LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2003-04-09 - Piazza Armerina (EN)
I convegno internazionale di studi: La materia e i segni della storia

Dal 9 al 13 aprile 2003 Piazza Armerina ospiter il Primo Convegno Internazionale di Studi "La Materia e i Segni della Storia", organizzato dal Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro e promosso dall'Assessorato Regionale dei Beni Culturali ed Ambientali. Alle quattro giornate dei lavori parteciperanno gli archeologi che negli ultimi anni hanno effettuato gli scavi pi significativi nel Mediterraneo e gli studiosi che hanno sviluppato esperienze innovative di indagini e tecniche d'intervento per la conservazione del patrimonio musivo antico.

La Chiesa Cattedrale di Maria SS. delle Vittorie ospiter il pomeriggio del nove aprile il prologo del convegno, che assume un alto valore simbolico per i venti di guerra che segnano la realt mondiale di questi mesi. Il Nunzio Apostolico in Italia, Sua Eccellenza Mons. Paolo Romeo introdurr il tema de "La Pace per la Cultura, per una Cultura di Pace" e presenter le relazioni, a cura di Sua Eccellenza Mons. Francesco Marchisano, Presidente della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa, del Prof. Yoram Tsafrir della The Jewish National and University Library The Hebrew University di Jerusalem, e del Prof. Sadik Jalal al Azm Emeritus Professor of the History of Modern European Philosophy - Damascus University, Prof. Hamid Dabashi Professor of Iranian Studies E' questo il contributo che il convegno offre alla causa comune della pace che, come per il mosaico, possibile costruire nel dialogo tra popoli diversi che condividono i temi fondamentali della cultura. Un dialogo intessuto tra i popoli del Mediterraneo che anche confronto e conoscenza reciproca delle esperienze di fruizione e di conservazione dei mosaici antichi, che verranno illustrate nella Mostra sulle Culture del Mediterraneo, inaugurata al termine della sessione inaugurale e visitabile durante i giorni dei lavori nei locali della Chiesa di S. Ignazio.
La relazione introduttiva affidata al Prof. Demetrios Michelides del Archaeological Research Unit dell'University of Cyprus, ed alla Prof. Katherine Dunbabin Mc Master University Hamilton Ontario Canada.

Il sottotitolo del convegno "Contributi analitici alla Carta del Rischio. La manutenzione programmata per la Conservazione ed il Recupero di apparati musivi antichi nell'Area del Mediterraneo" introduce al tema centrale delle sessioni di studio, la conoscenza della realt dei mosaici antichi che costituisce l'atto minimo della programmazione intelligente di una sua efficace e duratura conservazione.
Ed infatti la prima giornata del convegno sar dedicata alle ricerche condotte negli ultimi anni nel Mediterraneo da archeologi di Soprintendenze italiane e di Istituti Universitari e di Ricerca internazionali: descriveranno il loro impegno nell'aggiornare ed approfondire le conoscenze sui patrimoni musivi gi precedentemente scoperti, nell'ampliare con nuovi scavi le conoscenze sulle realt territoriali mediterranee, nel documentare e rilevare i mosaici per conservarne la memoria. Gli ambiti di studio e di ricerca illustrati spazieranno in una vastissima area geografica: dalla Spagna ai paesi del Maghreb, dall'Egitto al Medio Oriente, dall'Egeo sino alla Croazia e alla Francia; ma anche realt presenti nel meridione d'Italia e, per la Sicilia, le Ville romane del Casale e del Tellaro.
La conservazione del patrimonio musivo antico sar il tema della seconda giornata, introducendo i lavori con l'osservazione delle recenti esperienze maturate in Sicilia di nuovi scavi, o relative a problemi conservativi e alle attivit d'indagine del patrimonio gi scavato o precedentemente musealizzato. L'esempio dei pavimenti musivi siciliani, e in particolare della Villa del Casale, consentir di descrivere gli apporti scientifici forniti dai diversi studiosi per arrivare ad un metodo d'indagine utile a comprendere i meccanismi di aggressione e di degrado che colpiscono i mosaici, a definire le soluzioni pi opportune, e infine a scegliere le tecniche e i materiali di restauro pi adeguati. Il tema verr ulteriormente sviluppato nelle due sessioni pomeridiane, dedicate alla descrizione degli interventi di conservazione e di manutenzione programmata realizzati in numerose aree italiane e del Mediterraneo, alla realizzazione di coperture archeologiche ed alla valutazione del ruolo e dell'efficienza dei diversi interventi tecnologici.

