LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2015-10-15 - Padova, Auditorium del Centro Culturale San Gaetano
BENI CULTURALI E MERCATO: MISSIONE (IM)POSSIBILE?

Il manager culturale Roberto Grossi e larcheologo-storico dellarte Salvatore Settis a confronto a Padova il prossimo 15 ottobre.



Saranno il manager culturale e presidente di Federculture dellAccademia di Belle Arti di Roma Roberto Grossi e larcheologo-storico dellarte di fama mondiale Salvatore Settis, ex direttore del Getty Research Institute a Los Angeles, i protagonisti del prossimo incontro di Segnavie, ciclo di conferenze promosso e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. INGRESSO LIBERO E GRATUITO FINO A ESAURIMENTO POSTI.


Il 15 ottobre alle ore 17.45 nellAuditorium del Centro Culturale San Gaetano (Via Altinate 71, Padova) Grossi e Settis, intervistati dalla giornalista di Sette Corriere della Sera Eliana Liotta, si confronteranno da posizioni differenti sulle strategie da adottare rispetto alla costante riduzione degli investimenti pubblici e privati in cultura, in un Paese come l'Italia che vanta un patrimonio artistico e culturale tra i pi rilevanti al mondo.

Che fare? Di fronte a questa domanda, le risposte si collocano su un asse che ha, ad un estremo, la conservazione del patrimonio artistico e, allaltro, la sua valorizzazione. Partendo dalla scarsit di risorse economiche disponibili, dovremmo investire di pi nella conservazione o nella promozione del nostro patrimonio artistico? E, se si ritiene opportuno investire in entrambi, in che misura dovremmo finanziare luno e laltro? Risponderanno a queste e a tante altre domande sul tema gli ospiti del quarto appuntamento di Segnavie 2015.



ALCUNI DEI PRINCIPALI DATI DELL11 RAPPORTO FEDERCULTURE

Torna a crescere la domanda in cultura con ampie differenze territoriali

Secondo l11 Rapporto Federculture, presentato a luglio, la fase peggiore della crisi sembra passata e anche nel settore culturale si avvertono i primi segnali di ripresa. Le politiche culturali degli ultimi due anni hanno gettato le basi per un futuro sviluppo. Molta strada, tuttavia, resta ancora da percorrere per portare la cultura al centro delle strategie di crescita del Paese, riconoscendole un ruolo importante di propulsore dello sviluppo economico e sociale.

La domanda di cultura torna a crescere, ma permangono ampie differenze territoriali e una forte astensione. Il 2014 ha segnato un riavvicinamento dei cittadini alla cultura: musei e mostre hanno fatto registrare, rispetto al 2013, +7,7% di visitatori. Il rapporto degli italiani con le attivit culturali e il patrimonio, tuttavia, ancora da costruire, tanto che in molte aree del Paese l80% dei cittadini non entra mai in un museo.

Turismo: il Bel Paese attrae ma occorrono strategie di crescita

Sul fronte turismo, lItalia cresce ma ad un ritmo inferiore rispetto ai principali competitor: lincremento dei viaggiatori stranieri nel nostro Paese stato del 2,2%, la met della crescita turistica in Europa (4,5%).
Il nostro Paese non coglie ancora appieno le possibilit attrattive e di sviluppo, anche turistico, offerte dallincomparabile ricchezza paesaggistica e culturale del territorio, in particolare nelle regioni del Sud.
Il settore pi vivace quello del turismo culturale. I flussi turistici nelle citt darte incidono sul totale delle destinazioni turistiche per il 36% in termini di arrivi e per il 27% come presenze, con un trend di crescita costante negli anni e con una performance che la migliore tra i diversi segmenti turistici.

Resta aperto il nodo delle risorse economiche

Sul fronte delle risorse pubbliche: lo stanziamento del MiBACT stabile intorno ai 1.500 milioni di euro lanno (che tuttavia rappresentano solo lo 0,13% del PIL e lo 0,19% del bilancio dello Stato), quello del Fus (Fondo unico per lo spettacolo) bloccato a 406 milioni di euro.

Dopo un prolungato calo, risale a quasi 2 miliardi lanno la spesa in cultura dei Comuni, mentre diminuiscono del 18% gli investimenti delle Province. Le erogazioni liberali da privati e imprese, di cui si invoca costantemente il contributo economico per sostenere la cultura, sono diminuite del 19%.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news