LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Patrimonio Spa
12-12-2002
Giovanna Melandri, parlamentare DS, gi Ministro per i Beni e le Attivit culturali, e Lucia Urciuoli

La legge 410 del 2001 il provvedimento normativo, presentato dal Ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che ha avviato l'operazione di cartolarizzazione del patrimonio pubblico, avviando (art.1) la ricognizione dei beni di propriet dello Stato da parte dell'Agenzia del Demanio che oggi in corso, autorizzando (art.2) la costituzione della societ Patrimonio
Spa e stabilendo le modalit di trasferimento a privati del titolo di propriet (art. 3), modalit che per quanto riguarda i beni del patrimonio storico artistico prevedono solo un "concerto" con il Ministero dei Beni Culturali, di fatto rendendo non pi operative le precedenti disposizioni
regolamentari che invece avevano stabilito norme pi cogenti, alcuni divieti assoluti di vendita ed una responsabilizzazione sul tema esclusivamente in capo al Ministero dei Beni Culturali.

Tali disposizioni regolamentari erano state emanate nel 2000 dal Ministero dei Beni Culturali dopo un lungo lavoro di confronto con enti locali, associazioni di tutela . In buona sostanza venivano individuate tre categorie di beni:
1) quelli assolutamente inalienabili (patrimonio archeologico, monumenti);
2) quelli alienabili ma il cui passaggio di propriet era condizionato dalla realizzazione da parte del privato acquirente di un piano di restauro del bene e di godimento pubblico ed, infine;
3) quelli ritenuti non di pregio e quindi liberamente alienabili.


Ecco perch davanti alla tesi sostenuta da alcuni secondo cui il governo di destra non starebbe facendo altro che allargare un vulnus creato dal Governo del centrosinistra necessario, testo di tali disposizioni alla mano, rigettare come insensata questa idea. Il Regolamento del 2000 andava a disciplinare questo tema, certamente abbattendo il tab ad ogni costo del privato ma allo stesso tempo introiettando nelle regole poste il valore dellintangibilit e dellinalienabilit assoluta di determinate categorie di beni il cui valore storico artistico veniva ritenuto immodificabile. Quel Regolamento era espressione di un rifiuto del tab del privato ed allo stesso tempo di una concezione moderna della tutela. Tutela attiva che significa non limitarsi a chiudere e nascondere ci che lo Stato da solo non riesce a valorizzare ma coinvolgere anche i privati, sulla base di un rigore forte nella tutela, nelloperazione di riscoperta e restituzione ai cittadini di tantissimi luoghi oggi estranei allidentit culturale del nostro Paese.


Per ripristinare tali regole che oggi appaiono compromesse l'opposizione ha presentato nel corso del 2002 una sua proposta di legge (prima firmataria Melandri) tendente a dare vigore di norma primaria - e dunque a ripristinare un quadro di certezze e di tutela - a quel regolamento la cui sorte ed applicabilit oggi messa in discussione dalle nuove norme volute da Tremonti e subte da Urbani

La legge 112 del 2002 ha poi formalmente costituito le societ Patrimonio Spa e Infrastrutture Spa, assoggettando tutte le operazioni a cui esse sono autorizzate (dismissione, vendita, cartolarizzazione etc) al Ministero dell' Economia ed emarginando ulteriormente il Ministero dei Beni Culturali da ogni possibilit di esercitare effettivamente le sue prerogative di tutela.
Prova ne sia che il "concerto" previsto dalla legge 410 stato modificato con un'"intesa" (art. 7) del Ministro dei Beni Culturali nel caso di beni di valore storico artistico. Prova ne sia, inoltre, che negli organismi dirigenti recentemente nominati (presidente dott Massimo Ponzellini, ex Banca Europea Investimenti, amm delegato dott Fausti ex banca Intesa) non stata prevista la presenza di un rappresentante, istituzionale e non, del mondo della tutela.

