LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Partita la caccia della speculazione sui terreni agricoli di Stato
12-11-2011
Graziano Alderighi

Trattativa privata per le propriet di valore inferiore ai 400mila euro. Implicitamente ammesso che i suoli acquisiti possano cambiare destinazione d'uso dopo cinque anni. Ai giovani imprenditori solo la possibilit di prelazione

Il maxiemendamento al Ddl Stabilit ormai quasi legge. Il passaggio alla Camera verr formalizzato a breve, entro pochissime ore.

Nella norma anche un passaggio, fortemente voluto da Coldiretti, ovvero l'alienazione da parte dello Stato delle sue propriet agricole.

Coldiretti ne fa un censimento dettagliato, ad uso del prossimo Ministro dell'agricoltura che cos, questa la speranza di Palazzo Rospigliosi, potr pi celermente emanare i decreti attuativi che prevedano l'apertura dei bandi per l'assegnazione.

Ma cosa dice esattamente la norma? Leggiamola insieme.

Art. 4-quater

( Disposizioni in materia di dismissioni di terreni agricoli)

1. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con uno o pi decreti di natura non regolamentare da adottare d'intesa con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, individua i terreni a vocazione agricola, non utilizzabili per altre finalit istituzionali, di propriet dello Stato non ricompresi negli elenchi predisposti ai sensi del d.lgs n. 28 maggio 2010, n,. 85 nonch di propriet degli enti pubblici nazionali, da alienare a cura dell'Agenzia del Demanio mediante trattativa privata per gli immobili di valore inferiore a 400 mila euro e mediante asta pubblica per quelli di valore pari o superiore a 400 mila euro. L'individuazione del bene ne determina il trasferimento al patrimonio disponibile dello Stato. Ai citati decreti di individuazione si applicano le disposizioni di cui all'articolo 1, commi 3, 4 e 5, del decreto-legge n. 351 del 2001.

2. Nelle procedure di alienazione dei terreni di cui al comma 1, al fine di favorire lo sviluppo dell'imprenditorialit agricola giovanile riconosciuto il diritto di prelazione ai giovani imprenditori agricoli, cos come definiti ai sensi del decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185, e successive modificazioni. Nell'eventualit di incremento di valore dei terreni alienati derivante da cambi di destinazione urbanistica intervenuti nel corso del quinquennio successivo all'alienazione medesima, riconosciuta allo Stato una quota pari al 75% del maggior valore acquisito dal terreno rispetto al prezzo di vendita; le disposizioni di attuazione del presente periodo sono stabilite con decreto di natura non regolamentare del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, d'intesa con il Ministro dell'Economia e delle Finanze.

3. Per i terreni ricadenti all'interno di aree protette di cui alla legge 6 dicembre 1991 n. 394, l'Agenzia del Demanio acquisisce preventivamente l'assenso alla vendita da parte degli enti gestori delle medesime aree.

4. Le Regioni, le Province, i Comuni possono vendere, per le finalit e con le modalit di cui ai commi 1 e 2, i beni di loro propriet aventi destinazione agricola compresi quelli attribuiti ai sensi del d.lgs 28 maggio 2010, n. 85; a tal fine possono conferire all'Agenzia del Demanio mandato irrevocabile a vendere. L'Agenzia provvede al versamento agli Enti territoriali gi proprietari dei proventi derivanti dalla vendita al netto dei costi sostenuti e documentati.

5. Le risorse nette derivanti dalle operazioni di dismissione di cui ai commi precedenti sono destinate alla riduzione del debito pubblico.

Apparentemente la legge ben scritta e non solo fornisce la possibilit di fare cassa allo Stato ma anche a Regioni, Province e Comuni che sono proprietari di molte aziende agricole in Italia.

Esaminiamo tuttavia i singoli passaggi dell'art 4-quater.

"...da alienare a cura dell'Agenzia del Demanio mediante trattativa privata per gli immobili di valore inferiore a 400 mila euro e mediante asta pubblica per quelli di valore pari o superiore a 400 mila euro..."

La trattativa privata sempre molto, molto preoccupante. L'Agenzia del Demanio, infatti, spesso non aggiorna i valori catastali dei terreni agricoli, col rischio che propriet dal valore fondiario molto elevato possano essere classificate come piccoli fondi, del valore inferiore ai 400mila euro, e quindi assegnati ai soliti noti in vie spicce e poco trasparenti.

