LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ferramonti: basta con gli scempi
05-06-2012
Anna Longo

Lo sconcerto, l’indignazione e le rimostranze con cui hanno reagito alcuni studiosi italiani in relazione all’entrata in funzione del “museo virtuale” di Ferramonti (che, da qualche settimana, è visitabile on-line), mi spingono a rendere testimonianza di un’esperienza diretta su tale argomento, che ho vissuto poco più di un anno fa, e che, anche a me, aveva provocato sconcerto ed altri sentimenti analoghi a quelli di cui sopra.

E’ davvero uno strano destino quello del sito geografico di Ferramonti, il grande campo per ebrei che operò in Calabria durante il fascismo, dissepolto dall’oblio dallo storico Carlo Spartaco Capogreco, che ne ha ricostruito le vicende nel saggio intitolato, appunto, Ferramonti, pubblicato da La Giuntina di Firenze nel 1987. Nel corso degli anni Novanta, Ferramonti è divenuto poi popolare anche grazie ad una fiction co-prodotta dalla Rai (18.000 giorni fa) e, non da ultimo, al “buon uso” della memoria perseguito dalla Fondazione Ferramonti promossa dallo stesso Capogreco (nata nel 1988) in collaborazione col Comune di Tarsia. Un’istituzione che, nel 1999, riuscì ad ottenere un risultato estremamente significativo per il luogo: l’emanazione, da parte del Ministero per i Beni Culturali, di un decreto di vincolo che dichiara l’area di Ferramonti “luogo di interesse storico-culturale” .

Ma da alcuni anni, nonostante queste buone premesse, Ferramonti è tutt’altro che un “luogo della memoria”. Sembra, piuttosto, che vi si perseguano scientemente oblio e smemoratezza, per usare i concetti che ha espresso in un suo intenso scritto la storica Maria Bacchi, dopo avere visitato il sito.
Questa singolare metamorfosi è apparsa con forza ai miei occhi quando, poco più di un anno fa, ho deciso di visitare quel posto, che è gestito da una cosiddetta “Fondazione Museo della memoria Ferramonti di Tarsia”, entità che – e questo mi appare di eccezionale gravità – miseramente scimmiotta il nome della Fondazione creata da prof. Capogreco.
Nel gennaio 2011, in occasione della Giornata della Memoria, ero stata invitata dall’Associazione fra ex Consiglieri regionali della Calabria a presentare il volume Ferramonti dal Sud Europa per non dimenticare un campo del duce (Editore Laruffa), che racchiude le conclusioni di un Progetto europeo, voluto dalla stessa Associazione, sulla storia e la riscoperta della vicenda e del luogo di Ferramonti (il volume si può ricevere compilando uno specifico coupon all'indirizzo: http://www.progettoferramonti.it/documenti-progetto-ferramonti/108-pubblicazione). Per approfondire la mia preparazione al riguardo ho ritenuto opportuno recarmi di persona in visita a quel che resta del campo, e lì ho constatato con sconcerto lo scempio culturale che vi si consuma. Il cosiddetto Museo Internazionale della Memoria ha infatti proceduto a quelle che sono state definite eufemisticamente “ristrutturazioni” delle baracche. In realtà, come del resto si evidenzia proprio dalle foto pubblicate nella pagina Facebook di MuViF, gli edifici, che nella loro precarietà restavano l’ultimo struggente documento fisico degli anni dell’internamento, sono stati completamente rifatti. Coloro che a parole si impegnano a “conservare concretamente l’identità e la memoria storica” l’hanno invece disprezzata e cancellata. Le attuali costruzioni, dove sono collocati alcuni materiali e fotografie, e dove si può assistere a un video (in verità ben poco professionale e dai contenuti discutibili) sono ormai assimilabili ad anonimi e algidi bungalow in stile agriturismo.

E’ per questo che, in realtà, non mi sorprendono ora più di tanto i post inoltrati sul profilo Facebook del Mu.Vi.F. da Anna Pizzuti e Mario Rende (due importanti studiosi di Ferramonti). Rende e Pizzuti denunciano, tra le altre cose, dei fatti che appaiono gravissimi (sia sotto il profilo penale che su quello culturale): la falsificazione di alcune fotografie esposte e le ruberie del lavoro altrui.
Non mi sorprendono perché, evidentemente, il cosiddetto “museo virtuale” (con tutti i suoi guasti) non poteva non essere che una riproposizione di quello “reale”. Aggiungo solo una considerazione ai commenti finora presenti sul Profilo Facebook del MuViF. E’, secondo me, quantomeno singolare il fatto che la gestione di questo sito non si assuma alcuna responsabilità rispetto ai contenuti, attribuendola completamente al cosiddetto “comitato scientifico” che, dal canto suo, non risponde affatto agli utenti. In particolare, noto che dopo la replica dell’8 maggio scorso di Francesca Alonzo (responsabile tecnico) al prof. Mario Rende, in cui appunto si annunciava che le sacrosante richieste del professore sarebbero state “girate” ai veri responsabili dei contenuti, nessuna presa di posizione “ufficiale” sia giunta a distanza ormai di settimane....
Non mi sorprendo, dicevo, di tutto ciò, per le ragioni che ho spiegato.
Non mi sorprendo, ma tuttavia mi chiedo sinceramente, da persona che lavora nel mondo della cultura e della comunicazione con una particolare attenzione al valore del nostro patrimonio storico e monumentale, perché il Comune di Tarsia non ponga fine a questo scempio culturale e di immagine che lo riguarda così da vicino.

Anna Longo
Vicecaporedattore Cultura
Giornale Radio Rai

21 maggio 2012



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news