LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2007-06-12 - Campobasso
OPUS LOCI OPERE D’ARTE E CONTESTI DOPO IL TERREMOTO

Regione Molise - Assessorato al Turismo Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Molise

Dipinti e sculture provenienti dagli edifici danneggiati dal terremoto del 2002
Riflessioni contemporanee di Andrea Aquilanti, Paolo Bresciani, Antonello Matarazzo
Fotografie di Antonio Priston
Parole di Franco Arminio
TERREMOVIES rassegna di documentari e cortometraggi d’autore a cura di Dora Catalano, Simonetta Isgrò, Valentina Valerio

La mostra è a cura di Dora Catalano, Simonetta Isgrò, Valentina Valerio

Coordinamento del progetto O. Rossana Giannantonio, Mario Iarossi (Regione Molise)

Campobasso Grandi Magazzini Teatrali 9 -30 giugno 2007 tutti i giorni 10.00-13.00/17.00-21.00

Il terremoto rappresenta una delle principali cause di dispersione e di decontestualizzazione del patrimonio culturale. Ogni evento sismico ha innescato processi di movimentazione dei beni con tempi, modi e procedure storicamente diversificati, determinati dagli orientamenti critici delle politiche di tutela. E così, nel corso della travagliata vicenda sismica del territorio nazionale abbiamo periodicamente assistito a rimozioni generalizzate dei beni o, al contrario, a trasferimenti selettivi e monitorati, alla istituzione di nuove realtà museali o all’allestimento di ricoveri temporanei. Nella complessità di relazioni tra l’opera d’arte, il luogo in cui essa si situa e l’uso che se ne fa risiede il senso di questa iniziativa. Opus loci è il titolo della mostra che la regione Molise e la direzione Regionale beni culturali e Paesaggistici hanno voluto realizzare a “completamento” e chiusura delle attività progettuali del progetto europeo INTERREGG IIIC – NOE’ che ha sviluppato numerose iniziative sul fronte beni culturali e catastrofi naturali. Il titolo Opus loci sta ad indicare due chiavi di lettura del percorso espositivo: da una parte le opere con una propria intrinseca qualità estetica, dall’altra i luoghi di fruizione, in una accezione quanto più ampia del termine. Occasione dell’iniziativa è l’esposizione di una selezione di opere provenienti dal deposito attrezzato dalla Soprintendenza BAPPSAE del Molise alla periferia di Campobasso, luogo di raccolta dei beni sgomberati da chiese danneggiate dal terremoto del 2002. Oggetti già estraniati dai contesti devozionali originari, quindi collocati in una condizione di temporanea “cattività” e ora esposti in un contesto percettivo di carattere museale. Si tratta prevalentemente di statue lignee sei – settecentesche la cui conservazione è stata spesso garantita dalla cura personale dei devoti che nel tempo ne hanno promosso – in maniera non sempre ortodossa – restauri o rifacimenti. Alcune di queste sculture, opere di maestri napoletani del Seicento o di artisti quali Giacomo Colombo e Paolo Di Zinno, vengono proposte dopo il restauro curato dalla Soprintendenza molisana. Accanto alle sculture verranno presentati alcuni dipinti di grande rilevanza come l’Annunciazione di Teodoro D’Errico proveniente da Montorio nei Frentani, o il San Michele Arcangelo proveniente da Ripabottoni un tempo attribuito a Francesco Solimena ed ora più giustamente ascritto al suo alleivo molisano Paolo Gamba. La mostra però non si propone come mera esposizione di un florilegio, ma nasce con una doppia ambizione che i curatori affidano alle riflessioni contemporanee degli artisti Andrea Aquilanti, Paolo Bresciani e Antonello Maratazzo ed alle immagini fotografiche di Antonio Priston: evocare l’originaria connessione dei beni culturali trasferiti con i paesi, le comunità e gli edifici di provenienza e fornire al contempo nuove opportunità di ri-creazione dei contesti, nuove condizioni di fruizione. Le indagini paesologiche dello scrittore Franco Arminio apriranno la lettura delle opere ai territori da cui provengono, ai caratteri e alle fragilità dei paesi in progressivo spopolamento e isolamento, a interrogativi attualissimi sulle prospettive della conservazione del patrimonio culturale diffuso. Affianca l’iniziativa una rassegna di documentari e cortometraggi d’autore relativi agli effetti dei terremoti e delle ricostruzioni sugli equilibri territoriali del nostro paese.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news