LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera di Anna Longo a Panebianco su Ferramonti
04-06-2012
Anna Longo



Gentile Presidente,


le scrivo a seguito della lettera che lei ha pubblicato sulla pagina Facebook del Muvif, intitolata Risposta di Francesco Panebianco ad Anna Longo.
La ringrazio dellattenzione rivolta alle mie segnalazioni, che lei ha tutto il diritto di contestare, a condizione ovviamente di fornire delle buone ragioni. Non ne rintraccio, in realt, nelle sue parole, dal momento che, pur non essendo io uno storico, sono sufficientemente informata e documentata per ragioni professionali e di impegno culturale sullargomento dellinternamento civile fascista, su quelli della riscoperta dei siti geografici dei campi del duce, nonch delle politiche della memoria nellItalia del dopoguerra.
Del resto, per quanto riguarda Ferramonti, dato ormai acquisito e noto a chiunque si sia avvicinato con un po di attenzione alla Storia contemporanea che il libro di Carlo Spartaco Capogreco Ferramonti. La vita e gli uomini del pi grande campo di internamento fascista, pubblicato a Firenze nel 1987, ha il merito di aver ricostruito, per la prima volta, la storia del campo di Ferramonti. Certo, tanti altri autori si erano occupati, gi prima di allora, di Ferramonti (nel 1952, ad esempio, era apparso sullargomento un racconto romanzato; negli anni Sessanta-Settanta Israel Kalk aveva raccolto molti materiali e pubblic qualcosa; nel 1984 lo stesso Capogreco aveva gi pubblicato sullargomento e aveva realizzato una mostra foto-documentaria; lanno dopo Francesco Folino raccolse in un volume le presenze degli internati fino allagosto 1043), ma, appunto, la prima ricostruzione storica si deve proprio a Capogreco. Dato peraltro attestato anche dalle giurie del Premio Sila e del Premio Acqui Storia.
Sulla questione dellabbattimento delle baracche originali, non ho messo in discussione la regolarit dei passaggi procedurali. Rimane il fatto che le decisioni prese non rispondono allesigenza di salvaguardare la memoria di fatti drammatici e dolorosi come quelli che si sono consumati nel pi grande campo di internamento per ebrei in Italia. La ringrazio dellinvito a presentare dei miei suggerimenti circa leventuale futuro recupero di unaltra baracca (direi comunque recupero, a partire dalla messa in sicurezza dellesistente, piuttosto che ristrutturazione). A questo proposito, non avendo le competenze specialistiche per lavorarci, mi limiterei a richiamare quelle che sono le regole di base che la prestigiosa tradizione italiana nel campo della tutela del patrimonio storico, apprezzata in tutto il mondo, ha sempre seguito: il rispetto filologico del passato. Rispetto che purtroppo, come ho gi scritto e molti altri hanno constatato e testimoniato, non ho visto al Museo e sullarea storica di Ferramonti. Del caso, fra laltro, si occupata in un duro documento la prestigiosa associazione Italia Nostra.
Circa quanto lei afferma a proposito dei volontari attivi a Ferramonti, ho in effetti constatato in occasione della mia visita nel gennaio del 2011 una forte motivazione da parte di alcuni tra gli operatori presenti. Nei loro occhi traspariva la passione civile, ma anche limbarazzo per quello che negli ultimi anni stato fatto, per le lacune informative dei video proposti (che, tra le altre cose, ignorano completamente con forte danno allimmagine e alla storia di Tarsia proprio lappassionato, pionieristico periodo della riscoperta del sito precedente allanno 2000), nonch una malcelata mestizia per la perdita dellautenticit di un luogo a cui questi volontari appaiono sinceramente affezionati.
Voglio qui esprimerle il mio dispiacere per il curioso interrogativo che lei pone chiedendosi se io lavori per qualcuno o abbia interessi di non so che tipo. Raccolgo le sue affermazioni (che cerco di non vedere come altamente diffamatorie nei miei confronti, immaginandole magari frutto di uno sfogo emotivo momentaneo) come reali domande rivolte a me, e le rispondo: certo che no! Che interessi potrei avere, dalla mia posizione, in un ambito cos lontano e diverso dalla mia professione? Al contrario, proprio il modo di intendere con seriet la mia professione di giornalista ad avermi spinto a dare la mia testimonianza, a seguito delle denunce di figure di primo piano della cultura e della ricerca storica sullinternamento. Questo per quanto riguarda me. Per quanto riguarda in generale le illazioni prodotte senza ragioni verosimili, aggiungo la nota considerazione che chi non capace di essere disinteressato non concepisce la possibilit che altri invece lo siano.
Rilevo, infine, una singolare, non gradevole, coincidenza: la lettera che lei ha scritto oggi 4 giugno 2012 in risposta allintervento di Giovanna Grenga Kuch sul Quotidiano della Calabria, in gran parte uguale a quella che lei aveva scritto a me. Cito solo alcuni dei tanti brani letteralmente ricopiati (solo con la sostituzione del nome), stigmatizzando il fatto che la Signora Grenga Kuch si trovi accomunata a me nellinfamante e gratuita accusa di lavorare per qualcuno, nonch in quella di essere virulenta:
Visto il contenuto altamente diffamatorio e lesivo dellimmagine della Fondazione che mi onoro di presiedere, non posso esimermi dal fornire ai lettori dei chiarimenti sulle inesattezze (se Anna Longo non fosse una signora, oserei dire sciocchezze) riportate ()
La virulenza con cui attacca lorganismo della predetta Fondazione lascia individuare possibili interessi personali che distruggono la logica della verit. Qui ogni operatore profonde tutte le energie al di fuori delle concorrenze culturali che in un mondo intelligente non devono esistere. Da noi la memoria di Ferramonti non un bene personale del Presidente della Fondazione, eppure potrebbe esserlo per la popolazione di Tarsia, ma chi ha intelligenza culturale si confronta.
Deducendo che lei evidentemente usa un modello epistolare preconfezionato per affrontare i giudizi altrui, mi permetto di consigliarle di risolvere almeno, nel testo predisposto, le precariet di ordine sintattico.
Ho ritenuto opportuno, visto che la gestione del sito di Ferramonti le assegnata tramite una convenzione dal Comune di Tarsia, di inviare per conoscenza questa mia lettera al Sindaco e allAssessore alla Cultura di quel Comune, e mi riservo di divulgarla successivamente agli organi di stampa. Le chiedo di pubblicarla sulla pagina Facebook del MuViF, per ragioni di trasparenza e correttezza, avendomi chiamata in causa in quel contesto. E inoltre le chiedo di rispondermi non privatamente come ho letto si intende stranamente fare nei confronti di altri interlocutori intervenuti su internet ma sempre sulla vostra pagina fb.

Distinti saluti
Anna Longo
Vicecaporedattore Cultura
Giornale Radio Rai

Roma, 4 giugno 2012



news

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

08-12-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 08 DICEMBRE 2017

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

Archivio news