LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2013-03-06 -
Sei lezioni di Salvatore Settis - L'arte classica tra passato e futuro"
Rai Educational
www.uffIciostampa.rai.it

24 www.ufFIciostampa.rai.it TV RADIOCORRIERE 25


Uno tra i nomi pi alti della cultura italiana anche l'autore
del nuovo programma di Rai Educational, in sei puntate dal 2
marzo al 6 aprile ogni sabato pomeriggio su Rai Storia. Settis
propone un interessante percorso che vede protagonista la cultura
classica: L'obiettivo far comprendere che tra la cultura greca
e quella contemporanea esiste una continuit e che per capire
il nostro presente necessaria la conoscenza del passato.

SIAMO FIGLI DI UNA GRANDE CIVILT

Ci portiamo la Grecia in testa, soprattutto perch siamo figli
di questa civilt.
Lo afferma Salvatore Settis, uno dei massimi studiosi di archeologia, autore del nuovo programma di Rai Educational "Sei lezioni di Salvatore Settis - L'arte classica tra passato e futuro". Questa trasmissione - spiega lo studioso - si
collega al mio libro "Futuro del classico" edito da Einaudi, tradotto in dodici lingue.

In tutto sei puntate in onda dal 2 marzo al 6 aprile ogni sabato alle 18.00 su Rai Storia e, in replica, il venerd dall'8 marzo all'1.10 su Rai3.
Le puntate si articolano lungo un unico filo conduttore. Ciascuna - afferma Settis - ha la propria indipendenza,
ma tutte sono collegate tra loro. L'ultima rappresenta il
culmine di un percorso. L'obiettivo far comprendere che tra la
cultura greca e quella contemporanea esiste una continuit e che
per capire il nostro presente necessaria la conoscenza del passato.

Un percorso che vede protagonista la cultura classica che si
misura con quella tecnologica, la
trasformazione di templi pagani in
chiese cristiane come meccanismo
di sopravvivenza delle architetture
antiche e infine un nuovo sguardo
alle statue della Grecia classica,
riscoperte oggi come colorate
e brillanti, contro una tradizione
che le vuole bianche e fredde.
Ad accompagnare i telespettatori
in questo particolare approfondimento
l'esperienza di Settis,
gi direttore della
"Normale" di Pisa
e nome tra i pi
alti del panorama
culturale italiano:
un'opportunit per
scoprire le attrattive
e le potenzialit
ancora nascoste
nell'arte classica,
ma anche per capire
al meglio l'affascinante
mondo
della cultura greca.
Mi occupo di temi
- precisa lo studioso
- che riguardano
la tutela del patrimonio culturale
e non si pu prescindere dal rapporto
tra cultura contemporanea
e il senso della storia e della memoria
che ci portiamo dietro. Si
parte dalle origini per arrivare fino
alle numerose occasioni di riscoperta
e recupero che, nel corso dei
secoli, sono state proposte. Un
vero e proprio viaggio nel quale
lo studioso aiuta a scoprire il concetto
di "classico". La sua competenza
di arte antica, insieme alla
capacit di difendere bellezza e
integrit dei beni paesaggistici,
rappresentano il valore aggiunto
di un ciclo che vede nella Centrale
Montemartini, sede aggiuntiva
dei Musei Capitolini, dove le statue
antiche sono collocate in un
contesto di archeologia industriale,
lo sfondo perfetto per rappresentare
al meglio un messaggio,
quello della cultura classica, che
pu ancora parlare al nostro presente.
Settis, aiutato da immagini
che accompagnano il racconto,
evidenzia la capacit del "classico"
di evolversi e mutare nel
tempo, contraddicendo i concetti
statici e immobili che, per lungo
tempo, lo avevano caratterizzato.
Strumenti di approfondimento
ed evoluzione di questo itinerario
sono testimonianze e reperti
disponibili nel Rinascimento,
ampliati poi dalle scoperte del
Settecento e successivamente da
scavi e ritrovamenti dall'Ottocento
ad oggi. 􀂄 (Mari.Co.)

