LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2010-10-01 - Torino, Lingotto Fiere
IL PATRIMONIO CHE PRODUCE RICCHEZZA: salone dedicato alle tecniche, tecnologie e metodologie per la conoscenza, conservazione, fruizione e gestione del Patrimonio Culturale
Mail alla Redazione del 18-6-2010

Dal 1 al 3 ottobre 2010 a Torino protagonista DNA Italia:
il primo salone italiano dedicato alle tecniche, tecnologie e metodologie per la conoscenza, conservazione, fruizione e gestione del Patrimonio Culturale.

LItalia uno straordinario museo a cielo aperto, unesposizione permanente di capolavori darte e di architettura che attraversa e intreccia il territorio, da nord a sud. Un capitale inestimabile per notoriet, variet e diffusione, ma anche e sempre di pi un patrimonio capace di produrre ricchezza, creare opportunit di impresa e sviluppo attraverso l'innovazione, incentivare la crescita economica e l'offerta di lavoro per i giovani.
Lo conferma il recente studio realizzato dallIstituto Guglielmo Tagliacarne, su impulso di Unioncamere e del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, che ha dimostrato come in Italia le attivit connesse alla valorizzazione e promozione del Patrimonio Culturale costituiscano una vera e propria filiera produttiva, con un impatto positivo non solo sul piano dellimmagine e del ruolo internazionale del Paese, ma anche sulleconomia. A parlare sono i numeri: il settore produce un valore aggiunto di circa 167 miliardi di euro, assorbe 3,8 milioni di occupati e conta (oltre agli operatori pubblici) circa 900.000 imprese. E sempre pi consistente il peso che il settore esercita sulleconomia italiana: il 12,7% in termini di valore aggiunto e il 15,4% in termini di occupazione.
Un vero e proprio universo, sempre pi ampio e diversificato, in cui agiscono e interagiscono imprese private e istituzioni, comunicazione e tecnologia, tradizione e creativit, artigianalit e nuove professioni. Oltre al turismo e alle attivit commerciali collegate, si stanno affermando le professioni connesse alla catalogazione, al recupero, alla tutela e valorizzazione dei Beni Culturali, dove si richiedono e sviluppano sempre pi spesso figure specializzate e tecnologie dedicate.
Sempre secondo i dati pubblicati dallo studio Tagliacarne, dal 2001 al 2006 il settore ha avuto una crescita superiore al totale delleconomia, sia in termini di valore aggiunto, +4,3% contro +3,5% in media annuale, sia di occupazione, +2,9% contro +1,3%. Il profilo che ne emerge quello di un settore dove circa la met dei suoi operatori (49,4%) significativamente coinvolta nel processo culturale e dove le aziende interessate si affermano come eccellenze, future rappresentanti di un nuovo Made in Italy, che, rispetto alla media degli altri settori, manifesta un maggiore orientamento allinnovazione tecnologica.
La cultura, inoltre, e dunque tutto il suo indotto economico, non solo il settore che - come confermano i dati presentati a dicembre 2009 da Federculture - ha retto pi di altri alla crisi, ma che si candida a essere uno dei fattori trainanti della ripresa.
Da qui nasce lidea di DNA Italia, il primo salone italiano interamente dedicato alle tecniche, tecnologie e metodologie per la conoscenza, conservazione, fruizione e gestione del Patrimonio Culturale. Al Lingotto Fiere di Torino, dal 1 al 3 ottobre 2010, DNA Italia, grazie a uninnovativa formula espositiva tesa a valorizzare contenuti ed esperienze, ospita i progetti, i materiali, le tecnologie davanguardia di tutti quei soggetti gi operanti nel settore, ma anche di quelle imprese che oggi producono innovazione applicabile al Patrimonio Culturale.
Le tecnologie per il suono e lilluminazione utilizzate per creare modalit innovative di lettura delle opere darte o nuovi percorsi allinterno dei contesti urbani, la sensoristica applicata alla messa in sicurezza degli edifici storici, la diagnostica e limaging per le indagini e il restauro delle opere darte, i nuovi sistemi di catalogazione per le biblioteche o per archivi storici, il multimediale e il digitale come nuova modalit di fruizione dei contenuti, fino alle tecnologie spaziali per verificare lagibilit dei luoghi, sono solo alcuni degli esempi delle innovazioni presentate al Salone DNA Italia.
Una grande opportunit per progettare insieme un futuro di progresso e di crescita economica per il mondo della cultura e dellimpresa, rileggendo il rapporto fra Beni Culturali e innovazione alla luce delle nuove prospettive che suggerisce la contemporaneit. Un'occasione unica per riunire in un sistema sinergico le tante realt che operano nellambito del settore Beni Culturali, per raccontarle, farle incontrare, conoscersi e riconoscersi come appartenenti a un'unica filiera.
DNA Italia non solo un momento espositivo. Un programma culturale IN e OFF completa il Salone con ulteriori contenuti e fornisce interessanti spunti di riflessione e confronto tra i suoi operatori, aprendosi allo stesso tempo ai non addetti ai lavori. Oltre al programma di incontri, laboratori, workshop sui temi di Cultura ed Economia, Comunicare il Territorio, Turismo Culturale e Urbano, Beni Culturali e Tecnologia, Nuove Professionalit e Case History, previsti allinterno del salone, DNA Italia coinvolge attivamente la citt che lo ospita e gli attori culturali presenti sul territorio con un programma parallelo esterno.
A qualche mese dallappuntamento DNA Italia gi una realt sul web.
Il sito www.dnaitalia.eu, attivo dal mese di novembre, punta a diventare, parallelamente al Salone, un luogo di fertile scambio di informazioni e opinioni sul settore, un laboratorio multimediale di idee e contenuti cui attingere anche per integrare e ampliare con contributi esterni la programmazione culturale del Salone e del territorio.

DNA Italia un progetto di Biella Intraprendere spa, societ che cura la segreteria organizzativa del Salone Internazionale del Libro di Torino, e si avvale della collaborazione di Eventi 3, studio di progettazione del Salone Internazionale del Libro di Torino e del Salone Internazionale del Gusto di Torino e di Kanso di Andrea Granelli, societ di consulenza focalizzata sui temi dell'innovazione e della customer experience.
DNA Italia realizzato con il patrocinio di: MIBAC - Ministero dei Beni Culturali, MISE - Ministero dello Sviluppo Economico, MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Universit e della Ricerca, Federculture, Prorestauro Italia, Civita, CNA Piemonte - Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa, Confartigianato Imprese Piemonte e Citt di Torino.
DNA Italia inoltre inserito nel calendario degli eventi legati alle celebrazioni dei 150 anni dellUnit dItalia.

Ufficio Stampa Stilema, Via Cavour 19 Torino - tel. +39 011 530066



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news