LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2006-10-19 - Bologna
CONVEGNO GLI OSSERVATORI CULTURALI: FINALITA ISTITUZIONALI, STRUTTURA ORGANIZZATIVA, RILEVANZA POLITICA.

APERTURA DEI LAVORI. LINTERVENTO DELLASSESSORE RONCHI

Bologna, 19 ottobre 2006 - Come si struttura lofferta culturale? Quali sono le sue dimensioni, gli andamenti e la qualit degli interventi che vengono attuati? E quali sono le caratteristiche della domanda? Come si fa ad indagare, monitorare, analizzare tutto questo per attuare politiche culturali efficaci? E ancora, come farlo, attraverso azioni di collaborazione a livello nazionale ed europeo, e strumenti che consentano alle istituzioni di acquisire e fornire le informazioni necessarie e dialogare on line? A questi temi cercher di dare risposta il convegno internazionale "Osservatori culturali. Finalit, struttura organizzativa, rilevanza politica ", che si aperto questa mattina a Bologna, nella sala Auditorium della Regione. Il Convegno loccasione per confrontare le esperienze pi significative esistenti a livello italiano ed europeo, per individuare azioni comuni per costruire una rete nazionale e per avviare forme di cooperazione con le realt operanti in ambito internazionale. Lobiettivo quello di arrivare a un Protocollo dIntesa delle Regioni, anche in collaborazione con Anci e Upi, per attuare una rete di osservatori culturali sulla base di un progetto comune e di una metodologia condivisa. Per lassessore alla cultura della Regione Emilia-romagna Alberto Ronchi, intervenuto in apertura dei lavori, liniziativa offre lopportunit affrontare le politiche culturali in una dimensione e in unottica nuova, in cui il Governo nazionale vuole trovare forme di collaborazione con Regioni ed Enti locali. "Appare inoltre evidente - ha aggiunto Ronchi - una volont di discussione e confronto che accomuna tutti i soggetti e una nuova consapevolezza che sulla cultura non si gioca solo la crescita dei cittadini ma anche quella economica del Paese. "In questo contesto la raccolta dei dati e lanalisi realizzata dagli osservatori culturali - ha affermato Ronchi - costruttiva e necessaria per fare emergere la grande ricchezza culturale italiana, per coordinare gli interventi non solo settoriali ma legati allidea di sviluppo complessivo del sistema Paese". Secondo Ronchi infine importante puntare su modelli innovativi, a prescindere dal successo di pubblico, "perch la sperimentazione necessaria per assecondare i cambiamenti di gusto e per la crescita culturale dei cittadini". Patrizia Ghedini, responsabile del Servizio Cultura della Regione Emilia-romagna e coordinatrice delliniziativa ha sottolineato limportanza che per la prima volta rappresentanti di Ministero dei Beni culturali, Regioni, Province e Comuni condividano una linea comune sul tema degli Osservatori culturali. Sullosservatorio dello spettacolo nazionale intervenuto Paolo Carini, Capo del Dipartimento per lo spettacolo e lo sport del Ministero per i beni e le attivit culturali. "Appare oggi pi che mai necessario - ha detto Carini - mettere a disposizione delle regioni, delle Istituzioni e delle Amministrazioni locali, che stanno assumendo e assumeranno sempre di pi un ruolo di primo piano, le competenze dellOsservatorio. In questo contesto lOsservatorio dello spettacolo nazionale intende sempre di pi cooperare e collaborare con gli enti locali, le istituzioni internazionali, con la collettivit, oltre che con la societ politica con lobiettivo di rendere confrontabile nel tempo e nello spazio tutte le produzioni di dati che esistono a livello nazionale e locale". "Noi degli altri Osservatori europei possiamo imparare molto dal network che state realizzando qui in Italia che vede la collaborazione tra lOsservatorio nazionale e quelli regionali ". Lo ha affermato Hermann Voesgen, presidente Encatc (European Network of Cultural Administration Training Centres), riferendo che: "una buona strategia di ricerca passa proprio attraverso unanalisi specifica e territoriale dei dati, che solo la collaborazione tra tutti i soggetti pu dare". Della necessit di stretto coordinamento trai vari livelli istituzionali per la raccolta dei dati ha parlato anche Simona Lembi , assessore alla cultura della provincia di Bologna. "Il dato che accomuna tutte le regioni italiane, nonostante le differenze - ha aggiunto lAssessore - il fatto di fare cultura su un terreno ancora precario, in cui pi facilmente avvengono tagli ai finanziamenti. Questa vulnerabilit non ci permette di guardare al futuro e di fare programmi innovativi". Il Convegno articolato in quattro sessioni e una tavola rotonda, in modo da approfondire quelli che paiono, allo stato attuale, i punti focali del dibattito, dando voce per quanto possibile a tutti gli interlocutori interessati, nazionali ed internazionali. Al convegno sono infatti presenti rappresentanti di esperti di realt europee , di amministrazioni regionali e locali, del Ministero per i Beni e le attivit culturali, di centri europei, enti e associazioni che operano in ambito culturale. I lavori si concluderanno oggi con lintervento dellassessore regionale Alberto Ronchi (ore 17 circa) . .




news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news