TRACCE DI CLASSICISMO INTORNO A NOI - 2 marzo
Nella prima lezione vengono esaminate le tracce della presenza di temi greci e romani in regioni assai lontane, oltre ad
elementi dell'architettura greca che fanno parte del lessico progettuale di edifici e monumenti a Berlino, a Londra, in
America (basti pensare alla Casa Bianca) e addirittura in Giappone. Ispirazioni basilari per la formazione di architetti del
Novecento come Le Corbusier o Loos.

RISCOPERTA DELL'ARTE GRECA DAL SETTECENTO AL NOVECENTO - 9 marzo
Fino al Settecento l'arte classica veniva vista come un blocco unico in cui greci e romani non si distinguevano. Lo stesso
Grand Tour finiva a Napoli, pi raramente in Sicilia. Paestum non era stata ancora scoperta e i viaggi nella Grecia ottomana
quasi impossibili. Con il passare del tempo emersa una grecit diversa, un ordine dorico ad Atene differente da quello dei
templi di Selinunte. Questo ha dato il via a una serie di ipotesi e di punti di vista, a volte campanilistici, sulla maggiore o
minore "autenticit" dei romani rispetto ai greci e viceversa. Un dibattito destinato a durare nel tempo anche per la sua
influenza in campo morale e politico.

ARTE CLASSICA, LIBERT, RIVOLUZIONI: LA LEZIONE DI WINCKELMANN - 16 marzo
Winckelmann stato un grandissimo personaggio del Settecento. Bibliotecario in Germania, poi alla corte pontificia, antiquario
del papa, ha cambiato la visione della storia dell'arte antica in modo radicale costruendo una storia dell'arte basata
sulla sua conoscenza dei reperti che man mano venivano ritrovati. Mettendoli a confronto con i testi classici, elabor un
modello quasi "biologico" dell'arte greca, che ne assimila lo sviluppo a quello di una vita umana e vede la sua fase finale,
la vecchiaia, nell'arte romana.

DALLE ROVINE AL MUSEO: L'ARTE CLASSICA RISORGE NEL RINASCIMENTO - 23 marzo
Oggi troviamo l'arte classica nei musei, ma i nostri musei pubblici nascono come evoluzioni delle collezioni dei sovrani. Le
raccolte private, di Papi o nobili che per proprio piacere acquistavano marmi o bronzi e le mostravano a ristrette cerchie di
amici, furono una "novit" culturale del Rinascimento. Fu visitando queste collezioni, anche quelle in piccole case private,
che gli artisti cominciarono ad interessarsi all'antico, prendendo a modello gesti, schemi rappresentativi, posizioni che
provengono dagli antichi, e seppero farle proprie. Il gesto di dolore di una figura dei sarcofagi con la "Morte di Meleagro"
viene ripreso tale e quale da Nicola Pisano e il braccio inerte di Meleagro morto diventa un paradigma per "illustrare" la
morte che ritroviamo in Raffaello e poi in Caravaggio e poi nel Marat di David. La gestualit antica giunge cos dai sarcofagi
riutilizzati nelle chiese medioevali fino a Picasso e a Guttuso.

PERCH I GRECI HANNO INVENTATO L'IDEA DI "CLASSICO" - 30 marzo
Il temine "classicus" in latino legato alla parola "classis", che voleva dire classe anche nel senso di classe di contribuenti.
Classicus era il contribuente che pagava di pi, quello che pagava pi tasse e, come tale, il pi prezioso, il pi importante.
E i greci, avevano una loro classicit? Guardavano verso il passato in qualche modo? All'epoca della polis il popolo greco
pensava al futuro e in parte al presente. Solo con il declino dell'indipendenza, con la sudditanza a imperi come quello
macedone e poi quello romano si comincia a guardare al passato con nostalgia, ma anche come a un deposito perpetuo
di idee ed energie per il futuro.

L'ARTE CLASSICA, L'EUROPA E LE ALTRE CULTURE - 6 aprile
"L'arte greca ci obbliga a una costante ginnastica spirituale, perch dobbiamo pensarla guardando all'arte moderna. Nell'una
e nell'altra, nell'arte greca come nell'arte moderna, vediamo un gusto per gli slanci istintivi e per la regola. Un'audacia
dell'invenzione e un attaccamento alla passione che sono, anche nell'arte greca, del pi puro e incontestabile spirito
moderno".


Salvatore Settis
LE "SEI LEZIONI DI SALVATORE SETTIS"



news

20-05-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 maggio 2018

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

Archivio news