LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

2007-07-04 - Reggio Emilia - Sala degli Specchi del Teatro Municipale Valli
PTCP_ 4.7.2007… CONTATTO Per progettare insieme il futuro del territorio
Provincia Reggio Emilia

COMUNICATO STAMPA

PTCP_ 4.7.2007… CONTATTO
Per progettare insieme il futuro del territorio

Il 4 luglio alla Sala degli Specchi del Teatro Municipale Valli
presentazione delle linee guida del Ptcp – Piano territoriale di coordinamento provinciale. La Provincia di Reggio Emilia sta impostando la pianificazione di cui sarà oggetto
il territorio reggiano in questi anni di sfide e cambiamenti profondi

Progettare insieme il futuro del territorio: è questo l'obiettivo che si è data la Provincia di Reggio Emilia attraverso la stesura del nuovo Ptcp, il Piano territoriale di coordinamento provinciale che rappresenta uno degli strumenti di pianificazione più importanti, una sorta di "super-Psc" provinciale per lo sviluppo del nostro territorio.
Un lavoro tanto delicato e complesso che la Provincia conta di portare a compimento anche attraverso una serie di momenti di confronto sul ruolo della pianificazione quale strumento per una crescita solidale, qualitativa e rispettosa dell'ambiente e delle identità locali. Il primo di questi sarà una Conferenza pubblica di pianificazione che si terrà mercoledì 4 luglio alla Sala degli Specchi del Teatro Municipale, a partire dalle 9.15, dal titolo “PTCP_ 4.7.2007… CONTATTO - Per progettare insieme il futuro del territorio”

Programma
Sarà la presidente della Provincia Sonia Masini a presentare in prima persona le linee strategiche e gli obiettivi del Piano, seguita alle 9.45 l'architetto Anna Campeol, dirigente del Servizio Pianificazione territoriale e ambientale della Provincia, che illustrerà il quadro conoscitivo e le chiavi di lettura del Ptcp. Alle 10.15 saranno due economisti di livello nazionale - il professor Livio Barnabò (amministratore delegato di Pegroup, gruppo italiano di consulenza strategica specializzato nella gestione dei processi di posizionamento competitivo delle aziende e dei sistemi economici locali) e il professor Aldo Bonomi (direttore di A.A.Ster, Consorzio che da oltre vent'anni si occupa di ricerca partecipata) - ad aprire una riflessione sulle vocazioni dell'economia reggiana. Seguiranno le relazioni (ore 11.10) dell'architetto Elisabetta Cavazza, esperta in analisi e progettazione del paesaggio, e del professor Alessandro Balducci del Politecnico di Milano, su storie e identità di Reggio Emilia. L'intervento del prof. Balducci, in particolare, sarà incentrato sulla partecipazione: riporterà risultati delle interviste svolte a 80 reggiani rappresentativi dei vari settori economico-sociali, delle professioni, del terzo settore e delle Pubbliche amministrazioni. Dalle 11.50 prenderanno quindi la parola altri esperti che hanno collaborato alla definizione dei documenti preliminari al Ptcp, ovvero i professori Roberto Gambino del Politecnico di Torino, Giorgio Vitillo del Politecnico di Milano e Sergio Malceschi dell'Università di Pavia, che si soffermeranno in particolare su coerenze ed equilibri possibili tra paesaggio, ambiente e insediamenti.

La filosofia del Piano
Come afferma la presidente Sonia Masini, “Partecipazione, copianificazione, sussidiarietà rappresentano la triplice dimensione progettuale per una costruzione consensuale delle scelte territoriali. Quanto più è condiviso il progetto di un territorio, tanto più il ruolo della Provincia è utile.” Nel programma di questa Amministrazione, tiene a sottolineare ancora la presidente Masini, “l'idea della bella provincia non è stata solo uno slogan, bensì un concetto che si lega strettamente alla nozione di qualità di un territorio, un circuito virtuoso tra genius loci, genius gentis, genius rei publicae.”
Le scelte decisionali del Ptcp saranno guidate dalla consapevolezza di come lo scenario locale e quello globale siano oggi assai mutati, rispetto alle condizioni che hanno permesso in altri anni il governo del nostro territorio e della nostra comunità, con quegli esiti di eccellenza che sono propri della provincia reggiana e la contraddistinguono. Non bastano le vecchie sicurezze né i vecchi modelli. La globalizzazione richiede società più aperte, flessibili, che sappiano governare i cambiamenti tenendo al tempo stesso ben saldi principi forti, legami con le proprie radici, attenzione alle proprie vocazioni e potenzialità profonde.
In sostanza, occorre saper conciliare la tradizione con la vocazione verso il nuovo, il dinamismo, l’innovazione che le nuove frontiere della conoscenza producono e produrranno.

I criteri
La centralità di Reggio Emilia e della sua provincia derivano dal suo trovarsi nel baricentro geografico dell’area medio-padana, che va da Piacenza fino a Bologna e la Romagna, da Mantova fino a La Spezia, Lucca e la Toscana, un distretto supportato da una maglia funzionale ed infrastrutturale di altissimo spessore (linea dell’alta velocità, fermata medio-padana, autostrada e caselli, l’intermodalità con le linee concesse che dovranno innovarsi in senso di servizio metropolitano, la Pedemontana, la Cispadana viaria e ferroviaria, l’asse del Brennero, i nodi logistici, ecc.) che mette il nostro territorio in connessione con i contesti sistemi nazionali ed internazionali.
Si tratta di un territorio che pone il problema di un policentrismo storicamente sedimentato che va riconosciuto e attualizzato; in un approccio da allargare oltre i confini provinciali, rafforzando le relazioni e mettendosi in rete cooperativa con le altre province e regioni, per evitare gli effetti negativi di un mero policentrismo emulativo-ripetitivo.

Il progetto di territorio che la Provincia di Reggio Emilia sta definendo si sostanzia in cinque fondamentali linee strategiche che forniscono senso e contenuti al piano:

1. garantire sicurezza dai rischi e conservazione attiva delle risorse;
2. valorizzare e tutelare i paesaggi, la storia e l’identità del territorio;
3. qualificare, specializzare il sistema insediativo della residenza e della produzione;
4. organizzare le funzioni di eccellenza, del commercio e dei servizi;
5. connettere il territorio reggiano all’Europa e agli altri sistemi territoriali.

L’applicazione di questi filoni di intenti avverrà verso sette ambiti territoriali che sono stati definiti sulla base di criteri identitari di omogeneità geografica, funzionale, infrastrutturale: la comunità del Po, la Val d’Enza e la pianura occidentale, il cuore del sistema matildico, la pianura orientale, l’ambito centrale, il distretto ceramico, la montagna. Ciò nella consapevolezza che il patrimonio naturale, paesistico e culturale è parte essenziale (insieme con le dotazioni infrastrutturali, gli apparati istituzionali ed il capitale umano) del “capitale territoriale” su cui si fondano le possibilità di autentico sviluppo (Gambino, 2006).



Alla Conferenza di pianificazione la Provincia ha invitato le associazioni economiche e sociali, nonché esponenti di istituzioni e portatori d’interesse, per sottolineare l’importanza della condivisione del processo di governo del territorio che viene avviato e che deve coinvolgere l'intera società reggiana. I documenti di lavoro saranno consegnati nel corso della seduta, in formato CD rom e saranno anche pubblicati sul sito internet della Provincia (www.provincia.re.it).





news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news