LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2007-01-27 - Milano
MANIFESTAZIONE PER IL PARCO DELLE CAVE
2007-01-27

27 gennaio 2007 – ore 15 Largo Cairoli

MANIFESTAZIONE PER IL PARCO DELLE CAVE
UNITI PER UN PARCO UNITO

La Manifestazione è promossa dal Comitato delle Associazioni per la Salvaguardia del Parco delle Cave. Aderiscono inoltre: Legambente Lombardia, WWF Lombardia, Ciclobby, Rete Comitati Milanesi, Gruppo archeologico milanese, Diciannoverde, Associazione La Risorgiva


UNITI PER UN PARCO UNITO è lo slogan che porterà in piazza i cittadini per chiedere al Sindaco di Milano di confermare gli ingredienti di un’esperienza che in soli nove anni ha portato natura in città e partecipazione di migliaia di persone alla realizzazione del verde pubblico milanese


Il PARCO DELLE CAVE si trova nell’ovest della città tra Baggio, Quarto Cagnino e Quinto Romano. Oggi è uno dei più bei e grandi parchi milanesi (121 ettari), dopo anni di discariche e occupazioni abusive: il risultato è un territorio verde con oasi naturali e aree agricole nel quale è possibile vivere un’esperienza diversa all’interno della metropoli. Oltre a una normale fruizione ricreativa, all’interno del Parco delle Cave è possibile osservare numerose specie animali anche di notevole valore conservazionistico visibili solamente nelle riserve naturali. Il lavoro sinergico di Amministrazione Comunale e Italia Nostra con il contributo del volontariato cittadino (Associazioni insediate nel Parco e non insediate, singoli Cittadini, gruppi spontanei) ha permesso di valorizzare la storia, la cultura e l’agricoltura del territorio milanese ormai compromesse da un forte sviluppo urbano, restituendo ai milanesi un parco urbano unico nel suo genere.

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE è proprietaria dell’area del Parco è dunque ha diritto di scegliere le modalità di realizzarlo, anche cambiandone i presupposti che i questi nove anni sono stati - anche a suo parere - uno scommessa vincente per l’interesse della collettività. L’Amministrazione può scegliere strategia, ma ha il dovere di ascoltare la voce dei cittadini

Dichiarano gli organizzatori: “in autunno abbiamo organizzato la PETIZIONE POPOLARE: SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA per chiedere al Sindaco di Milano:
- di confermare il modello di gestione che ha prodotto risultati di qualità evidenti a tutti, rinnovando la fiducia a Italia Nostra con le stesse modalità del decennio trascorso
- di garantire dunque la prosecuzione del modello che ha consentito la partecipazione dei cittadini e di numerose Associazioni, non solo zonali, nella costruzione del Parco
- di confermare la presenza e il ruolo delle Associazioni insediate nel Parco, nel quadro unitario dello sviluppo dei servizi forniti ai cittadini
- di presentare pubblicamente i progetti di rilancio del Parco che giacciono da diverso tempo nei cassetti dell’Amministrazione comunale”

La Petizione non ha avuto risposta. I termini di legge sono scaduti da oltre un mese.
La Petizione indirizzata al Sindaco ha raccolto oltre 16.000 firme in soli 15 giorni. Ai sensi dello Statuto e del Regolamento per l’attuazione dei diritti di partecipazione popolare del Comune di Milano, “alle petizioni sottoscritte da almeno 1000 cittadini viene data risposta, scritta e motivata, a cura dell’organo competente entro 45 giorni”.

Con la MANIFESTAZIONE del 27 gennaio 2007, gli organizzatori:
- chiedono al Sindaco di Milano di dare una risposta alla Petizione, dando per prima l’esempio del rispetto delle regole che sottendono al funzionamento dell’Istituzione
- confermano la volontà di ricercare il dialogo costruttivo con le Istituzioni affinché non sia vanificato il grande lavoro di questi anni, ma anzi - con il rinnovo della concessione a Italia Nostra - sia completata l'esperienza originale e innovativa del Parco delle Cave che è divenuta un modello per tanti (in Italia e in Europa)
- chiedono di non essere trattati come ‘stranieri’, ma come ‘cittadini del Parco delle Cave’: “Siamo il popolo che nei venti anni trascorsi ha seguito da vicino la vita del Parco delle Cave: da discarica abusiva a cielo aperto al più bel parco cittadino. Siamo quel popolo civile che in questi anni ha:
- vissuto il Parco e partecipato alla sua realizzazione con campagne di pulizia, piantagioni…
- organizzato la sua promozione con la festa di inaugurazione del 2 giugno 2002, mappa illustrate per i frequentatori, mostre fotografiche sulla storia del parco, dibattiti in area…

Il Comitato di Salvaguardia del Parco delle Cave
Cell.340 2754575 oppure 328 8475855

comitato.cave@yahoo.it
www.emergenzeparcodellecave.it





news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news