LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2006-06-05 - Universit degli studi La Sapienza di Roma
CONVEGNO: il punto sugli scavi della "pars fructuaria" nella Villa del Casale di Piazza Armerina
Universit degli studi La Sapienza di Roma
http://www.gazzettadelsud.it/index.asp?Pagina=edizioni.asp&Edizione=edz-cu.asp&ART=002&PAG=14

Il cinque giugno a Roma il punto sugli scavi della "pars fructuaria" nella Villa del Casale di Piazza Armerina
Dal Medioevo un messaggio siciliano
L'insediamento venuto alla luce rivela la casa-tipo isolana
Girolamo Sofia
Si terr il prossimo 5 giugno, all'Universit degli studi La Sapienza di Roma, una conferenza in cui verranno esposti gli aggiornamenti dei risultati sugli scavi condotti nella pars fructuaria della Villa del Casale di Piazza Armerina (En), portati a termine dal dipartimento di Scienze dell'Antichit dell'ateneo romano, durante le due campagne di esplorazione del 2004-2005.
Le indagini archeologiche condotte sotto la direzione scientifica del professore Patrizio Pensabene (Universit la Sapienza di Roma) e della dottoressa Caterina Greco ex dirigente dei servizi archeologici della Soprintendenza di Enna, hanno riportato alla luce un insediamento medievale che il risultato di pi fasi costruttive. Durante le ricerche chiaramente emerso un primo villaggio (Periodo I Medievale), di cui restano almeno cinque ambienti caratterizzati da muri spessi circa cm 50-55, a doppia cortina di ciottoloni fluviali rinzeppati con tegolame a vacuoli di colore rossastro e numerose tegole bizantine, con riempimento di pietrame minuto, tenuto assieme con semplice terra (ambienti III, IV, XXI, XXIII, XXIV, XXV, XII, XXVI, e in parte del XVI). Per la ceramica ritrovata e per la stratigrafia, la fase costruttiva si ascrive a un periodo tardo arabo o primo-normanno.
Alle costruzioni di tale periodo si sovrappongono in parte gli edifici di una seconda fase, di piena et normanna (Periodo II Medievale), che, dal punto di vista della tecnica muraria, sono innanzitutto caratterizzati dalla mancanza di riuso di tegole bizantine: compaiono come pietra da costruzione blocchetti di arenaria a clasti quarzitici, in parte con tracce di malta, o anche di interi grumi di malta biancastra, probabilmente prelevati dai ruderi della villa o da altre costruzioni di et tardoromana o bizantina; in un caso (ambiente I) anche riutilizzato nella muratura un frammento di pavimento a mosaico. Le rinzeppature di tegolame (sempre del tipo a vacuoli e di colore rossastro, di epoca arabo-normanna) sono poco rigorose nell'allineamento, cos come la spiombatura delle pareti e la regolarit dell'apparecchiatura muraria (ambienti I, II, VI, VII, VIII, XI, XIII, XV, XX, XIX, XXII). La fase finale (periodo III medievale), della fine del periodo normanno o svevo iniziale, rappresentata da muri addossati alle costruzioni precedenti, che creano ambienti esterni di carattere provvisorio (ambienti V, IX, X, XIV, XVI, XVII, XVIII, XXVII). Si tratta di muri costruiti in pietrame e terra, spesso senza cura nella spiombattura delle cortine, con rare rinzeppature di tegolame, che si impostano al livello degli alzati degli edifici del periodo medievale II. infine, sugli strati alluvionali successivi al definitivo abbandono, si fondano alcuni tratti di muri, costituiti da filari di pietrame singoli o doppi, che appaiono formare una recinzione attorno alla zona dell'insediamento (periodo post-medievale: XIV-XV secolo). Pi sporadici sono invece i resti di fasi pi antiche probabilmente anche perch lo scavo andato in profondit solo in alcuni punti. Si potuta comunque individuare una prima fase di frequentazione del sito (periodo tardo romano) attestata da un muro (Usm 32), rinvenuto circa 20 cm sotto le fondazioni del primo insediamento medievale, caratterizzato da malta biancastra, e da una serie di frammenti di ceramica sigillata africana D trovata in saggi profondi.
Ancora, in un altro saggio, presso il limite nord-ovest dello scavo, a una quota di circa m 2,5 sotto il livello medievale normanno, stato portato alla luce un tratto di fondazione rasato su cui si installava successivamente un grosso muro angolare in opera cementizia (Usm 600): questo stato attribuito alla fase bizantina, in quanto dotato di antemurale (Usm 581) e riconosciuto come appartenente a un muro di fortificazione della villa, il primo invece ascrivibile alla fase precedente alla villa tardo imperiale. Si tratta di una fase gi emersa in alcuni saggi di Gentili al di sotto delle murature di IV secolo e interpretata come la testimonianza di una villa della media et imperiale precedente a quella tarda. Le strutture tardoantiche e bizantine furono sepolte da due alluvioni che riempirono di terra sabbiosa lo spazio tra di esse.
Alcuni frammenti di ceramica sigillata africana D (V-VI d.C. secolo) trovati in questo contesto, confermano che si tratta di strutture tarde, anche se la presenza di tegole con vacuoli reimpiegate in alcuni settori della cortina fa pensare che tali muri abbiano subito dei restauri in piena et bizantina o araba. Solo pochi elementi d'uso e di arredo sono stati trovati in situ, in seguito al lento abbandono dell'abitato e alla spoliazione dell'interno degli ambienti; non quindi agevole ricostruire la funzione delle singole aree degli edifici rinvenuti, anche se si possono tentare ipotesi ricostruttive grazie a una serie di indizi, come la concentrazione di materiali ceramici in aree particolari dei vani, oppure il confronto con altri siti medievali siciliani dove sono meglio conosciute le funzioni dei vani abitativi; infatti, noto che ni questo periodo le abitazioni riunivano in s diverse funzioni, non solo abitative, ma anche di rifugio per gli animali domestici, di aree per piccole lavorazioni artigianali, di luoghi per la conservazione di derrate.
La casa-tipo del contadino di et arabo-normanna in Sicilia stata indagata di recente soprattutto negli scavi di Segesta e Monte Iato: la cellula fondamentale costituita da un vano rettangolare, nel quale si svolgevano tutte le principali funzioni abitative, che si poteva moltiplicare attorno a una corte o a un vicolo, in modo da creare planimetrie a forma di L, U, O. Tale organizzazione dei vani stata messa in relazione dalla studiosa Alessandra Molinari con un'edilizia spontanea di contadini, che si adatterebbe all'abitazione di vari nuclei familiari pertinenti a un clan, focalizzati su un cortile interno utile anche come area per lavorazioni.
Alla conferenza presenzieranno Patrizio Pensabene, docente della cattedra di Archeologia Greca e Romana dell'Universit La Sapienza di Roma, gli archeologi che hanno seguito gli scavi nel 2004-2005 Paolo Barresi e Girolamo Sofia e i rilevatori Giuseppe Verde e Leandro Lopes che hanno curato l'intera documentazione grafica dell'area di scavo.

(domenica 21 maggio 2006)



news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news