LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2009-10-31 - Firenze, Stazione Leopolda
I palmenti del Mediterraneo: prospettive di ricerca, conservazione e valorizzazione integrata

http://www.patrum.org ________________________________________

Sabato 31 ottobre 2009 presso la sala Boito della Stazione Leopolda a Firenze si terr, nell’ambito del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, il convegno: I palmenti del Mediterraneo, prospettive di ricerca, conservazione e valorizzazione integrata. La tavola rotonda si prefigge di dare una maggiore visibilit e promozione al patrimonio storico e demo antropologico rappresentato dagli antichi palmenti in pietra, presenti all’interno di alcune aree, lontane tra loro ma dislocate all’interno del bacino del mediterraneo, attraverso un processo di maggiore conoscenza e diffusione dei dati ottenuti durante le ricerche condotte negli scorsi anni riguardanti l’esistenza e la riscoperta dei manufatti presenti e rinvenuti in Toscana (Isola del Giglio), in Calabria (Ferruzzano, S. Caterina dello Ionio, Pollino) in Basilicata (Pietragalla), sull’Isola di Malta, in Bulgaria e in vari Paesi del Mediterraneo (Mauritania, Spagna, Israele). All’incontro parteciperanno: Anthony Bonanno, preside Facolt di Archeologia dell'Universit di Malta, “I palmenti di Malta e Gozo” Palma Silvestri, autore de "Nella mia isola, Palmenti e Capannelle, frammenti di memorie dell'Isola del Giglio" Mario Brandaglia, autore del saggio "Il vitigno Ansonica della provincia di Grosseto e della regione Toscana " Naida Panicucci Gruppo Archeologico Pisano "I Palmenti dell'Isola di Capraia" Maria Zanoni, Antropologa, presidente Arte26 “I palmenti di Calabria” Vincenzo D'Angelo, autore del libro "I palmenti di Pietragalla" Raffaele Riverso, Gruppo Archeologico Paolo Orsi, “I palmenti di S. Caterina Ionio” Chiuder il dibattito la dott.ssa Paola Rendini, Responsabile della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana con una relazione su: "Le ricerche archeologiche nell'Isola del Giglio" L’organizzazione dell'evento condotta dall’Associazione Patrum , che come Associazione Non Profit, la naturale istituzionalizzazione delle ricerche e degli studi compiuti in questi anni nel territorio dell’intero bacino del Mediterraneo. La Patrum si augura oggi di poter cooperare ad ogni livello affinch le sue ricerche siano diffuse a livello internazionale e che le sue ricerche e i suoi campi di salvataggio possano essere resi disponibili per sensibilizzare i giovani alla salvaguardia di questo grande patrimonio culturale e per favorire la nascita di nuove associazioni che, operando in un sistema integrato, possano creare nuove occasioni di studio e valorizzazione turistica di un insieme di testimonianze culturali di inestimabile valore storico e documentario. Brevi cenni storici sui Palmenti del Mediterraneo Intorno al III sec. a. C. l’economia della Magna Graecia era basata principalmente sulla produzione e sul commercio del vino. Nelle vallate del Bruzzano e del Buonamico era praticata la viticoltura, per la produzione di vini di qualit destinati all’esportazione. Tutta l’area collinare (circa 250 metri sul livello del mare) caratterizzata da terreni sciolti, con terrazzamenti (le armacie) contenuti da muri a secco, talvolta costruiti con grosse pietre irregolari a forma triangolare, secondo l’uso pelasgico (Sculli – I vitigni autoctoni della Locride - pag. 34). Notevoli estensioni di vigneti erano nel territorio di Ferruzzano, in un’area di circa mille ettari, dove sono stati individuati 152 palmenti che affiorano a cielo aperto, usati fino a tempi recenti ed ora invasi dalla macchia mediterranea, utilizzati come abbeveratoi per gli animali o distrutti per lasciare i terreni liberi da arare e coltivare senza impedimenti. Come il busto di Dioniso del VI sec. A. C. e le pinakes del tempio di Persefone in cui sono riprodotte scene di vendemmia e grappoli d’uva, anche i palmenti, manufatti per la vinificazione, legati ai vitigni impiantati in epoche remote su quelle colline, sono testimonianze da indagare per la conoscenza della storia, delle tradizioni popolari, delle trasformazioni del paesaggio agrario della Calabria meridionale, vocata alla