LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2005-09-14 - Roma- Complesso Monumentale del S. Michele
COSTRUIRE CON LA CULTURA, IL FORUM CHE DETTA LE REGOLE D'ORO


DARC e Impresa e Cultura
www.culturalweb.it


mercoled 14 settembre 2005

Fondazioni museali, mecenatismo privato, grandi strategie aziendali: esiste oggi una via italiana per mettere in relazione imprese, cultura e territorio per il rilancio economico del paese e al contempo promuovere una nuova socialit. Esperti, rappresentanti delle istituzioni e delle aziende ne hanno discusso a Roma per 'Costruire con la cultura. Dieci regole d'oro per mettere in relazione imprese, cultura e territori. Organizzato dalla Darc (Direzione generale per l'architettura e l'arte contemporanee) del ministero dei Beni attivitit culturali e dal Sistema Impresa e cultura (promotore, tra l'altro, del Premio istituito nel '97 per le imprese di ogni dimensione che investono in cultura), l'incontro ha cercato di definire un linguaggio comune tra i diversi attori in gioco per
mettere a fuoco le reciproche esigenze, con chiarezza di obiettivi e rispetto dei ruoli. Per un coinvolgimento
dell'impresa da parte delle istituzioni culturali che superi definitivamente la strategia perdente della semplice
sponsorizzazione.
''Non l'acciaio, non il cemento, ma la cultura e' la materia prima per le imprese'', e' la frase che riassume la filosofia del forum internazionale che si e' tenuto oggi presso la Sala dello Stenditoio del complesso monumentale di San Michele a Ripa, a Roma, e che ha esaminato il rapporto fra cultura e imprese. La tavola rotonda, ''Costruire con la cultura, dieci regole d'oro per mettere in relazione imprese, cultura e territorio'', e' stata organizzata dalla Darc - Direzione generale per l'architettura e l'arte contemporanee del ministero per i Beni e le Attivita' culturali, e Sistema Impresa e Cultura. Un dibattito su come trasformare imprenditori in filantropi, poiche' la relazione tra impresa e cultura viene vista come la chiave di volta per raggiungere
il duplice obiettivo di contribuire al rilancio economico del paese e promuovere una nuova socialita', piu' matura e consapevole.Ma, come ha ricordato Colin Tweddy, della Ceo Arts Business e presidente Cerec, riferendosi
all'esempio inglese, i finanziamenti privati non devono sostituire quelli pubblici, ne' sembra possibile il verificarsi del contrario, ma le due realta' devono camminare insieme, lavorando a stretto contatto.
Incentivare l'investimento in cultura e' proprio l'impegno che il ministero per i Beni e le Attivita' culturali e la Darc intendono portare avanti insieme a Sistema Impresa e Cultura. ''La produzione industriale e l'impresa si ispirano spesso a visioni artistiche - ha sottolineato Pio Baldi, direttore generale Darc - Le intuizioni artistiche di oggi possono diventare il design e la grafica di domani e per questo impresa e arte devono collaborare non in maniera saltuaria, ma attraverso la ricerca di punti in comune''. Tale obiettivo puo' essere perseguito attraverso l'attuazione di alcuni passi fondamentali: definire un linguaggio comune; conoscere le reciproche esigenze; costruire un rapporto paritario e di fiducia, basato su obiettivi chiari e definiti nel rispetto dei ruoli; essere
disponibili ad un coinvolgimento progettuale e non solo economico. 'I termini cultura e denaro non
sono antitetici, anzi - ha ricordato Francesco Sicilia, capo dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici del ministero per i Beni e le Attivita' culturali - oggi c'e' una maggiore richiesta culturale e il settore, economicamente parlando, e' in crescita. Questo significa anche maggiore attenzione alla tutela e consapevolezza del settore pubblico. Il ministero e' pronto ad operare in sinergia con le imprese, e' una strada che abbiamo gia' percorso e sulla quale intendiamo continuare''.
Idee condivise dalla Arcus Spa: ''L'investimento in cultura - ha dichiarato Mario Ciaccia, presidente della societa' - e' importante per la piccola e media impresa che partecipa, cosi', a pieno titolo alla crescita del paese. Non si tratta solo di sponsorizzazione, ma di un investimento vero e proprio che puo' avere un ritorno reale e quantificabile. investire in cultura rappresenta sicuramente per le imprese unopportunit per potenziare la relazione con il territorio, creare occasioni di contatto e comunicare con i cittadini, i consumatori, le autorit, le istituzioni e le associazioni. La cultura diviene in tal modo una grande opportunit comunicazionale
La crescita culturale oggi e' determinata dal connubio tra impresa e cultura''. L'incontro e' stato anche l'occasione per presentare l'indagine inedita dedicata alle istituzioni culturali italiane capaci di interagire con il mondo dell'impresa: ''Relazioni vincenti: conquistare le imprese oltre lo sponsor. 30 istituzioni culturali italiane raccontano come'', quarta pubblicazione della collana Impresa e Cultura riservata a progetti in
cui la cultura rappresenta una risorsa in grado di distinguere, posizionare e qualificare l'impresa.

A cura della redazione di CulturalWeb.it



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news