LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL GRIDO DI DOLORE DEL PATRIMONIO STORICO-ARTISTICO E AMBIENTALE ITALIANO NEL CENTOCINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DELLUNITA DITALIA
19-03-2011
Gerardo Pecci*

Da alcuni anni il mondo della cultura, dei beni culturali, delle arti e del paesaggio, in grave affanno, ma con landar del tempo diventato malattia, crisi gravissima, ora in coma profondo. Siamo quasi alle soglie dellagonia vera e propria. Quello che per secoli, per generazioni, stato il nostro vanto e il nostro orgoglio di Italiani ora diventato un organismo irriconoscibile, gravemente ammalato. Al capezzale dei beni culturali, di quelli ambientali e del paesaggio non vedo medici in grado di dare il bench minimo aiuto: sono impotenti, sono inerti spettatori di una morte annunciata da tempo. Non hanno i mezzi, non hanno i soldi per poter comperare le medicine, non hanno alcuna cura se non quella di stare a guardare impotenti larrivo della fine. E non cosa di oggi, non una malattia che stata diagnosticata da poco tempo: affonda le radici in tempi lontani, almeno un cinquantennio, ben prima che ci fosse la nascita del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali nel 1974 (Decreto-legge 14 dicembre 1974, n. 657. Istituzione del Ministero per i beni culturali e per lambiente) soprattutto per volont di Giovanni Spadolini. Le recenti dimissioni dellarcheologo Andrea Carandini dalla presidenza del Consiglio Superiore dei Beni Culturali seguono a due anni di distanza quelle del suo predecessore, il Prof. Salvatore Settis, e ricordano quelle, allora clamorose, del Prof. Ranuccio Bianchi Bandinelli del 28 maggio 1960. Tre specialisti di chiara fama nel settore di propria competenza, larcheologia e la storia dellarte, che sono stati costretti a dare le dimissioni dalla presidenza del Consiglio Superiore perch la classe politica italiana del tutto insensibile al grido di dolore che viene dal degrado del nostro grande patrimonio di arte e di civilt e di natura (per quello che ancora rimane) che sempre pi sprofonda nellabbandono e nellincuria pi assoluta. Ricordo gli attacchi del ministro Bondi a Settis, che aveva osato rivolgere severissime critiche alla politica del non governo dei beni culturali (tagli, commissariamenti, trasferimenti di personale non gradito ai politici, rinvii di riunioni di organi ministeriali previsti dalla normativa vigente, immissioni di manager esterni allamministrazione ministeriale ed esautoramento di dirigenti in servizio presso lamministrazione centrale e quella periferica, ecc.) e le ovvie e conseguenziali dimissioni di Settis, che fu immediatamente sostituito con il prof. Carandini che, invece, si era mostrato pi vicino alle posizioni politiche governative in materia di beni culturali e di paesaggio. Ora, proprio Carandini, che si era mostrato moderatamente filogovernativo, ha finito per fare la stessa scelta obbligata messa in atto da Settis due anni fa: dimettersi irrevocabilmente dallincarico ricoperto. Si finalmente reso conto che per i politici di questo governo, ma anche di altri governi del passato a dir la verit, lArt. 9 della Costituzione non esiste e che non il caso di finanziare adeguatamente il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, considerato che la cultura e i beni culturali e paesaggistico-ambientali sono visti dagli stessi politici come ostacoli alla cementificazione selvaggia, alla speculazione edilizia, al poter mettere allegramente le mani sui centri storici delle citt e dei borghi pi antichi e suggestivi della Penisola, distruggendo una stratificazione storica, artistica, urbanistica, architettonica di grande importanza e prestigio, una memoria che ci parla della nostra identit, del nostro prezioso passato, ma che agli occhi di questi speculatori, politici e imprenditori privati, solo un ostacolo ai loro giochi di profitto economico, con tutto quel che ne consegue. Non ci sono i soldi per tenere adeguatamente aperti i