LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2005-11-28 - Rovereto
Convegno: creativit e cultura per uno sviluppo locale innovativo

Convegno: Linking creativity and culture
for an innovative local development
creativit e cultura per uno sviluppo locale innovativo

Rovereto,Mart

PROGRAMMA
08.45
Accoglienza dei partecipanti

SESSIONE DEL MATTINO
Presiede: Mario Marangoni,
Presidente della Fondazione CARITRO, Trento
09-00
Saluto di Lorenzo Dellai, Presidente della Provincia autonoma di Trento
09.10
"Perch cresce il ruolo della cultura nelle politiche per lo sviluppo economico?",
Intervento introduttivo di Margherita Cogo, Vicepresidente e Assessore alla Cultura della Provincia autonoma di Trento
09.30
"I contributi della cultura allo sviluppo locale",
Xavier Greffe, Docente presso l'Universit di Parigi I - La Sorbona, Parigi
10.00
Sessione di domande e risposte
10.10
"Cultura, industrie creative e sviluppo economico a Glasgow", Kevin Kane, Direttore di Scottish Enterprise, Glasgow
10.30
"Nagahama, rivitalizzazione della citt tramite iniziative artistiche e culturali", Emiko Kakiuchi, Docente presso l'Istituto Superiore di Studi Politici, Tokyo
10.50
Sessione di domande e risposte
11.00
COFFEE BREAK
11.3O
Presiede: Giovanni Padula, Direttore di CityO, Milano
"Il potenziale turistico del patrimonio culturale: quali sono le poste in gioco per lo sviluppo locale?", Alain Dupeyras, Economista presso CFE/SME, OCSE, Parigi
11.50
"Qualit dell'intervento pubblico e riorganizzazione dell'offerta: il modello italiano per lo sviluppo", Roberto Grossi, Segretario Generale di Federculture, Roma
12.10
"II contesto trentino e le sfide per l'intervento pubblico nel settore culturale",
Patrizia Pizzini, Pizzini & Partners, Trento
12.30 Dibattito e conclusioni della sessione

I3.OO BUFFET

SESSIONE DEL POMERIGGIO
I4.3O
Presiede: Carlo Borzaga, Preside della Facolt di Economia dell'Universit di Trento
I4.4O
"Estetica, contrattazione di tempo e creativit",
Anna Scalf, Componente dell'Area di Ricerca in Cognition Organizational Learning and Aesthetics, Universit di Trento
15.00
VIDEOCONFERENZA
"L'ascesa e la fuga della nuova classe creativa",
Richard Florida, Docente presso la George Mason University (Fairfax, Virginia), Partner di Creativity Group Europe e Irene Tinagli, Ricercatrice presso la Carnegie Mellon University (Pittsburgh, Pennsylvania), Partner di Creativity Group Europe
Dibattito

16.30
TAVOLA ROTONDA
Moderatore: Salvatore Carrubba, Editorialista e Direttore di Strategie de II Sole-24 Ore, Milano
Partecipano:
Marco Causi, Assessore al Bilancio del Comune di Roma
Margherita Cogo, Vicepresidente e Assessore
alla Cultura della Provincia autonoma di Trento
Dario Disegni, Responsabile dell'Area Cultura, Arte
e Beni Ambientali della Compagnia di San Paolo, Torino
Michela Bondardo, Vicepresidente di Sistema Impresa e Cultura, Milano
Franco Bernab, Presidente del Consiglio di Amministrazione del Mart (Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto), Rovereto
Massimo Carraro, Imprenditore, Morellato, SpA

l8.00
Conclusioni di Sergio Arzeni, Direttore di CFE/LEED, OECD, Parigi



PER ULTERIORI INFORMAZIONI RIVOLGERSI A:
Provincia Autonoma di Trento Servizio Attivit Culturali +39 0461496914 www.trentinocultura.net
mariapia.flaim@provincia.tn.it michele.guarda@provincia.tn.it antonella.noya@oecd.org

PER ISCRIVERSI CONTATTARE:
mariapia.flaim@provincia.tn.it fax +39 0461495080

Nella ricerca di nuove attivit e fonti di occupazione i paesi OCSE hanno prestato un'attenzione maggiore al ruolo della cultura nelle economie odierne. Le economie contemporanee hanno preso atto della crescente rilevanza dei prodotti culturali, che associano valori estetici e funzione di utilit, e attribuiscono un'importanza crescente alla creativit. Spesso considerata un vincolo, l'economia globale offre in questo caso nuove opportunit grazie all'apertura di pi ampi mercati ad una gamma di prodotti sempre pi differenziata.
Questo modo di intendere le cose relativamente recente: in passato la cultura era considerata dai pi come una fonte limitata di attivit economiche, se non addirittura un settore improduttivo :
L'impatto economico delle attivit culturali sembrava molto minore rispetto a quello dei principali settori industriali, come quello automobilistico, chimico o bancario.
Le attivit culturali, dedite a valorizzare il patrimonio esistente, erano spesso considerate obsolete, uno sguardo rivolto al passato in tempi in cui era necessario costruire il futuro.
Le iniziative culturali erano spesso finanziate grazie a fondi pubblici, la cui disponibilit poteva dipendere ed essere subordinata ad altre priorit nazionali e locali.
Nella sfera politica invece la cultura, intesa come competenza di governo, continua ad essere considerata materia di secondaria importanza. Nonostante l'Italia sia indubitabilmente uno dei paesi col pi ricco patrimonio artistico-culturale del mondo, il portafoglio del Ministero ai beni ed alle attivit culturali, cos come quelli degli assessorati alla cultura delle Regioni e degli enti locali, sono sempre stati piuttosto esigui, soprattutto se rapportati con quelli di altri dicasteri o di altri assessorati. E, proprio per questo, gli incarichi di governo legati alla cultura non sono certo tra i pi ambiti. E non certo confortante notare che questa situazione non tipica solo dell'Italia ma anche di altri Paesi OCSE.
Gli studi recenti ribadiscono che la cultura un settore di mercato in s: esiste infatti una "clientela" disposta a "pagare" per acquistare un "prodotto". E si tratta di un settore in elevata espansione, ad altissimo valore aggiunto di conoscenza, in grado di generare occupazioni altamente creative e capace di trascinare un forte indotto, a cominciare dal turismo. In secondo luogo, ma non per ordine d'importanza, le politiche culturali, nella loro duplice veste di fattore di coesione sociale da un lato e, dall'altro, di spinta all'apertura e di sguardo verso il futuro, possono fare la differenza per quanto concerne l'attrattivit di un territorio nei confronti dei cervelli, ossia della pi importante materia prima della knowledge economy.
Il convegno, che analizzer questi ed altri temi, si prefigge da un lato di sensibilizzare il mondo politico e quello economico sull'importanza strategica della cultura nelle politiche per lo sviluppo economico e, dall'altro lato, di promuovere specifiche "raccomandazioni" circa le scelte da adottare per massimizzare i vantaggi delle politiche culturali per accrescere la competitivita del territorio anche sulla base delle esperienze di successo internazionali.
Il convegno rivolto ai decisori politici, al mondo economico ed agli operatori culturali.
I lavori si svolgeranno in italiano ed in inglese e sar prevista la traduzione simultanea.



news

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

14-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news