LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura dei pi
26-10-2010
Francesco Floccia

L'’affermazione odierna di Filippo Facci sul quotidiano “Libero” - “Appunto - Di chi Saviano” , p. 1: “C’ un’incultura suicida nel centrodestra.…che [tra l’altro] pu mettere uno come Sandro Bondi al Ministero della Cultura” - non polemica ma sintomo di una contraddizione epocale: ma che cosa ci sta a fare un Ministero della Cultura (o dei ‘beni culturali’ che dir si voglia) nelle compagini governative italiane? Da quando nel 1975 si istituito il Ministero per i beni culturali e ambientali la tutela e il tema delle opere d’arte diventata occasione di scontro e di polemiche politiche. La “tutela” vista da sinistra (ossia la socializzazione del valore storico delle testimonianze artistiche guidata dalle classe borghese di giovani studiosi divenuta la terza componente della gramsciana alleanza tra contadini e classe operaia) stata lungamente vincente nella politica culturale italiana dell’ultimo quarto del Novecento. Gran parte dei pi anziani quadri dell’attuale amministrazione statale dei beni culturali ha quella formazione professionale e fin tanto che la classe politica italiana ideologicamente si riconosceva nel pensiero secondo cui l’intellettuale, sebbene privilegiato, difendeva per il bene delle classi popolari le testimonianze storiche nazionali, la funzione dei tecnici del Ministero ha assolto effettivamente un lavoro utile alla salvaguardia del patrimonio colto e artistico italiano. Ma poi arrivato al governo dell’Italia, sul finire dello scorso secolo, il “centrodestra” con la sua prassi scabra e comportamentale che – come ormai affermata vulgata – e come scrive Bruno Zanardi in “Strategia di un disastro”, Patrimoniosos del 5/10/2010, ha “decontestualizzato le opere nel nome dello slogan brutalmente economicistico: ‘bisogna far rendere le opere d’arte’”. Sicch, perduta qualsiasi funzione critica o di valutazione storica, la compagine degli studiosi ministeriali diventata necessariamente strumento operativo di una gestione politica che nella storia dell’arte vede un aspetto idealistico della cultura e non documentativo e perci stesso attraente e commerciabile in una societ che in ogni momento e circostanza appunto attratta dalla cronaca, dall’effimero, dal quotidiano, dal piccolo mistero o segreto che riguarda il prossimo ma che vive o riflette anche in se stesso. Si sa che una delle moderne accezioni del concetto di cultura vuole che questa rappresenti l’insieme del sentire di una societ e non la formazione o la coscienza del singolo individuo: inutile ricordare Benedetto Croce che vedeva tante piccole “conoscenze” negli individui ma non la “Conoscenza”. Oggi non si sbaglia nel dire che nell’insieme della popolazione italiana ci sono miriadi di informazioni ma non cognizione complessiva della realt o dei propri atteggiamenti. Supponiamo avvalorati da certezze scientifiche e professionali cosa sia la “cultura” oggi sempre pi imprevedibilmente correlata alle tecnologiche conquiste multimediali che permettono di saggiare all’istante innumerevoli frammenti di un universo fatto di personaggi, musiche, immagini, idee, realt apparentemente virtuali ma salde e concrete nella storia dell’oggi. Cosa vorr mai dire allora “beni culturali”? Non lo sono pi solo il dipinto, n il monumento, n l’opera filosofica e letteraria o musicale che gli studiosi del settore hanno codificato: cultura anche la capacit di ogni individuo che davanti a un abito, a un fatto, a un evento, a un gadget digitale, a un personaggio dello spettacolo o della politica sa elaborare una propria convinzione ascoltando o scremando dati e notizie che gli vengono prospettate. Naturalmente rispetto a un dipinto si informer dei dati storici che la didascalia o il ‘catalogo’ gli forniranno ma la vera cultura star tutta in quelle personali ed essenziali idee o convincimenti che intimamente si formato. “Incoltura di destra” contro “cultura di sinistra”? Ossia la prima sfuggente mentre la seconda impositiva? Filippo Facci nell’articolo di giornale da cui ho preso spunto per queste righe rimprovera all’”incultura del centrodestra” di non saper “produrre programmi” televisivi o comunque di taglio culturale: ma ci coerente con un governo di “centrodestra” che almeno nel campo dell’arte e della creativit non deve impostare regole e norme n prefiggersi propagande di sorta. Alla fine, “valorizzare” commercialmente un patrimonio artistico pu dare fastidio a studiosi sensibili alla storia e alle classicit che essa simboleggia; ma presentare i beni culturali secondo la essenziale teoria che trattasi di testimonianze di un passato che comunque stato nel suo complesso aristocratico, elitario, assolutistico, intollerante, bellicoso, preilluministico e sostanzialmente – come si usa dire – illiberale operazione specialistica e di studiosi il che esula dai compiti di un dicastero a conduzione politica ed entra invece nel campo della ricerca o della scienza che appunto n retoriche n nostalgie persegue. Si rispettino tutti gradi di cultura che ogni cittadino pu possedere: sar sempre meglio un ministro che d spazio a ogni espressivit che non un altro che mostri di apprezzare solo coloro che hanno avuto la fortuna o l’opportunit di affinare la propria cultura.

24/10/2010



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news