LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2007-03-27 - Pisa
Giornata di studio: L'architrave ritrovato, presentazione del restauro dell'architrave di San Ranieri

Marted 27 marzo 2007 ore 15,00
Auditorium G. Toniolo (OPA)
L'architrave ritrovato, presentazione del restauro dell'architrave di San Ranieri


Comunicato Stampa

Si stanno in questi giorni smontando i ponteggi che da quasi tre anni occultavano, per consentirne l'improrogabile restauro, il bel portale di San Ranieri, aperto in direzione della citt sul lato absidale della cattedrale di Pisa: presumibilmente presente in quella stessa posizione fin dalla prima fase costruttiva della cattedrale, avviatasi nel 1061, conobbe la forma attuale nella seconda met del XII secolo, quando ricevette
anche i battenti bronzei eseguiti da Bonanno, CivisPisanus.

Il varco di ingresso dominato da un grande architrave, realizzato nella sua interezza in marmo greco, decorato a girali, in cui si distinguono una parte sinistra, da tutti riconosciuta come reimpiego di un pezzo di et imperiale, e una parte destra che, pur assai simile, se ne distingue per alcuni particolari esecutivi, tanto che viene interpretata da molti studiosi come un'integrazione di et medievale.

Entrambe le ipotesi sono plausibili: in quegli anni infatti Pisa
conosce l'apice della sua affermazione politica, economica e culturale: con i suoi carmi e con la facciata della sua cattedrale, che ne reca alcuni incisi quasi a dispiegarli davanti agli occhi dei forestieri provenienti dalla via Aurelia, la citt si proclama erede e rivale di Roma e come tale riusa marmi di et romana ed altri ne lavora riprendendo dai primi forme e stile.

Lo stato della superficie, allarmante per la conservazione, era anche di ostacolo ad un'analisi ravvicinata delle tecniche esecutive che consentisse di sciogliere l'incertezza sull'origine del manufatto: il rilievo era infatti completamente nascosto da una complessa stratificazione superficiale. Pur essendo quest'ultima costituita prevalentemente da gesso, risultavano distinguibili numerosi strati di apporto interpretabili come possibili trattamenti organici, scialbi a calce ormai in avanzato stato di solfatazione, stesure di bianco di piombo, al di sotto dei quali si riconosceva la presenza di due strati ad ossalato di calcio, probabile trasformazione di antichi trattamente di manutenzione, il pi interno dei quali a diretto contatto con il substrato lapideo.

L'intervento si diede dunque l'obiettivo di arrivare a consolidare il marmo decoeso e di eliminare i pericolosi strati di solfatazione superficiale, salvaguardando per la pellicola ad ossalati pi interna: tuttavia, l'avanzato stato di decoesione dei substrati lapidei e la grande presenza di gesso portavano ad escludere a priori metodi di pulitura basati su acqua nebulizzata o impacchi chimici, optando per l'utilizzo di un nuova tecnologia che si andava affermando: l'ablazione laser.

Una prima fase di sperimentazione fu condotta all'interno del progetto "Optocantieri", finanziato dalla Regione Toscana nel suo programma di Azioni Innovative del 2003 e coordinato dall' IFAC-CNR di Sesto Fiorentino: in qualit di partners di quel progetto, la Soprintendenza di Pisa e le ditte MIDA e RESTAUROITALIA stesero il progetto di intervento ed eseguirono ampi saggi di pulitura, avviando l'indispensabile fase di ottimizzazione, costituita da test e verifiche diagnostiche, che ha portato alla scelta del sistema laser e dei parametri di irraggiamento pi appropriati alla specifica problematica.
Poich ci sembrava essenziale che la sperimentazione venisse documentata in ogni sua fase, all'interno di questo stesso progetto, di cui era partner anche la societ Sistemi Informativi-Liberologico, stato realizzato da quest'ultima un sistema informativo georeferenziato in rete (SICaR), poi ulteriormente sviluppato grazie al contributo dell'Opera Primaziale Pisana e proposto dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali in tutta Italia nell'ambito del progetto ARTPAST (www.artpast.org).

L'intervento di restauro stato poi condotto dalla CBC di Roma, sempre con la preziosa consulenza dell' IFAC-CNR di Firenze.

Giunti alla fine del restauro, parso interessante chiamare gli studiosi, archeologi e medievalisti, che avevano studiato architrave e portale a riesaminarlo nella riacquisita piena leggibilit e a discutere delle impressioni ricevute in una tavola rotonda aperta al pubblico.


Programma della giornata del 27 marzo:

*
Introduzione e saluti:
prof. Gabriella Garzella, Universit di Pisa

Presentazione del restauro:
Clara Baracchini, Soprintendenza BAP-PSAE Pisa
Sabina Vedovello, CBC Roma
Federico Andreazzoli, Universit di Pisa
Salvatore Siano, IFAC-CNR Firenze

Documentazione dell'intervento: un GIS in rete
Andrea Vecchi, Sistemi Informativi-Liberologico, Pisa

Tavola Rotonda

prof. Patrizio Pensabene, Universit di Roma "La Sapienza",
Dipartimento di Scienze Storiche, Antropologiche, Archeologiche del mondo antico, ROMA

prof. Adriano Peroni, Universit degli Studi di Firenze

prof. Giovanna Tedeschi, Dipartimento di Archeologia, Universit di Pisa



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news