vitivinicoltura ed all’esportazione di vini di qualit, come d’altronde altre zone (Sibari, Thurio, Laos) che producevano i vini pi rinomati della Magna Graecia (Biblino e Caicino). I palmenti raccontano la storia di un mondo contadino e pastorale, legato ad una cultura trasmessa oralmente che non ha potuto lasciare molte testimonianze scritte; illustrano il lavoro e le tecniche di trasformazione dell’uva, dal periodo greco ai nostri giorni. Come attestano fonti storiche, il nome vero e proprio di "palmentum" (il termine deriva dal latino palmes palmitis, tralcio di vite o da "paumentum", l'atto di battere, pigiare) lo si trova solo e con frequenza, in numerosi documenti medioevali del IX e X secolo dell'Italia meridionale, accanto a quello di "trapetum", suo omologo per la preparazione dell'olio. Il palmento tipo era costituito da due vasche scavate nella roccia arenaria, una superiore (buttscu) ed una inferirore (pinci), comunicanti attraverso un foro. Dove non c’era roccia friabile, il palmento veniva costruito in muratura, impermeabilizzando le vasche con uno stato di intonaco di circa 3 cm. costituito da sabbia e calce mista a coccio pestato che faceva da collante. L’uva versata nel buttscu, il cui foro veniva otturato con argilla, veniva pigiata con i piedi e lasciata riposare l per un giorno ed una notte; quindi, eliminato il tappo, si lasciava defluire il mosto nel pinci. Poi nella vasca superiore, attraverso delle scanalature ricavate nelle pareti laterali, veniva posizionata una grossa tavola piena di fori (forta), per creare una strettoia (consu) in cui si versavano le vinacce per essere ulteriormente schiacciate da una specie di pressa costituita da un tavolone di legno di quercia forato (chjancni) su cui poggiava un pesante tronco di legno (leva) che terminava a forcella, azionato da un tronchetto filettato (fusu), retto da una pesante pietra che fungeva da contrappeso (mzara). Infine il mosto veniva riposto nelle anfore vinarie. Su qualche palmento incisa una croce di sicura derivazione bizantina, riconoscibile dalla semifera con cui termina il braccio verticale. Le croci potrebbero essere state incise dai Bizantini su palmenti precedentemente scavati da altri che essi intesero utilizzare per la loro redditizia attivit vitivinicola, come attestano i resti di anfore vinarie magnogreche, presenti sulle coste del mediterraneo fino a tutto il periodo della dominazione bizantina in Calabria. Dalla comparazione con i Palmenti di Ferruzzano, grazie al lavoro del Prof. Anthony Bonanno, preside della Facolt di Archeologia dell’Universit di Malta, e della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Malta, (prof. Anthony Pace e prof. Nathaniel Cutajar) stata avviata un’analoga campagna di ricerca e catalogazione sul territorio dell’arcipelago maltese. Queste ricerche hanno portato ad una serie di importantissime scoperte di Palmenti nel territorio delle isole di Malta e Gozo, concentrati soprattutto in aree rurali come Xewkija, e in entrambi i lati di Mgarr ix-Xini canyon. Di particolare importanza storica e documentaria sono i Palmenti presenti nell’area di Misqa Tanks, nelle immediate vicinanze degli insediamenti neolitici di Mnajdra e Hagar Qim, cosa che suggerisce la presenza di un antico insediamento rurale di probabile epoca romana. Pi recentemente, nel luglio 2008 sono stati scoperti altri importanti Palmenti nelle aree di It-Tafal ta’ Bingemma, Ta’ Lippija e La Ferla Cross. Il progredire degli scambi culturali e l’organizzazione di vari incontri e ricerche comuni, ha portato negli anni al riconoscimento di svariati e molteplici esempi di palmenti, in Toscana, nelle isole del Giglio e di Capraia, in Basilicata a Pietragalla, ma anche in Israele, Bulgaria, Corsica, Marocco e Mauritania. Gli studi su questi antichi manufatti proseguono attraverso una convergenza anche di altre discipline, come la linguistica, l’epigrafia, la critica delle fonti scritte, l’etnologia, la geologia poich la lettura di queste testimonianze di civilt e culture indimenticabili poggia su differenti elementi linguistici ed etno-antropologici.



news

21-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 21 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news