La mattinata della terza giornata di lavori dedicata agli interventi sui temi che fanno riferimento alla Carta del Rischio del Patrimonio Culturale ed Ambientale e che nel loro complesso vogliono fissare i criteri di una Manutenzione Programmata per conservare e recuperare gli apparati musivi antichi presenti nel Mediterraneo; definendo metodi d'indagine e criteri per ridurre la vulnerabilit del patrimonio musivo, o per creare ed applicare specifici protocolli di manutenzione. Saranno esposte le diverse esperienze realizzate: dal progetto nazionale di Carta del Rischio a quello regionale condotto in Sicilia dal Centro Regionale per la Progettazione ed il Restauro; ma anche lo studio di una Carta del rischio archeologico delle Marche e le analoghe ricerche condotte sulle architetture antiche nelle aree mediterranee dell'Egitto, Israele e Turchia.
La fase finale del convegno vedr lo sviluppo degli studi condotti da quattro gruppi di lavoro che affronteranno i temi centrali della conservazione dei mosaici: come creare e gestire le banche dati per formare conoscenze utili alla conservazione, come formare le professionalit per determinare una manutenzione programmata, come valutare i problemi legati alle diverse realt degli interventi, quali sistemi di protezione e quali criteri adottare per una valorizzazione e fruizione sostenibile dei mosaici antichi.
Alcune attivit collaterali accompagneranno lo sviluppo del convegno; in particolare in un'ampia sessione poster verr illustrata l'attivit di ricerca condotta sulle scoperte e la conservazione del patrimonio musivo antico che non potr trovare spazio all'interno delle diverse sessioni. Importanti realt industriali e del mondo imprenditoriale realizzeranno esposizioni delle loro attivit nel campo delle strumentazioni e delle tecniche per la lettura documentazione e conservazione degli apparati musivi, mentre le pi importanti istituzioni italiane del settore effettueranno simulazioni di costruzione e restauro di mosaici.
Saranno numerosi gli eventi che allieteranno il soggiorno degli studiosi durante questo importante convegno scientifico internazionale e faranno conoscere la realt culturale di Piazza Armerina e delle aree vicine, densa di stratificazioni storiche: un'edizione straordinaria del Palio dei Normanni, la celebrazione della Sagra della Colombina, concerti di musica sacra, una mostra sulle feste popolari del territorio, ed una mostra sulle Culture del Mediterraneo, attraverso una raccolta fotografica che illustrer i principali monumenti presenti in Sicilia, in confronto con le architetture storiche di altri Paesi del bacino del Mediterraneo, saranno questi spunti per visitare gli spazi pi rappresentativi e i principali edifici monumentali; visite guidate alla Judecca Ebraica ed al Gran Priorato di Sant'Andrea sono previste per i partecipanti al convegno, cos come alla Villa Romana del Casale, agli scavi di Morgantina ed all'antiquarium archeologico di Aidone.

Il Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro (C.R.P.R.) l'istituto di ricerca dell'Assessorato Regionale Beni Culturali ed Ambientali preposto agli studi ed alle indagini per la conservazione del patrimonio culturale siciliano; e quindi, per l'autonomia amministrativa della Regione nel campo dei beni culturali, il Centro assume lo stesso ruolo che l'Istituto Centrale del Restauro svolge in campo nazionale.
Con le sue unit di ricerca tecnico scientifica, coordinate dal Servizio Ricerca, consulente delle Soprintendenze siciliane nel fornire indirizzi e criteri per la manutenzione e restauro delle diverse tipologie del patrimonio culturale ed ambientale; i suoi laboratori scientifici, coordinati dal Servizio Restauro, forniscono un analogo supporto e definiscono percorsi d'indagine sulle caratteristiche e stato di degrado dei materiali che costituiscono i beni, mentre i laboratori di restauro applicano sperimentalmente tecniche di restauro, definiscono metodiche d'intervento ottimali ed eseguono interventi di particolare complessit.
Il C.R.P.R. svolge anche compiti di Alta Formazione nel campo della conservazione e del restauro ed ha tra i suoi obiettivi principali la realizzazione della Carta del Rischio del Patrimonio Culturale ed Ambientale della Regione Siciliana, e la costituzione di un Polo Regionale per l'Alta Tecnologia applicata alla Conservazione dei Beni Culturali.


Per ulteriori informazioni: Segreteria organizzativa: Biba Congressi referente organizzativo Valentina Borgese Via Emilia n.38 - 90144 PALERMO


Segreteria Tecnica Organizzativa: Centro Regionale Progettazione e Restauro Via Cristoforo Colombo n.52 - 90412 PALERMO
Fax: +390916376088, e-mail crpr.area@regione.sicilia.it
Referenti: E. Lentini (tel: 0916398620), M. Di Ferro (tel:0916398622)




news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news