musei, per poter fare una manutenzione ordinaria, necessaria, indispensabile, di siti archeologici come, ad esempio, Pompei, Paestum o la Valle dei Templi di Agrigento. Nella lettera di dimissioni da Presidente del Consiglio Superiore per le Antichit e Belle Arti, questo era il nome del Consiglio Superiore per i Beni Culturali nel 1960, il Prof. Bianchi Bandinelli scrisse che: Se, infatti, si fosse voluto porre realmente un argine alla distruzione, ampiamente documentata delle bellezze dItalia, si sarebbe sentito il bisogno di rafforzare il Consiglio Superiore, rivedendone la legge istitutiva e il regolamento. Ma anche con lattuale legislazione si potrebbe ottenere una salvaguardia molto pi efficace, ove da parte della Direzione Generale e del Gabinetto vi fosse la effettiva e costante volont di opporsi agli attentati che da tante parti vengono portati alle caratteristiche delle nostre citt e del paesaggio italiano. [] Lesperienza, sempre pi aggravata negli ultimi dieci anni, ha mostrato che nessuna seria garanzia data ai componenti del Consiglio Superiore di trovare nellautorit ministeriale la massima tutelatrice e interprete della legge nellinteresse comune. [] Ma tutti coloro che hanno sensibilit storica e artistica e senso della decenza e che si preoccupano anche dellimportanza che nel nostro Paese assume lelemento turistico, sanno, in Italia e oramai purtroppo anche fuori dItalia, che lItalia si sta distruggendo giorno per giorno, e che tale distruzione solo in casi isolatissimi inevitabile conseguenza dei mutamenti tecnici, economici e strutturali della civilt moderna: nella maggior parte dei casi conseguenza del prevalere degli interessi della speculazione privata e della grossolanit culturale della attuale classe dirigente italiana. Letta attentamente questa lettera, datata 28 maggio 1960, rivela la sua straordinaria e icastica attualit: sembra essere stata scritta oggi, e non certamente cinquantuno anni fa, tanto vera e attuale nei contenuti, soprattutto nella denuncia chiara e inequivocabile di grossolanit culturale della attuale classe dirigente italiana. Anche Carandini, che pur si era illuso di poter onestamente dare il proprio costruttivo contributo alla reale e concreta salvaguardia del nostro patrimonio culturale e del paesaggio, a distanza di cinquantuno anni dal posto e dal ruolo occupato dal suo professore Bianchi Bandinelli giunto pi o meno alle stesse conclusioni e ha fatto lo stesso doloroso passo: dare le proprie dimissioni. Anche le parole di Carandini hanno il senso di un epitaffio funebre per labbandono a se stesso del nostro patrimonio di storia, arte, civilt. Infatti, nella lettera di dimissioni - pubblicata sul Corriere della Sera del 15 marzo 2011, pag.25 - scrive amaramente, e altrettanto duramente, che: sono giunto alla conclusione, molto amara, che nella politica italiana hanno vinto, da ultimo e finora, gli avversari della cultura e dei beni culturali tutelati dallo Stato, che, non potendo abolire il Ministero (accusato fra laltro di aver intralciato il Piano-Casa), sono riusciti a deprivarlo di uomini e mezzi per neutralizzarlo. A questi avversari della cultura rivolgo lo stesso monito del sottosegretario Francesco Maria Giro: Fermatevi.[]Ci stiamo allontanando dalla Patria, anche quella visibile fatta di paesaggio, storia e arte. Rischiamo di perderla e non sono passate neppure cinque generazioni dalla fondazione dello Stato italiano. Chi sono questi avversari della cultura citati da Carandini? Gli stessi uomini politici al governo, e nel Parlamento, chiaramente. Gli stessi avversari della cultura, della civilt, i nuovi barbari, i mediocri politici e affaristi di pochi scrupoli, corrotti e corruttori, individuati benissimo gi da Bianchi Bandinelli e poi da Salvatore Settis che li aveva denunciati apertamente con i suoi libri-denuncia, soprattutto Italia S.p.A. Lassalto al patrimonio culturale (Einaudi, Torino 2002) e che ora vengono ridenunciati nel nuovissimo libro-inchiesta dal