LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuove proposte di lettura e salvaguardia del paesaggio italiano. I "Luoghi zanzottiani"
22-04-2011
Paolo Steffan

Purtroppo questo nuovo millennio pare non essersi aperto all'insegna di una rinascita dell'interesse
nei confronti delle forme pi alte della letteratura, che non rimangono altro che un godimento,
talvolta fine a se stesso, per una sempre minore lite.
Mi riferisco, nella fattispecie, alla poesia, espressione assoluta dell'ingegno umano e fonte anche
laddove essa ricerchi il brutto di bellezze altrimenti inarrivabili.
Nell'ultimo mezzo secolo, in Europa, c' senza dubbio un autore le cui opere risultano aver toccato i vertici di questa bellezza straordinaria: si tratta del veneto Andrea Zanzotto, poeta di Pieve di Soligo, nel Quartier del Piave, grande vallata dell'Alta Marca, ai piedi delle Prealpi bellunesi.
Costui come noto a chi ne conosce, anche vagamente, qualche verso o qualche riflessione tiene in grande considerazione la varietas termine che intendo nel significato di variet-gradazioni (coloristiche e formali del paesaggio solighese) ma anche di incostanza (si pensi alla lingua del
poeta o alla poesia meteorologica degli anni novanta) delle suggestioni provenienti dalle geografie dell'angolo di mondo in cui vive: dal livello superficiale del cambiamento dei colori e dei climi di stagione in stagione, alla complessa indagine in verticale dei diversi strati geologici (del territorio e
della lingua).
Di questo ho tentato di occuparmi componendo la mia tesi di laurea ("Un giardino di crode disperse". "Conglomerati" e conglomerazione nell'ultimo Zanzotto: uno studio di "Addio a
Ligons", 2011, Ca' Foscari, Venezia, relatori: Ricorda, Vallerani), studiando alcuni testi dell'ultima
opera di Zanzotto, "Conglomerati" (2009), scoprendo per quanto in mio potere etimologie sia linguistiche, sia geografiche, cio applicando a certi testi che lo consentivano un'etimologia degli sguardi: attraverso l'osservazione (dal vivo e fotografica) delle aree ispirative ed argomentative di
una sezione di "Conglomerati", sono potuto accedere ad un universo che abbraccia, di fatto, una quantit ed una qualit di saperi al di sopra delle mie capacit cognitive e di quelle di ciascuno.
Difficilmente esistono luoghi del sapere che in s contengono una tale potenza.
Lo scrigno poetico uno di questi luoghi: e, in particolare, nel momento in cui la vividezza della parola sgorga con pi o meno impeto dalle viscere della Terra, per mezzo di forze incommensurabili e inconoscibili che con tutta probabilit sono le stesse che presiedono alla vita; viscere che si celano all'uomo con la veste variopinta del paesaggio, che, col suo smisurato donativo, sa fornire al genio dei poeti pi grandi gli strumenti per un dettato che tocca le sfere pi
segrete del bello!
Viaggiare nel mondo poetico zanzottiano muovere i propri intelletti magari a profondit differenti in un mondo geografico/geologico, talvolta viaggiando in parallelo, talvolta
intersecandolo. E questo secondo mondo il paesaggio del Quartier del Piave, comprensivo per anche del Montello, del Collalto, della valle di Revine-Lago, con approdi a Venezia e voli verso le Alpi: ed ecco, dunque, che nasce una nuova maniera di leggere il paesaggio dell'Alta Marca, servendosi di quelli che in assonanza con la definizione di "Luoghi pasoliniani" chiamo "Luoghi zanzottiani", ma che sono qualcosa di pi, perch sono una chiave di lettura che va oltre, la quale
consente una diversa percezione di intere prospettive come di singolarit: una via di lettura che pu sfruttare lo stesso tracciato della via di salvaguardia, in una tutela intelligente del Patrimonio Culturale, che elimina confini ideologici e categorie precostituite e scadute da tempo: infatti, una possibile strada di tutela del patrimonio poetico e pittorico, cinematografico, ecc. , progettata e costruita in simbiosi con il paesaggio all'interno del quale, nei secoli, le arti si sono sviluppate dando frutti succosissimi, forse la pi importante infrastruttura di cui abbisogna l'ambiente Italia!

Paolo Steffan
Castello Roganzuolo, 22 aprile 2011



news

12-01-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 GENNAIO 2018

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

Archivio news