LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Se anche il restauro asseconda il virtuale
22-11-2010
Francesco Floccia

Ma non dimentichiamo che infondo l’arte anche un gioco e che il restauro fa parte di questo gioco: nessuno ha mai fatto tragedie sulla mutilazione mirata che sub il (quasi) michelangiolesco “Cristo” della chiesa romana della Minerva che ancora oggi l’artificio di un panno ricopre. Eppure quell’atto di mutilazione privava la figura scultorea dell’intrinseco significato che essa stessa esprimeva ossia l’”austera libert della fede…nuda e intatta, come quel corpo divino non deformato dalla croce” (Vd. Romeo De Maio, “Michelangelo e la Controriforma”, Sansoni Editore 1990, pp. 137-139). Ma quell’epoca dei primi del ‘500 viveva fervori e vicende filosofico religiose oggi sconosciute, incomprensibili, cariche di tensioni morali e spirituali che l’attuale societ nel suo complesso oggi totalmente ignora non captandone il sostanziale impulso umanistico. Gran parte del mondo politico italiano esprime invece in questi giorni un insospettato interesse per i beni culturali verosimilmente giudicati nella loro esclusiva componente materiale: gli accadimenti (mediaticamente diffusi) di Pompei, di Gela, del restauro ad addendum sul gruppo scultoreo di Palazzo Chigi, creano scandalo perch tutto sembra che diventi rovina o perch si conducono restauri impropri: peccato che tra il momento glorioso e mondano di una qualsivoglia inaugurazione di una mostra caravaggesca e la notizia di nera concernente il crollo di un monumento, intercorra prevalentemente silenzio e indifferenza. Musei pressoch vuoti di pubblico, scarso interesse nazionale per le arti visive in genere, ignoranza pressoch totale nei riguardi dei contenuti simbolici, storici o iconologici delle immagini artistiche, dovrebbero essere la vera e perdurante preoccupazione di quella stessa classe politica che immantinente si indigna appena sa di un episodio grave, improvviso, non ricorrente, che coinvolga monumenti e capolavori italiani. Un crollo archeologico o un restauro considerato improprio o comunque curioso e palesemente provocatorio producono clamore nell’opinione pubblica suscitando allarmata attenzione e interesse per il cos detto ‘patrimonio artistico’ che tale per solo se gli si riconoscono i pi complessi e insiti contenuti concettuali che, quando ignorati, dell’opera d’arte fanno invece vuoto guscio definibile appunto “bene culturale”. Se dunque la rovina di un edificio storico o l’applicazione posticcia di parti anatomiche sul corpo di una scultura classica creano remore e disappunto nei tecnici e notizia da prima pagina per tutti, forse l’attenzione nei riguardi dell’arte aumenta di quel tanto di acutezza capace, finalmente, di rendere popolare la cultura e non pi solo fenomeno distante e inafferrabile che in molti evocano ma che pochi nella sostanza padroneggiano. E sono pochi tra i non specialisti del settore quelli che conoscono, per esempio, le regole del restauro che, forse, solamente nel caso clamoroso di un loro stravolgimento metodologico, rendono edotta l’opinione pubblica che l’opera d’arte va cristallizzata all’oggi e che qualsiasi intervento che la tocchi non la render mai pi simile a se stessa. Ma sono universalmente comprensibili e quindi applicabili le vigenti codificazioni sul restauro che, nell’assoluto rispetto dell’immutabilit della storia, rendono ogni opera d’arte apprezzabile nel nome della tecnica conservativa e non della soggettivit, dell’istinto, dell’attrazione, in una parola dell’ “estetica”? Ricreare le mani di una dea e altro di Marte va contro ogni consuetudine del buon restauro italiano ma se si os censurare nel contesto religioso reale di secoli or sono la terrena fisicit del ‘Cristo della Minerva’ altrettanto motivate sono le moderne inserzioni anatomiche del gruppo statuario di Palazzo Chigi giacch una mano femminile rimodellata e la “natura” del dio riapplicata confermano – non pi solo intellettualmente - la fisicit dei due personaggi. Un intervento che crea scandalo in quanto esempio di restauro extra norma portato all’estremo - tuttavia liberato dalla colta cautela metodologica sconosciuta ai pi e quindi criptica per i non iniziati - diventa invece marcato e passionale lavoro chiarificatore e trasparente non perch indifferente alla storia ma proprio perch inserisce l’opera d’arte nella sua realt e nella effettiva rappresentativit umana e simbolica, unico modo per renderla nell’oggi culturalmente e corporalmente comprensibile e quindi vera, viv a, difendibile.

21/11/2010

Francesco Floccia



news

22-09-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 SETTEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news