LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2010-04-16 - Nemi, sala dei Piccoli Comuni, Corso Umberto 1
Tutela dai rischi territoriali, leggi urbanistiche arretrate
Mail alla Redazione del 10-4-2010

Societa' Italiana di Geologia Ambientale

Sezione Lazio

____________________________________

casella postale 2449 U.P. Roma 158 (via Marsala 39 - 00185 Roma)
SIGEA: tel/fax 06.5943344; e-mail info@sigeaweb.it
SIGEA Sezione LAZIO: fax 06.4469549; cell 328.7810703; e-mail lazio@sigeaweb.it
web: http:/sigeaweb.it/
web: http://lazio.sigeaweb.it/

SI INVIA AI SOCI DEL LAZIO UNA INIZIATIVA (NON SIGEA) CHE SI TERRA' A NEMI IL PROSSIMO 16 APRILE

Tutela dai rischi territoriali, leggi urbanistiche arretrate. Impossibile in Italia correggere gli errori di pianificazione mentre i disastri continuano



Poniamo il caso che un Sindaco, appena eletto si trovi ad amministrare un Piano Regolatore della propria citt che prevede (caso tuttaltro che raro in Italia) un forte uso del suolo a scopi edilizi ingiustificato, incrementi abitativi gonfiati dalle solite logiche del profitto, insediamenti costruttivi su terreni a rischio idrogeologico ed ambientale per di pi ricompresi nel perimetro di un Parco, infrastrutture viarie ed opere di urbanizzazione su aree con vaste presenze di importanti resti archeologici, un sindaco, si diceva, che provi a variare le destinazioni e le zonizzazioni descritte con una variante al PRG tesa a tutelare la salute e lincolumit pubblica, le riserve storiche ed ambientali; avr di sicuro grossi problemi con la legge.



In Italia, il controllo del suolo e della pianificazione territoriale non appartiene alla comunit ed unamministratore pubblico avr enormi problemi a cambiare lo stato dello cose anche in presenza di rischi o alti valori ambientali.

I diritti acquisiti, con indirizzate ed errate previsioni urbanistiche, dalle lobby dei costruttori non verranno mai cancellati anche se le opere sono previste sullalveo dei torrenti ed in prossimit di fossi, sopra una villa romana, dentro unarea riconosciuta di alto valore ambientale. Le loro ragioni saranno prevalenti su quelle che riguardano linteresse pubblico. Il sindaco verr condannato a risarcire pesantemente il danno al privato che non ha potuto edificare in quelle aree seppure a rischio.

E lamara conclusione di una lunga e tormentata vicenda urbanistica che riguarda un coraggioso sindaco, Vairo Canterani e la sua giunta, ed un piccolo comune dei Colli Albani, Nemi, nel tentativo oggi naufragato di tutelare le ragioni della pubblica comunit sugli interessi economici dei gruppi edilizi.

Siamo allinizio degli anni 90 quando Canterani viene eletto sindaco e la cittadina ha solo 1500 abitanti. Il territorio comunale completamente ricompreso allinterno del Parco Regionale dei Castelli Romani in una delle zone pi suggestive del mondo, sul bordo di un cratere vulcanico pieno dacqua, il bacino del lago di Nemi. Il Piano Regolatore risalente agli anni 70 prevede insediamenti abitativi per nuovi 6.000 abitanti, una variante del 1986 ridisegna il quadro, ma non cancella la mole pi imponente delle costruzioni edilizie previste dappertutto: sul bordo del cratere, nei boschi (Nemus il bosco sacro dellantichit) dove neanche Caligola si era azzardato a costruire. Ma in questi anni emergono delle novit . Sulla grande scala mondiale si fa strada una maggiore attenzione nei confronti di scelte urbanistiche riferite al sostenibile ed al rinnovabile per contenere e mantenere le risorse ambientali anche per le generazioni future. Nella scala locale il territorio di Nemi viene inserito allinterno del perimetro di tutela del Parco, il Ministero dei Beni Culturali riscopre in alcune aree grosse valenze archeologiche di cui estremamente ricco il sottosuolo, tutta larea, ricchissima di acqua, sottoposta al vincolo idrogeologico e sismico. Le costruzioni previste minacciano seriamente tutto lequilibrio territoriale, aumentano al massimo i rischi ambientali, distruggono natura, storia e cultura. Canterani cerca di correre ai ripari mentre i costruttori accendono i motori delle ruspe. Convoca un Team di esperti dellUniversit di Roma e fa redigere una Variante di salvaguardia impugnata dai costruttori ed annullata prima dal TAR e poi dal Consiglio di Stato. Seguono altre azioni amministrative tese ad allontanare quella che per Nemi sarebbe stata una catastrofe urbanistica e sociale oltre che ambientale. Tutti i provvedimenti negli anni, vengono annullati su richiesta delle potenti societ costruttrici. Ma intanto passano pi di ventanni, da dieci anni Nemi ha un altro sindaco che non condivide le tesi di Canterani, non si oppone, asseconda. I costruttori ottengono a gennaio 2010 una sentenza che riconosce loro il danno provocato dallamministrazione comunale per limpedimento a costruire e questo danno deve essere risarcito. Il conto viene fatto solo sulle esigenze del mancato guadagno, sugli aspetti che riguardano il profitto ed il vantaggio dei privati non considerando affatto, qui la carenza legislativa italiana, il ben pi considerevole danno pubblico.

Il territorio di Nemi frana e non sopporta carichi edilizi cos elevati ma solo interventi calibrati di riuso e recupero, e questo non per estremismo ambientalista ma perch la realt dei fatti testimoniata dagli studi scientifici.

Canterani ha agito per il bene della comunit ed invece viene condannato a risarcire i privati. Guardando ai recenti fatti di Sarno, Messina, Sanfratello, ecc. al disastro territoriale italiano degli ultimi anni i sindaci sono davanti ad una scelta:

lasciare che le cose vadano avanti cos chiudendo gli occhi oppure correre il rischio di vedersi ridotti in rovina per aver tentato di tutelare linteresse pubblico. Qualcosa non funziona. Ed i disastri, in questo stato di cose, sono destinati a ripetersi.





Una conferenza stampa il 16 aprile a Nemi, ore 17.30, sala dei Piccoli Comuni, Corso Umberto 1 racconter per intero questa incredibile vicenda .



Aderiscono:

Gruppo consiliare Nemi per Sempre nemipersempre@alice.it

Picchiorosso associazione per lambiente mov.picchiorosso@libero.it

Alternativamente www.alternativamente.info

Italia Nostra Castelli Romani





news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news