titolo Vandali. Lassalto alle bellezze dItalia, scritto da Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo e pubblicato da Rizzoli a febbraio 2011. E che ci sia in atto un perverso piano politico, sottile e sistematico, subdolo, di destrutturazione, e forse anche di annientamento, della cultura legata ai Beni Culturali rilevabile anche nella cosiddetta Riforma(sic!) Gelmini della Scuola Secondaria di Secondo Grado, anche (ma non solo) attraverso labolizione dellindirizzo di studi artistici denominato Rilievo e Catalogazione (ex Progetto Sperimentale Michelangelo) nei Licei Artistici: che era lunico in grado di formare studenti che acquisivano le competenze e le conoscenze storico-artistiche, anche architettoniche e tecniche, per poter procedere alla compilazione corretta delle Schede di Catalogazione dei Beni Culturali, di diverso genere, secondo gli standard di catalogazione adottati dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, che erano quelli elaborati e pubblicati attraverso lICCD. Ci costituisce una vergogna autentica: un taglio indiscriminato e scelleratissimo, voluto e sistematico, alla reale e concreta didattica dei beni culturali, unoffesa verso i giovani studenti, in grado di offrire, una volta diplomati, i propri servigi anche in supporto delle Soprintendenze, a cui istituzionalmente demandato, sul territorio di propria competenza, il compito primario dellindividuazione e della catalogazione di quegli speciali oggetti che tutti noi definiamo con il nome di beni culturali. Come si possono tutelare i beni culturali se non vengono prima individuati, catalogati e notificati? Quello che non si cataloga non esiste: questa la pura filosofia del tradimento dellArt. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana da parte della cattiva politica e indirettamente anche dellArt.33. Alle spalle di quello che sta succedendo ora vi sono, ancora una volta, le amare accuse e le denunce raccolte nel volume di Ranuccio Bianchi Bandinelli LItalia storica e artistica allo sbaraglio, pubblicato dalleditore De Donato, Bari, nel 1974, che resta una testimonianza accorata e storicamente forte di mali che ancora oggi non solo non sono stati risolti, ma si sono aggravati in maniera esponenziale. Altrettanto forte il volume di Francesco Erbani LItalia maltrattata (pubblicato nel 2003 dalleditore Laterza di Bari) in cui il giornalista denunciava apertamente e coraggiosamente i problemi della speculazione edilizia e paesaggistica, messa in moto da una delinquenza legata alla mafia, alla ndrangheta, alla camorra, con la complicit di una classe politica inetta e corrotta in grado di distruggere le coste, i centri storici cittadini, di rendere soffocante la vita delle citt attraverso la pi selvaggia e barbara politica del profitto a ogni costo. Ma i politici ignorano queste pagine: non leggono, non vogliono leggere, non ne hanno il tempo, perch il tempo denaro e la loro crassa arroganza non pu tenere conto delle esigenze della collettivit perch non vogliono guardare oltre il proprio naso di Pinocchio e le proprie tasche, piene di mazzette, di soldi: appunto quelli provenienti dai loro affari. E intanto un grido di dolore si solleva dalla comunit degli studiosi, dei ricercatori e dei funzionari del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, dellUniversit dei docenti di storia dellarte delle Scuole Superiori, abbandonati a se stessi e senza una meta sicura da raggiungere. Se non sinvertir questa tendenza - e bisogna agire presto e in modo deciso - ogni ulteriore considerazione sar vana perch significher che siamo giunti alla fine della nostra civilt, calpestata e vilipesa, infine annientata per sempre. E leggeremo i libri di storia dellarte come se fossero scritte e fotografie cimiteriali, che ricordano il caro estinto. E resteremo a spasso, passeggiando tra le rovine della nostra civilt perduta.

*Docente di storia dellarte e giornalista



news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news