LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Recensione al volume Quo vadis, Italia? di A. Polichetti
12-07-2011
Milena Cuccurullo

assolutamente accertato, anche attraverso commissioni di inchiesta parlamentare, il sistematico trasferimento di rifiuti tossici altamente pericolosi dallindustria del Nord al territorio campano, un traffico cogestito dalla camorra. Con queste parole, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, confermava dinanzi allopinione pubblica italiana lesistenza di un enorme traffico di rifiuti tossici dalle industrie del Nord alle campagne del Sud, con lintermediazione della criminalit organizzata. La vicenda della emergenza rifiuti e della distruzione della Campania felix il tragico proemio dellopera Quo vadis Italia?, di Antonio Polichetti (La scuola di Pitagora editrice), ricercatore dellIstituto Italiano per gli Studi Filosofici, che parte dal caso di cronaca campano per poi estendere la narrazione al pi ampio scenario delle innumerevoli situazioni di crisi che attanagliano la cosa pubblica in Italia: linquinamento di corsi dacqua, delle falde e del mare e il disastro dei depuratori chimici in tutto il Mezzogiorno, lo smaltimento illecito di fanghi e rifiuti tossici nelledilizia in Lombardia, le collusioni della grande e piccola impresa lombardo-veneta con le organizzazioni criminali, i danni ambientali irreparabili delle opere pubbliche nel Mugello, lallarme sul pauroso aumento dei tumori e delle patologie legate al deterioramento delle matrici ambientali al Sud come al Nord. Quo vadis, Italia? , infatti, un testo che nasce dalle battaglie per lambiente, la salute e il paesaggio, condotte sul territorio campano da ricercatori, studenti, docenti, attivisti e semplici cittadini, riunitisi in accademie, cio in assemblee di studio, proprio per fronteggiare la difficile realt italiana di questi anni con lo strumento della critica, della denuncia e, soprattutto, della ricostruzione storica. Si viene a sapere, per esempio, che il carattere parassitario dellindustria e della finanza italiana non solo un malcostume abituale della borghesia ma si tradotto in una serie di leggi criminogene che aboliscono norme e controlli; oppure che gli episodi fatali di frane, alluvioni e smottamenti, non sono catastrofi naturali, ma prevedibili conseguenze del consumo del suolo, della cementificazione, delle opere pubbliche; e che limpoverimento generale delle famiglie italiane non attribuibile soltanto alla crisi economica, poich un fatto necessariamente legato alle privatizzazioni delle aziende e dei servizi pubblici.
Se, dunque, alla politica spettano le responsabilit principali, va anche detto che le degenerazioni della politica hanno origini storiche da individuare, verificare e rimuovere. Nellintroduzione storica lautore ipotizza che le politiche folli, foriere dei disastri dellambiente, del paesaggio e delleconomia, siano leredit lasciata ai posteri dalla sinistra giovane, una corrente populista e trasformista affermatasi in Italia dopo la grande stagione del Risorgimento italiano e di uomini del calibro di Cavour, Spaventa e Garibaldi. La mancata attuazione delle necessarie riforme economiche, politiche e sociali avrebbe portato, quindi, al ripudio dello Stato, alla rinascita di un sentimento antiunitario nelle campagne, continuamente oppresse dallavidit delle citt e alle tentazioni retrive del secessionismo nordista e sudista. Una nuova coscienza politica nazionale ed unitaria, secondo lautore, indispensabile, quindi, per combattere il degrado morale, la decadenza del costume e della cultura, la rassegnazione generalizzata al predominio della giustizia ineguale e della collusione della borghesia produttiva con la criminalit.
Quo vadis, Italia? una riflessione profonda e spregiudicata sui problemi del nostro prossimo futuro ed rivolta a chi desidera ritrovare una vera dimensione della politica e dellinteresse pubblico. Lautore si rif alla tradizione culturale umanistica del Mezzogiorno per ricordarci che la storia fatta dagli uomini che conservano gli ideali e che si documentano tramite linformazione scientifica e accurata, strumento principe per lesercizio critico dei diritti di cittadinanza.

Quo vadis, Italia? disponibile in formato e-book al seguente link: www.scuoladipitagora.it/Quo-vadis-Italia-ebook.html, dal 15 luglio in libreria



news

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

15-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 DICEMBRE 2017

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

Archivio news