LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. CERASOLI VOTA CONTRO LE SCELTE E LA GESTIONE DI BUTTIGLIONE
30-03-2006
UIL beni e attività culturali - CONSIGLIO SUPERIORE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI

CONSIGLIO SUPERIORE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI

DICHIARAZIONE STAMPA DI GIANFRANCO CERASOLI COMPONENTE IL CONSIGLIO SUPERIORE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI E SEGRETARIO GENERALE UIL BENI E ATTIVITA’ CULTURALI.

PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI. CERASOLI VOTA CONTRO LE SCELTE E LA GESTIONE DI BUTTIGLIONE CHE PENALIZZA I BENI CULTURALI E POMPEI IN PARTICOLARE.

Nella seduta d’insediamento del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici il Ministro Buttiglione ah dichiarato che il sistema dei Beni Culturali è in grave disagio e che l’anno in corso è l’annus horribilus e per questo va garantita l’efficienza della spesa.
Il dato singolare stando alle dichiarazioni del Ministro è che questo è il suo anno di gestione e le risorse a disposizione sono diminuite per una percentuale pari al 46,07 ( tab 5 ) con una perdita secca di € 79.054.232,89.
Nella fase d’istruttoria, in aggiunta alle predette risorse del Fondo unico per gli investimenti, sono confluite nelle disponibilità relative alla programmazione, taluni stanziamenti di seguenti capitoli di parte corrente per un importo di € 17.159.028,07 che addizionato al totale delle risorse del Fondo unico per gli investimenti ammontante ad € 92.541.069,16 determinava una disponibilità complessiva programmabile di € 109.700.097,23. ( tab 6)
A tali risorse si sono aggiunte quelle relative al taglio di 30 milioni di euro alla Soprintendenza di Pompei determinando quindi, una nuova disponibilità complessiva programmabile di € 139.799.297,16. ( tab 8).
In buona sostanza con il taglio operato a Pompei che ha bisogno di risorse per almeno 200/250 milioni di euro il Ministro ha portato all’approvazione del Consiglio Superiore un piano di spesa e di interventi come se questo fosse un risultato straordinario della gestione di questo “annus horribilis” poiché per tentare di attenuare i tagli si è tolto a Pompei per dare ad altri.
Dal mio punto di vista questa operazione rappresenta un vero è proprio fallimento della gestione che si trascinando da almeno 5 anni con gravissime ripercussioni sul tessuto sociale ed economico .
Il Presidente Ciampi ha dichiarato che “ se funzionano i nostri musei,se funziona il nostro cinema,il teatro,la musica allora funziona meglio la società italiana e con essa l’economia”.
Mi pare che il bilancio e le scelte compiute sino ad oggi rappresentano un vero e proprio disastro non solo per gli investimenti ma anche per il funzionamento..
I tagli operati per il funzionamento , nel settore degli Archivi e delle Biblioteche assommano attorno al 60/70% , per le Soprintendenze di settore sono allo stesso modo drammatici.
Gli Uffici del Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici scrivono che:
“Le risorse a disposizione per le spese essenziali e vive del funzionamento sono in trend negativo da almeno cinque anni. Si è cominciato ad incidere in modo pesante con il Decreto taglia spese (l.N.246/02) del 2002 (decremento del 19%), si è continuati nel 2003 (diminuzione del 10%) e , con la manovra economica del luglio 2004, effettuata con il D.L. 168/04, che ha ridotto in media del 40% le citate spese, ponendo gli Istituti Dipendenti in stato di gravissimo disagio.”
Per il 2006 se si esaminano le richieste avanzate dalle Soprintendenze di settore per il funzionamento e le somme che oggi il Consiglio Superiore ha assegnate si ha il quadro completo della bancarotta:
Le richieste delle Soprintendenze e le somme assegnate sono state pari a € 50.846.509,67 e le somme assegnate sono pari solo a 17.295.461,00.

Il Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici ha scritto che :
“Si rischia, in altri termini, di dovere chiudere musei e zone archeologiche, per problemi connessi all’ impossibilità di pagare le spese per le pulizie o le bollette telefoniche o dell’elettricità! Tutto ciò, mentre si chiede all’Amministrazione di prolungare gli orari di aperture dei Musei, delle Zone Archeologiche e dei Compendi Monumentali.”

[omissis]

A ciò occorre aggiungere il mancato rinnovo del personale che nel corso di 5 anni è sceso di 3510 unità tra Dirigenti e funzionari Architetti,storci,archivisti,bibliotecari,archeologi, capi tecnici,amministrativi,addetti alla vigilanza.
Non vi sono fondi per pagare le missioni e le somme destinate agli interventi di restauro riportate nella tabella 11 sono “ drogate” poiché molte delle risorse non potranno essere utilizzate per interventi di restauro e per la tutela ma serviranno a pagare con un artificio le spese di funzionamento tanto che molti Soprintendenti sono chiamati a rispondere nelle aule dei tribunali per le morosità che ormai si trascinano da anni.
Per fare alcuni esempi la Soprintendenza ai Beni Archeologici della Toscana ha chiesto per il funzionamento € 1.301.112,91, ne riceverà solo 230.000,00, quella di Napoli 1.411.296,20 ne avrà solo 201.000,00, Potenza 783.642,53 ne avrà solo 196.000,00, la Soprintendenza ai Beni Architettonici di Bari dei 1.353.000,00 richiesti ne avrà solo 184.000,00 Genova da 539.402,81 ne avrà solo 170.000,00, Torino da 770.929,62 solo 187.128,00 la Soprintendenza al Patrimonio storico artistico di Bologna da 768.500,00 ne riceverà solo 147.858,00 , L’Aquila da 1.003.920,00 ne avrà solo 204.000,00 la Soprintendenza Mista di Perugia da 1.043.000,00 richieste ne riceverà solo 217.000,00, l’Istituto nazionale per la grafica da 1.524.823,50 ne riceverà solo 258.000,00, la Galleria nazionale di arte moderna di Roma da 700.800,00 ne avrà solo 190.000,00 ecc, ecc….
Ai dati drammatici evidenziati va aggiunto anche quello delle risorse destinate alla formazione del personale che secondo la Commissione Europea, il documento di Lisbona dovrebbe garantire la “ formazione permanente “ di 23.000 lavoratori del Ministero cha passa da circa 8500 di vecchie lire del lontano 1986 a soli € 1,65 per ciascun addetto.
Rispetto a tale quadro il Ministro Bottiglione non ha trovato di meglio che fare un semplice saluto di 3 minuti per poi abbandonare la seduta del Consiglio Superiore.
Personalmente avrei gradito quantomeno una discussione aperta perchè ad esempio l’aver tagliato 30 milioni di euro a Pompei , che in qualche modo può rappresentare uno dei simboli dei beni culturali per darli ad altri,dimostra inequivocabilmente l’incapacità di comprendere lo stato di catastrofe in cui versa il settore.
Per questo ho presentato una mozione rivolta ad evitare il taglio di Pompei che è stata respinta dal Consiglio Superiore che peraltro non vedeva neanche la presenza dei tre rappresentanti della Conferenza Stato Regioni e su 17 componenti i presenti erano solo 11.
Per tali motivi ho ritenuto di votare contro il piano degli interventi che rappresenta davvero il fallimento del sistema dei beni culturali ed in questa logica la penalizzazione di Pompei è ancora più evidente.
Roma 30 marzo ’06
Gianfranco Cerasoli



Tabella n. 5

[omissis]



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news