Numerose sono state le proteste sollevate dall'opposizione, dalle associazioni di tutela, le perplessit della Corte dei Conti e dello stesso Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi che, nel firmare la legge, ha chiesto formalmente al Governo di sciogliere le ambiguit circa la sorte e la tutela del patrimonio storico artistico all'interno di questa operazione. Ad oggi, a parte le rassicurazioni "verbali" di Urbani e Tremonti, tale chiarimento non stato dato.

Insomma, in buona sostanza ci che si teme non "la vendita del Colosseo" ma la possibilit che decine di beni di fondamentale valore identitario e culturale ed anche paesaggistico (palazzi, spiagge, boschi) vengano venduti o portati nel conto patrimoniale della societ, al fine di aumentare la sua capacit di indebitamento nei confronti delle banche. Di fatto, essi
verrebbero o svenduti o utilizzati come "pegno" e assoggettati ai rischi finanziari connessi all'andamento delle operazioni di cartolarizzazione.

Ci contrasta con le norme della Costituzione (art. 9) che affidano allo Stato il compito di tutelare e valorizzare il patrimonio storico-artistico nei confronti del quale, invece, il Governo si sta comportando come se fosse di sua propriet.

Vi inoltre un'ulteriore elemento di preoccupazione che fa temere che il Governo Berlusconi si stia apprestando ad un nuovo "SACCO D'ITALIA": la legge che ha istituito Patrimonio e Infrastrutture spa prevede che una percentuale dei proventi delle vendita del singolo bene possano andare ai Comuni, in "cambio" di un cambio di destinazione d'uso (ad esempio da uso
scolastico o per uffici o per sedi museali ad uso abitativo, o commerciale o anche alberghiero, perch no?).

Il fatto che tale percentuale possa oscillare tra il 5 ed il 15% ci fa ritenere che questa sia l'arma (o l'esca) per coinvolgere (o far star buoni) i Comuni e farli partecipare agli utili in cambio di un sostanziale "snaturamento" dei vincoli o delle funzioni pubbliche di centinaia di beni
(palazzi storici soprattutto) situati nelle centinaia di citt d'arte italiane.

E, intanto, l'operazione procede, Nel mese di luglio l'Agenzia del Demanio (Ministero dell'Economia) ha pubblicato il primo elenco ricognitivo di beni da cui il Ministero dell'Economia "pescher" i beni da trasferire a Patrimonio spa. All'interno di questo elenco di migliaia di voci abbiamo individuato quelli di maggior pregio (tra cui, solo per citarne alcuni, gli
ex Incurabili a Venezia (in cui in corso un cantiere che dovrebbe consentire l'allargamento delle Gallerie dell'Accademia, oggi ristrette in uno spazio troppo piccolo), le isole di Spargi o Giannutri nell'arcipelago toscano, il museo di Capodimonte o la certosa di San Martino a Napoli, Villa Iovis a Capri o il sito archeologico di Alba Fucens in Abruzzo, il Carcere di San Vittore a Milano, quello di Poggioreale a Napoli, decine di fari o spiagge) mentre l'Associazione "Aprile" ha fatto partire una campagna di attenzione e vigilanza "civile" che sta portando alla creazione di numerosi comitati civici.

Si in attesa dei nuovi elenchi, contenenti soprattutto beni demaniali e quindi con ancora pi alta probabilit di contenere al loro interno beni di elevato pregio storico artistico ed anche paesaggistico.

A fine Ottobre, come detto, sono stati nominati i vertici della societ, mentre la Finanziaria in discussione gi prevede almeno 7,3 miliardi di Euro di introiti derivanti da cartolarizzazioni.

Insomma, l'operazione ormai al via mentre pesanti restano i dubbi circa la sorte di numerosi beni di valore storico artistico e paesaggistico la cui tutela oggi, saltata ogni precedente regolamentazione, affidata all' arbitrio del Ministro dell'Economia.


Giovanna Melandri Lucia Urciuoli


Roma, 10 Dicembre 2002



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news