LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2010-02-26 - PISA - Soprintendenza - Lungarno A. Pacinotti, 46
Workshop: urbanistica e agricoltura, tutela dell’ambiente e del paesaggio: verso una pianificazione integrata del territorio
Laboratorio del Paesaggio



PISA 26 Febbraio 2010 ore 09.00 - 18.00
Soprintendenza - Lungarno A. Pacinotti, 46
Segreteria convegno t: 050 0986740 - F: 050 3869009




Così come gli ultimi anni del novecento hanno visto all’interno della pianificazione territoriale la nascita e l’inserimento della cultura dell’ambiente e dell’ecologia analogamente i primi anni del 2000 hanno evidenziato sempre più, tra gli obiettivi centrali del buon governo, la crescente
importanza del paesaggio.

Da semplice parametro analitico, insieme all’aria, l’acqua o il suolo, nelle diverse e difficili valutazioni di impatto ambientale, a minima componente da tutelare o valorizzare, per quanto dispersa tra i molti, spesso troppi, riferimenti ed auspici connessi alla sostenibilità o alla ruralità, lo studio dei caratteri paesaggistici si è sempre più affermato come aspetto fondamentale, significativo ed indispensabile, per una corretta lettura del territorio. Anzi, nel breve arco del ventennio a cavallo del secolo, una normativa sempre più specifica e vincolante, seppure attuata secondo molteplici e troppo spesso obsolete o vacue metodologie di approccio, ha fatto della cultura paesaggistica l’emblema non tanto di una semplice tecnica di studio quanto di una nuova scuola di pensiero davvero innovativa nel rapporto tra società ed ambiente.
Il paesaggio, inteso come espressione culturale identitaria ed unitaria del territorio, come bene irripetibile ed esclusivo ereditato dalle infinite e particolari relazioni sviluppatesi nel corso del tempo tra uomo e natura, come senso di partecipazione diretta e responsabile delle popolazioni nel mantenere equilibri e valori presenti, come controllo adeguato delle modificazioni del proprio contesto ambientale, come insieme di risorse sociali ed economiche indispensabili per migliorare la qualità della vita delle persone, è subito apparso come valore obiettivo fondamentale capace non solo di rappresentare la realtà del mondo che ci circonda nel modo più compiuto possibile, anche se sintetico, ma addirittura di portare un rinnovamento epocale nel consueto modo del fare urbanistico e del concetto stesso di pianificazione. Un modo senza dubbio più aderente alla natura ed alla complessità del territorio e più vicino ai veri bisogni della gente. Eppure la nitidezza degli obiettivi teorici contrasta con i limiti degli strumenti metodologici e normativi che abbiamo a disposizione: insieme alla mancanza di una vera e propria scienza del paesaggio, dotata di buoni strumenti e di tecniche di valutazione precise e riconosciute da tutti, persiste tutta una serie di norme obsolete o mal ridisegnate, ridondanti se non contraddittorie, e di competenze troppo frammentate e ingombranti che continuano a creare ostacoli ad una corretta gestione dei beni e ad una giusta evoluzione dei processi di sviluppo.
Costruzione di strade e rotonde, pianificazione eolica e fotovoltaica, ripristini di cave, rete di corridoi naturalistici, multifunzionalità delle aziende agricole, gestione di aree protette e archeologiche: le problematiche del territorio vanno ormai ben oltre i soli temi dell’architettura e della città. Stato e Regioni, Province e Comuni, Enti Pubblici e Ordini Professionali, Parchi e Soprintendenze, tutti devono trovare, al di fuori degli schemi tradizionali, momenti veri di autocritica e tavoli di confronto e di verifica reale per dare ai propri organismi ed i le occasioni e le modalità per costruire davvero insieme un nuovo rinascimento umanistico di cui il bel paesaggio sia specchio fedele.

La giornata di lavoro e di confronto di Pisa si rivolge a tutti coloro che, tecnici, studenti o ricercatori, si occupano a vario titolo di paesaggio e dunque di territorio costruito e non, ma è indirizzata, in particolare, ai funzionari degli uffici pubblici che hanno competenze dirette nelle procedure di autorizzazione e di programmazione connesse al titolo terzo del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio ed ai professionisti dei diversi ordini di categoria. Il programma è articolato in maniera da consentire la presentazione dei problemi generali da parte dei responsabili delle diverse figure istituzionali lasciando però ampi spazi di partecipazione e di dibattito a tutti i partecipanti.

Ore 9,00 Registrazione partecipanti
Ore 9,30 Apertura dei lavori
Guglielmo M. Malchiodi - Soprintendente di Pisa
Saluti delle autorità e dei Presidenti degli Ordini
Le nuove procedure di autorizzazione paesaggistica dal 1 gennaio 2010

Daniela Sandroni - Dir. Beni Paesaggistici MiBAC
La politica del paesaggio in Italia

Marinella del Buono - Dir. Regionale Toscana MIBAC
Il ruolo delle Soprintendenze dal vincolo alla copianificazione

Lorenzo Paoli - Consulente ANCI Toscana
Area Governo del Territorio Il ruolo dei comuni nella tutela del paesaggio

Ore 11,00 Dibattito sui temi trattati
Ore 11,30 coff e break

Ore 11,45 ripresa dei lavori
La pianifi cazione paesaggistica nella Regione Toscana

Marco Gamberini e Cinzia Gandolfi - Regione Toscana
Governo del Territorio Regione Toscana “PIT e Paesaggio in Toscana”

Silvia Viviani - Presidente INU
Toscana “Centralità e limiti del piano”

Riccardo Lorenzi - Soprintendenza di Pisa
“Il Laboratorio del Paesaggio di Pisa come nuovo strumento di lavoro per tutti”

Dibattito sui temi trattati
Conclusioni Maddalena Ragni Direttore Regionale Beni Culturali MIBAC

Ore 14,00 Brunch
Ore 15,00 Ripresa dei lavori
Tutela dell’ambiente e pianifi cazione del paesaggio nelle aree verdi

Roberto Perlatti - Regione Toscana
“Le politiche regionali nei parchi e nelle aree protette”

Sergio Paglialunga - Direttore del Parco di S.Rossore
“Progetti e piani dentro e fuori un parco naturale”

Dario Franchini - Dirigente Provincia di Pisa
“Valutazioni d’impatto ambientale e tutela del paesaggio nel PTC”

Enrico Bonari e Maria Assunta Galli - Scienze Sperimentali Scuola Superiore S.Anna
“La pianifi cazione rurale tra agricoltura paesaggio e ambiente”

Dibattito sui temi trattati
Conclusioni
Riccardo Conti Assessore Urbanistica Regione Toscana

Comitato Scientifico
Giacomo Arrighi, Enrico Bonari, Luigi Casanovi, Giuliano Colombini, Marinella Del Buono, Dario Franchini, Marco Gamberini, Cinzia Gandolfi , Riccardo Lorenzi, Guglielmo Malchiodi, Lorenzo Paoli, Elisabetta Norci, Roberto Perlatti, Ambrogio Piu, Maddalena Ragni, Daniela Sandroni, Mario Paolo Semprini, Silvia Viviani


La partecipazione al workshop è gratuita ed aperta a tutti, previa iscrizione dal sito www.assform.it . L’attestato di partecipazione, sarà scaricabile dal www.assform.it sezione utenti.

Partner
Associazione Arspat
Collegio dei Geometri di Pisa
Ordine degli Agronomi e dei Forestali di Pisa
Ordine degli Architetti PPC di Pisa
Ordine degli Ingegneri di Pisa
Ordine dei Geologi della Toscana
Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli
Soprintendenza BAPSAE di Pisa



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news