LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dieci punti per salvare Villa Borghese
09-11-2010
Fulvio Fiorentini

Da Repubblica apprendiamo la notizia che l'Associazione Amici di Villa Borghese ha sottoposto al Sindaco un piano in 10 punti per recuperare la Villa dal degrado in cui stata lasciata in questi anni e dall'assalto iniziato quest'estate con il ripetersi di manifestazioni che hanno portato nel parco enormi strutture e migliaia di persone con il conseguente danneggiamento di parti del Parco.
Eccoli (il grassetto stato aggiunto qui):

1 Designare un tutore della Villa, come avviene per i parchi storici d'Europa, cui siano conferiti i poteri necessari per unificare le varie competenze, affiancato da un esperto del verde di chiara fama.

2 Censire, reintegrare, restaurare il verde di Villa Borghese. Valutare le necessit dell'intero parco come base di un piano di gestione del paesaggio storico, che includa fra le priorit i progetti di preservazione del patrimonio storico naturale. Un piano di gestione di Villa Borghese gi esiste e reca una firma prestigiosa: stato compilato dal professor Peter Raven, direttore del Missouri Botanical Garden, considerato fra i massimi botanici viventi. Gli Amici di Villa Borghese chiedono al Comune di prenderne visione e di applicarlo.
Destinare la Valle dei platani a un museo all'aria aperta, circoscrivendo e tutelando questo santuario unico nei centri urbani dell'Occidente.

3 Restaurare l'intera cornice di Piazza di Siena e dei riquadri adiacenti, sia negli elementi architettonici sia nelle piantagioni. In particolare, reintegrare i pini, i cipressi, i platani, i lecci e le siepi mancanti, abbattuti o devastati dalle strutture delle diverse manifestazioni. Ripiantare le essenze mancanti un obbligo di legge.
Spostare al Galoppatoio o negli stadi le grandi manifestazioni e i concerti che prevedono un largo afflusso di pubblico e l'impiego di veicoli pesanti dall'impatto insostenibile per i giardini storici, con l'unica eccezione del concorso ippico a Piazza di Siena, limitandone per l'espansione smisurata.

4 Riaffermare l'inviolabilit della Villa storica sancita dalle leggi di Stato, regionali e da convenzioni internazionali, e i vincoli inderogabili cui essa soggetta, i quali permettono all'interno del perimetro storico di Villa Borghese l'esercizio soltanto di tre funzioni: restauro, manutenzione, conservazione. Ci esclude ogni altro intervento, comprese le grandi opere pubbliche (come la costruzione dell'acquedotto Acea dentro i giardini storici).

5 Fornire la Villa di bagni pubblici. Villa Borghese oggi una latrina a cielo aperto.

6 Dotare Villa Borghese di un adeguato servizio di vigilanza, diurno e notturno. Reintegrare le cancellate che tradizionalmente circoscrivevano e proteggevano la Villa. Una prima parte stata riposizionata dopo il Giubileo. L'opera non mai stata completata.

7 Disattivare l'impianto d'annaffiamento, faraonico e dannoso, e far ricrescere l'erba naturale romana di Villa Borghese, scomparsa dal 2000 in seguito all'attivazione dell'impianto di irrigazione. La morte dell'erba naturale romana, che "xerofila" (cio amante dell'aridit, quindi necessita di un periodo di riposo estivo per rinascere vigorosa), dovuta all'eccessivo apporto d'acqua in un bosco storico di natura mediterranea. Proprio cos avevano ammonito gli esperti dell'Universit la Sapienza e della Tuscia prima della posa dell'impianto.
L'eccessiva irrigazione accelera la marcescenza degli alberi storici e ha gi contribuito a modificare il microclima del parco, con conseguenze devastanti per il patrimonio arboreo e naturale.

8 Sostituire le attuali macchine agricole, dannose e vetuste, impiegate per il taglio dell'erba, e dotare il Servizio giardini di macchinari adeguati.
Fornire il Servizio giardini di veicoli elettrici per il trasporto e il transito all'interno della Villa. Vietare il passaggio e il parcheggio di veicoli pesanti sul verde, come detta la legge per i parchi storici a livello internazionale.
Imporre l'osservanza dei limiti di velocit ai veicoli autorizzati a transitare all'interno dei giardini storici. Imporre il divieto di transito a tutti i veicoli non autorizzati.

9 Ripristinare le panchine di Villa Borghese, per la comodit delle famiglie e degli anziani, che sono i primi fruitori del parco secondo quanto dettato dalla Carta di cessione della Villa al Comune di Roma.
Insediare un'area giochi per i bambini in una zona recintata, soleggiata e sorvegliata.

10 Riportare il Casino dell'Orologio alla sua originaria destinazione di Museo, per dare infine giusta sistemazione all'importante patrimonio artistico di Villa Borghese, ora abbandonato in depositi.

Con l'occasione ricordiamo i vincoli imposti, oltre che dalle leggi statali, regionali, comunali e dalle Convezioni internazionali, anche dalla Carta di cessione di Villa Borghese al Comune. Il regio decreto n. 345 del 17 luglio 1903 con il quale veniva data approvazione dell'atto stipulato tra lo Stato Italiano e il Comune di Roma per la cessione della Villa Borghese al Comune, specificando i termini di tale contratto all'art. 6 stabiliva: "il Municipio di Roma accetta la cessione che come sopra gli viene fatta della Villa Pinciana o Borghese e si assoggetta alle condizioni cui la cessione medesima vincolata, obbligandosi di trasformare la Villa suddetta in pubblico giardino comunale (ndr. vietando esplicitamente ogni cessione ai privati), di conservarla perpetuamente a questa destinazione, e di ridonarle la pristina magnificenza sia per le piantagioni sia per le opere artistiche".
Malgrado alcune deroghe ad hoc stabilite attraverso decreti, quella Carta resta vincolante.
...

Di ieri anche il Comunicato di Italia Nostra:
NON DECLASSARE VILLA BORGHESE A PARCO CHIEDIAMO CHE VENGA ISTITUITA UNA FONDAZIONE (ANSA) - ROMA, 8 NOV
'In tanti anni e tante proposte inattendibili il declassamento di Villa Borghese a parco urbano mancava al repertorio. Il Presidente del Bioparco, Paolo Giuntarelli, ha proposto durante il sopralluogo con il sindaco Gianni Alemanno, di trasformare la Villa in un'area di verde urbano come quelle da lui gestite quando era a capo del Servizio Giardini. Incredibile''. Lo si legge in una nota di Italia Nostra.
''Non si vuole seguitare qui a ripetere che la Villa e' vincolata ai sensi delle leggi nazionali - si legge ancora - Vincolati quindi i prestigiosi edifici, vincolato il giardino storico. Certo, declassare Villa Borghese potrebbe essere utile per non avere lacci e laccioli che limitano (si fa per dire) le funzioni improprie che la devastano periodicamente ma sarebbe una dichiarazione di resa della Amministrazione comunale e del Ministero dei Beni Culturali senza neanche l'onore delle armi.
E' al Sottosegretario Francesco Maria Giro che Italia Nostra rivolge le proprie speranze: un unico ente gestore di alto profilo istituzionale che tolga Villa Borghese da manovre di piccolo cabotaggio e soluzioni fantasiose. Italia Nostra Roma -conclude la nota - chiede una Fondazione per Villa Borghese''.(ANSA)



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news