LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La linea 6 della Metropolitana di Napoli e l'impatto ambientale sugli assetti idrogeologici
16-03-2011
Sabrina Parisi

(Resoconto della seduta delle Assise della Citt di Napoli e del Mezzogiorno dItalia tenutasi il giorno 13 marzo 2011)


Il 13 marzo 2011 le Assise della Citt di Napoli e del Mezzogiorno dItalia si sono riunite per discutere dellimpatto sugli assetti idrogeologici dei lavori per la linea 6 della Metropolitana di Napoli.

Il professor Franco Ortolani, ordinario di Geologia presso lUniversit di Napoli Federico II, apre la seduta ricordando che gi nel 1991 il progetto del CNR Geologia delle aree urbane introduceva il concetto dellattenzione al sottosuolo del centro storico di una grande citt, paragonando questultima ad una nave che non pu stare a galla senza ci che c sotto e la sostiene, anche se non si vede.

Valerio Ceva Grimaldi, vicedirettore del quotidiano Terra, ricorda la genesi dellattuale linea metropolitana n. 6, nata come linea tramviaria rapida per favorire gli spostamenti in occasione dei mondiali di calcio Italia 90. Il progetto originario prevedeva oltre 20 km di rotaie sia a raso che in sotterraneo e avrebbe attraversato la citt in direzione ovest-est dal quartiere Fuorigrotta fino al quartiere Barra-Ponticelli. Dopo la prima corsa di inaugurazione con i ministri a bordo, la linea venne chiusa per collaudo.

Il professor Riccardo Caniparoli, geologo ambientale, ricorda di aver gi previsto nel 1990 lesito disastroso dei lavori con un articolo apparso su Il Mattino con il titolo Il tram-sprint affonda nel mare, nel quale sosteneva che la talpa allopera nella zona di via Chiaia si sarebbe arenata nelle sabbie. Levento si verific puntualmente alcuni mesi dopo, con imbarazzo dellingegnere geotecnico (poi ministro) Lunardi, dellingegner Viggiani e dellingegnere progettista prof. Renato Sparacio, il quale, qualche anno dopo, accus su Il Mattino il prof. Caniparoli di aver apportato ai lavori un aiuto impertinente, oltre che inutile, e persino di aver, di fatto, portato jella.

Nel 1997 varato il Piano comunale dei trasporti, in cui la linea tramviaria rapida trasformata in metropolitana leggera 6. Il tratto previsto si abbrevia fino a piazza Municipio (solo 8 fermate), quello tra Mergellina e piazza Vittoria portato a 37 metri sotto il livello del mare per evitare di incappare nella zona melmosa retrodunale (in pratica una laguna) e per raggiungere il banco di tufo in cui costruire la galleria. In questo modo, per, diventava impossibile realizzare vie di fuga efficienti e compatibili con le normative europee, con gravi rischi per la sicurezza dei passeggeri, mentre lievitavano i costi delle opere: si raggiunta, infatti, la cifra di 300 milioni di euro per chilometro, il triplo del costo a chilometro del tunnel della Manica, lasciando irrisolto, inoltre, il problema dellisolamento dalla falda sotterranea, che continua a causare fenomeni di rigurgito.

Il prof. Caniparoli mostra con uno schema i tre flussi delle acque sotterranee della citt di Napoli. Il primo flusso quello costituito dallacqua piovana che discende dalle colline, penetra nel terreno e scorre fino al mare. Il secondo flusso quello dellacqua salata dintrusione marina, che scorre, in direzione contraria, al di sotto del flusso dacqua dolce. Grazie a questo equilibrio lacqua dolce arriva in prossimit della Villa Comunale di Napoli (un vasto giardino piantato a lecci, pini, palme, eucalipti, il cui primo nucleo risale al 1697), consentendo alle radici di alberi e piante di abbeverarsi. Il tratto gi realizzato della linea 6 spezza questo equilibrio, permettendo allacqua salata di penetrare nella costa: la conseguenza che gli alberi secolari della villa comunale, che avevano radici molto profonde, si sono trovati a bere improvvisamente acqua salata e sono morti; sono stati rimpiazzati da alberi che hanno radici meno profonde. Inoltre, cementificando la zona circostante le gallerie, si rendono impermeabili i terreni, contribuendo ulteriormente al sollevamento della falda, che a questo punto talvolta rigurgita dal suolo. Ma non finisce qui: i lavori per il tunnel posto a 37 metri sotto il livello del mare hanno intaccato anche il terzo flusso delle acque di Napoli, cio quello delle acque artesiane, che salgono dal basso con forte pressione. In diversi punti della via riviera di Chiaia dal sottosuolo risale lacqua suffregna, ricca di anidride carbonica e carbonato di ferro e con una temperatura di 20C, una fonte preziosa per le sue propriet termominerali, che viene tranquillamente scaricata in fogna o a mare dalla Ansaldo, concessionaria dei lavori, nonostante la legge lo vieti esplicitamente.

Il prof. Caniparoli, seguendo in particolare il caso del negozio Terramia in via riviera di Chiaia (che ha chiuso perch allagato da 27 cm dacqua a causa del rigurgito e proprio nel periodo dellanno in cui la falda dovrebbe essere al livello minimo), ha dimostrato che il progetto non stato sottoposto per tempo a Via (= valutazione dimpatto ambientale, obbligatoria per legge dal 1989, da effettuare prima dellinizio dei lavori). Il decreto di Via del 18 marzo 2010 (mentre i lavori sono iniziati nel 2002!), protocollato con il numero 345, ma non reperibile nellarchivio on line della Regione Campania. Il professore, inoltre, scopre che i tre piezometri installati nel 2009 per monitorare il livello della falda non hanno mai effettuato misurazioni!

Antonio Pariante, presidente del comitato civico Santa Maria di Porto Salvo, nel ricordare le molte battaglie sostenute e vinte dal comitato per la salvezza del patrimonio artistico e archeologico della citt di Napoli, sottolinea il ruolo della societ civile nellopposizione ai progetti folli, che, per, possono essere contrastati solo quando la cittadinanza ben informata e spalleggiata dagli organi competenti, come le soprintendenze. Oggi la Soprintendenza di Napoli tace sulla distruzione del patrimonio arboreo plurisecolare (la Campania, daltronde, una delle poche regioni italiane a non avere ancora una legge regionale sul patrimonio arboreo), tace sulla distruzione delle chiese che, 500 anni fa, con le loro cupole accoglievano il visitatore venuto dal mare, tace sullo scandalo dellacqua suffregna gettata nelle fogne.

Vincenzo Rizzo, storico dellarte ed esperto in marmi antichi napoletani, fa notare che i lavori della linea 6 costituiscono un pericolo per le circa trenta chiese che vanno da Santa Maria di Piedigrotta a Santa Maria della Vittoria, questultima gi interessata da alcuni danni ai marmi, corrosi dallanidride carbonica e dallumidit.

Come porre rimedio? Il prof. Caniparoli spiega che si potrebbe tentare una riconversione della galleria in condotta per le acque, ma occorre innanzitutto impedire che vengano prodotti altri danni.




news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news