimo all'altare dello sviluppo e dell'economia, combinando al proprio interno una serie di paradossi unici in Europa: l'altissima pressione demografica che si spalma in un continuum semi-urbano esteso, disorganizzato e ipertrofico, al cui centro Milano respinge i suoi cittadini verso le campagne "urbanizzabili" e ripopola sè stesso di stranieri; l'ossessione dei Sindaci della cintura metropolitana di riempire le casse (appena svoutate a favore dello Stato) trasformando paesi in città-dormitorio; un benessere economico diffuso e disoccupazione quasi a zero, e una qualità della vita che in certi luoghi ricorda le periferie nord-africane; un popolo che emette un gettito fiscale tale da mantenere l'intera penisola e una classe politica schiava degli interessi privati, incapace di tutelare, promuovere e migliorare l'ambiente e la vita delle persone.

E' così possibile che in un territorio ricco, la gente viva da schiava, passando ore nel traffico, sognando Pedemontane con svincoli dritti ai centri commerciali, grandi opere, baracconi che servono per generare indotto economico; le Amministrazioni locali, delegate dalle Comunità alla tutela e conservazione del patrimonio territoriale, calano le braghe di fronte a imprese e privati pur di far cassa, obbligando i nostri paesi a svilupparsi in maniera anomala e innaturale, abbattendo e svuotando i nuclei storici ed erodendo boschi e campagne. Intanto, un'abile politica di marketing riesce a tenere a galla politici e imprenditori privati, che sono tra i principali responsabili del nostro disastro, fallimentari nel loro compito morale di vivere una terra e non di sfruttarla.

Allora, quando si tratta di salvare una Terra, la sua gente, il suo percorso storico e il suo patrimonio ecologico, dire basta diventa prioritario: un istinto di sopravvivenza non nostalgico nè conservatore, in cui la via d'uscita dovrà essere il richiamo al nostro genius loci, combattendo la spinta a monetizzare la sacralità della natura e quella filosofia di vita che rende sterile e grigio ciò che c'è dentro e fuori di noi.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news