Purtroppo altres noto che anche le aste pubbliche vengono o possono venire pilotate da faccendieri addentro a questi processi col risultato che i terreni potrebbero non venire comprati da imprenditori agricoli desiderosi di iniziare una nuova attivit oppure di ingrandire la propria impresa ma da speculatori desiderosi di accaparrarsi immobili a prezzi interessanti e d'occasione che oggi sono appetibili beni rifugio vista la volatilit delle borse e degli strumenti finanziari.

E i giovani? Questi terreni, infatti, in origine dovevano proprio essere destinati agli under 40 che vogliono scappare dalla citt e tuffarsi nel mondo contadino. A loro solo la prelazione.

"...Nelle procedure di alienazione dei terreni di cui al comma 1, al fine di favorire lo sviluppo dell'imprenditorialit agricola giovanile riconosciuto il diritto di prelazione ai giovani imprenditori agricoli..."

Come si eserciter tale prelazione? Secondo quali norme e leggi? Non dato sapere. Se si trattasse dell'attuale legge agraria sulla prelazione sarebbe un bel rebus. E' infatti gi oggi tanto complicata e astrusa da generare contenziosi giudiziari che possono durare anni. Nel frattempo il titolare del bene sarebbe l'acquirente diretto dallo Stato che potrebbe cos compiere ogni scelta imprenditoriale riguardante il bene, ivi compreso il cambio di destinazione e d'uso.

Impossibile? No di certo. Infatti sono state inserite alcune righe che consentono implicitamente questa possibilit, purch non prima dei cinque anni dall'acquisto.

"...Nell'eventualit di incremento di valore dei terreni alienati derivante da cambi di destinazione urbanistica intervenuti nel corso del quinquennio successivo all'alienazione medesima, riconosciuta allo Stato una quota pari al 75% del maggior valore acquisito dal terreno rispetto al prezzo di vendita..."

Fatta la legge, trovato l'inganno.

Si vendono propriet agricole, con procedure apparentemente trasparenti ma che in realt, anche per la speditezza di tutto l'iter, favoriscono soprattutto chi ha liquidit e che ben inserito in certi circuiti. Speculatori? Immobiliaristi? Di tutto un po' probabilmente. L'uso della prelazione tanto complicata da disincentivarne di fatto l'uso da parte dei giovani imprenditori che, in buona parte, rimarranno esclusi da questa grande tornata di privatizzazioni. Questi terreni possono poi cambiare destinazione d'uso, almeno in parte, e cos diventare nuove zone residenziali o altro, con notevoli benefici economici e ben poca spesa.

Ad annusar odor di truffa i Verdi e l'Anci.

"Giocare solo sul patrimonio - ha dichiarato il sindaco di Roma Alemanno - sbagliato perch si rischia di fare vendite a buon mercato depauperando cos le risorse proprie di ogni citt italiana".

"Il maxi-emendamento alla legge di Stabilit contiene un colpo mortale al territorio e all'agricoltura italiana perch grazie a quanto previsto dall'articolo 4 quater, che riguarda la vendita delle aree agricole, prevista la possibilit di modifica della destinazione urbanistica", dichiara in una nota il presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli, aggiungendo che "i terreni agricoli dello Stato dismessi per ridurre il debito pubblico potranno essere variati urbanisticamente dopo soli 5 anni diventando, cosi', facile preda della speculazione edilizia e della cementificazione selvaggia. Siamo indignati perch, con la scusa di aggredire il debito pubblico, non solo si d un colpo mortale ad un settore gi in crisi come quello agricolo rendendo i terreni dismessi pi appetibili per la speculazione del cemento che non per la coltivazione", conclude Bonelli.

Quanti saranno mai questi terreni agricoli di Stato? E dove sono?

Tra le diverse regioni analizzate dal censimento il Piemonte si classifica al primo posto per la disponibilit di terreni agricoli di propriet pubblica con oltre 56mila ettari, segue il Lazio con 41mila ettari, Trento e Bolzano rispettivamente con 31mila e 24mila ettari, la Basilicata con 24mila ettari e la Lombardia con 23mila ma rilevanti propriet ci sono anche in Campania (17mila ettari) e in Veneto (15mila).



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news