LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viterbo: Presentato il piano delle alienazioni immobiliari
19-04-2012
Fulvio Fiorentini

Una scelta politica precisa, assunta dalla maggioranza di Palazzo Gentili in collaborazione con la commissione consiliare competente.

La decisione di dare il via al nuovo piano di valorizzazione dei beni immobiliari di propriet della Provincia di Viterbo, licenziato qualche giorno fa dalla giunta e in attesa di passare attraverso la legittimazione del consiglio provinciale, si fonda proprio su una diffusa volont di non danneggiare ulteriormente il territorio a seguito del decreto "Salva Italia" del Governo Monti, che trasforma l'istituzione provinciale limitandone rappresentativit e funzionalit.

Ventisette immobili di propriet dell'Ente, quindi, verranno messi in vendita o alienati previa sdemanializzazione.

Ad illustrare tutte le novit del piano questa mattina nella sala consiliare di Palazzo Gentili, ci hanno pensato il presidente della Provincia di Viterbo, Marcello Meroi, il vicepresidente Paolo Equitani, gli assessori al Patrimonio, Andrea Danti, e all'Edilizia scolastica, Giuseppe Fraticelli, insieme ai capigruppo di maggioranza Gianluca Mantuano (Pdl), Francesco Bigiotti (Udc) e Marco Torromacco (Lista Meroi presidente).

"Ringrazio innanzitutto la commissione competente e gli uffici per il lavoro fatto su questo nuovo piano - afferma il presidente Meroi - realizzato soprattutto per superare una duplice difficolt. Da un lato, infatti, c' l'esigenza di far fronte a una difficilissima situazione economica, comune a tante pubbliche amministrazioni, legata al taglio dei fondi da parte della Regione e dei Ministeri; dall'altro, la nostra forte opposizione alla possibilit, una volta terminata l'esperienza della Provincia, che una qualunque societ pubblica possa avocare a s i beni di propriet dell'Amministrazione. Questa sarebbe infatti una vera sciagura, perch parliamo di un patrimonio dei cittadini della Tuscia il cui valore deve assolutamente restare sul territorio, e che noi non abbiamo alcuna intenzione di lasciarci scippare".

Le norme in materia di alienazione di beni di propriet pubblica prevedono che i proventi delle vendite vengano riutilizzati per investimenti.

"Lavoriamo a questo progetto da mesi - aggiunge il presidente, che ha illustrato nel dettaglio l'elenco dei ventisette beni in dismissione - in collaborazione con le amministrazioni locali e con le realt presenti sul territorio. E' chiaro che tuteleremo il diritto di prelazione di chi gi occupa questi immobili e che calcoleremo adeguatamente le migliorie fatte su queste strutture negli anni".

Gli esempi principali sono la cantina didattica di Bagnoregio, affidata al Comune, la casa cantoniera di Spinicci, dal 1986 in uso alla Comunit Mondo Nuovo di Tarquinia, e la caserma dei carabinieri di via della Pace a Viterbo.

"Non intendiamo provare il capoluogo di un presidio di sicurezza - chiarisce Meroi - ma siamo certi che con l'Arma troveremo una soluzioni che incontri le esigenze di tutte le istituzioni coinvolte".

"Appena si insediata questa Amministrazione - sottolinea l'assessore Danti - ci siamo messi subito al lavoro per cercare di fare un quadro generale sulla situazione patrimoniale dell'ente.

Una ricerca che ci ha portato a conoscenza di situazioni particolari, con la presenza di strutture inutilizzate, come l'ospedale psichiatrico, per le quali la Provincia pagava importanti cifre per la manutenzione senza poterle utilizzare.

Vogliamo assolutamente chiudere questa operazione il prima possibile, e proprio per cercare di accelerare i tempi abbiamo deciso di realizzare un progetto-obiettivo per i nostri uffici".

L'assessore Fraticelli ha poi evidenziato la stretta connessione che lega il piano delle alienazioni con il futuro del liceo scientifico "Paolo Ruffini" di Viterbo.

"Questa Amministrazione - ha spiegato - preso atto dell'impossibilit di poter rendere fattibile il progetto di realizzazione di una nuova sede, ha deciso di percorrere una strada alternativa capace comunque di rispondere adeguatamente alle esigenze della popolazione scolastica. Questa risposta passa attraverso l'ampliamento dell'immobile gi in nostro uso situato in via Cesare Pinzi.

I nostri uffici hanno gi avviato tutte le procedure tecniche per l'ottenimento delle necessarie autorizzazioni di carattere urbanistico. Grazie alle risorse che ricaveremo dal piano delle alienazioni, potremo concretizzare l'intervento e accorpare cos tutte le classi del 'Ruffini' in un'unica e prestigiosa sede".

L'assessore Equitani ha, inoltre, chiarito la situazione della ex colonia di Bolsena.

"Per sistemare quell'immobile ci vorrebbero dieci milioni di euro - afferma - ma a disposizione, tra finanziamenti della Regione e della Provincia, arriviamo ad un milione. Impiegarlo in una ristrutturazione parziale sarebbe come buttare via i soldi, perci abbiamo deciso di vendere la struttura e di impiegare il ricavato in altre opere importanti per Bolsena, come per esempio l'incubatoio ittico".

Incassato l'ok unanime della commissione consiliare che si occupata del piano, anche i capigruppo di maggioranza hanno espresso parere favorevole sul progetto.

"Stiamo dimostrando che la Provincia non un ente inutile - spiega Mantuano -, al di l dei decreti del Governo che aboliscono la rappresentanza democratica. Fare buona politica, amministrare bene in favore del territorio senza colore politico e con costi minimi oggi si pu, e il taglio agli emolumenti operato dalla legge 78 del 2010 lo dimostra. Qualcuno ci chiama alchimisti, io credo solo che si stia facendo squadra in maniera ottimale".

"Quella che presentiamo oggi un'operazione positiva non solo sul piano economico - aggiunge Bigiotti - visto che permette a molti edifici di tornare in vita a seguito di ristrutturazioni, e di essere nuovamente utilizzati dalla cittadinanza.

Esempio ne la cantina didattica di Bagnoregio, ci che per molti anni stato un ecomostro adesso, con il passaggio al Comune, potr di nuovo tornare a disposizione della societ".

Soddisfatto anche il capogruppo Torromacco. "Ringrazio il presidente Meroi, l'assessore Danti e gli uffici del settore Patrimonio per l'ottimo lavoro svolto- aggiunge -, auspicando che con altrettanta celerit si possano portare a compimento le alienazioni e avere cos risorse vive da reinvestire sul territorio per aiutare i cittadini di questa provincia ad affrontare i problemi legati alla crisi economica".

In conclusione, il presidente Meroi lancia un'idea sull'impiego di parte dei fondi derivati dalla vendita degli immobili.

"Ho molto apprezzato l'intervento del prefetto Scolamiero sulla nuova caserma dei Vigili del Fuoco sulla Cassia Nord - dichiara - per la quale i finanziamenti per ultimare il secondo lotto non sono arrivati n probabilmente arriveranno.

Si tratta di una struttura che non di propriet della Provincia, ma che la Provincia potrebbe contribuire a terminare, evitando cos un secondo ospedale psichiatrico.

Credo sia una possibilit da valutare - conclude - anche perch in questo modo potremmo recuperare la caserma 'Garofalo' e dar via cos, insieme al Comune e all'Universit della Tuscia, alla realizzazione della cittadella della cultura, naturale completamento del complesso di Santa Maria in Gradi".





(luned 16 aprile 2012)

http://www.provincia.vt.it/NewsDett.asp?ID=5961


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news