LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La rigenerazione urbana e territoriale
13-08-2013
Carlo Testana

I concetti innovativi della programmazione territoriale tesa alla riqualificazione
delle citt e degli ambienti urbani e territoriali, che lEuropa ha messo in atto in
questi ultimi anni, accompagnati da cospicui finanziamenti, sono le nuove
occasioni da cogliere a livello Regionale per affrontare i drammatici problemi
delle citt e dei paesaggi.
La Regione Puglia, tra le prime, ha intercettato questi temi recependo a livello
legislativo le parole chiave dell innovazione: Sostenibilit Integrazione ‐
Partecipazione.
Infatti la LR n.21/2008, e le successive LLRR 14/2009 e 21/2011, hanno tradotto
in norme questi aspetti innovativi della pianificazione orientata non pi al
consumo dei suoli ed allespansione urbanistica ed edilizia, ma alla
riqualificazione dellesistente ed alla tutela delle risorse storiche, culturali e
ambientali.
La certezza che la gestione dei servizi necessari a rendere efficiente una citt
diventa impossibile con i vecchi modelli legati allespansione infinita di quartieri
e strutture sta convincendo molti amministratori, Enti e cittadini che quella
strada profondamente sbagliata. I costi di manutenzione di infrastrutture e
servizi non sono pi sostenibili dalle comunit, e i cittadini ne patiscono
quotidianamente gli enormi disagi. Strade rotte, giardini lasciati allincuria,
marciapiedi fatiscenti o inesistenti, mobilit lenta ed inquinamento acustico e
visivo, rifiuti ingestibili, trasporti incivili, agricoltura trascurata, aree doc invase
da capannoni, discariche abusive.
Viceversa la rigenerazione riporta quegli equilibri allinterno del sistema cittterritorio
necessari al suo funzionamento in termini di qualit urbana e sociale.
Queste le argomentazioni che la prof.ssa Angela Barbanente, vicepresidente e
assessore alle politiche della qualit del territorio dei beni culturali, urbanistica e
politiche abitative della Regione Puglia sta illustrando in convegni, Master,
conferenze in tutta Italia. Il l giugno era a Roma presso la facolt di Ingegneria
Sapienza di Roma, ed ha presentato la politica Urbanistica Regionale della
Puglia che sta percorrendo le nuove strade dellinnovazione con risultati
sorprendenti e con laccesso ai finanziamenti Europei del programma FESR
(Fondo Europeo Sviluppo Regionale) 2007‐2013.
Gli obiettivi si riferiscono ai programmi di riqualificazione di citt e sistemi
urbani attraverso la valorizzazione delle risorse storico‐culturali e ambientali;
Rigenerazione Urbana con specifici Piani Integrati e Rigenerazione Territoriale
con azioni che vanno dalla scala di quartiere a quella degli insediamenti urbani e
al territorio pi ampio. I comuni della Puglia che hanno aderito a tali innovazioni
sono quasi il 50 per cento. Molti gli esempi concreti presentati, nelle citt di
Alliste, Terlizi, Gravina, Mesagne, Fasano e altri, tutti incentrati sulla sostenibilit
e linteresse pubblico e sulla qualit della vita. Recuperi di piazze, aree dismesse,
porticcioli, margini storici e quartieri di edilizia pubblica attraverso Piani
specifici condivisi.
Questa politica sta indicando una direzione precisa e sar lunica possibile a
garantire un futuro sostenibile.
Ascoltando queste interessanti argomentazioni la mente torna indietro di quasi
30 anni quando ai Castelli Romani un illuminato quanto isolato Sindaco
(Canterani Sindaco di Nemi fino al 1999) con la sua giunta, intraprese la difficile
strada della sostenibilit ambientale. Allora il termine non esisteva nel
vocabolario urbanistico e le citt a partire dagli anni settanta approvavano
strumenti urbanistici che le avrebbero portate al collasso ed allingovernabilit.
Il termine valorizzazione ad esempio, indicava la trasformazione di un bosco o
di unarea agricola in capannoni e villette.
Vairo Canterani, sociologo e sindaco, con formidabile intuito, aveva compreso,
con largo anticipo, che la strada dellespansione urbana e del consumo delle
risorse ambientali un suicidio per le comunit e che queste in pochi anni
avrebbero perso risorse naturali e culturali inimmaginabili e non riproducibili.
Aveva messo linteresse pubblico al posto di quello privato sparecchiando, con
ladozione del Piano Regolatore (1992‐1995), i banchetti costituiti per soddisfare
gli appetiti di molte societ edilizie richiamate agli affari dalla straordinaria
bellezza del Bacino del lago di Nemi. Bellezza che verr fornita dal Pubblico ai
costruttori per incrementare i loro guadagni in cambio di niente, anzi in cambio
di costose e ingovernabili infrastrutture e servizi lontani dalla citt sosteneva
Canterani.
Una plusvalenza non tassata, senza alcuna ricaduta positiva per la citt.
Questo Piano Regolatore, che unimpreparata Regione Lazio non ha mai
sostenuto n approvato, programmava il territorio secondo i criteri
dellattenzione al costruito storico, ai beni culturali, ambientali e paesaggistici,
alle visuali panoramiche, allagricoltura di qualit, al recupero dei fossi, al
mantenimento della memoria della cultura materiale e contadina e molto altro
ancora sul fronte della tutela e della valorizzazione. Sostenibilit sociale e
risparmio delle risorse pubbliche, risorse da tramandare intatte alle generazioni
future, queste erano le Linee Guida del Piano.
La vicenda giudiziaria iniziata con i ricorsi della societ edilizia ILCESA ha visto
soccombere il Comune: di questi giorni il riconoscimento di un danno di 300
mila euro a favore del privato che il comune di Nemi dovrebbe risarcire. Nessuno
ha calcolato invece il beneficio pubblico che quelle politiche di Sostenibilit,
pionieristicamente intraprese da Canterani, hanno avuto su Nemi.
Amministratori impreparati e miopi, legislazioni retrograde, avvocati che non
hanno saputo difendere questo interesse pubblico hanno creato le condizioni per
lo svolgersi di questa triste vicenda. Canterani, si apprende dalle cronache di
questi giorni stato pesantemente attaccato in Consiglio Comunale e criticato
anche da forze politiche che si dichiarano ecologiste.
Ma intanto, e con grande vigore, (si vedano appunto le esperienze delle Regioni
Puglia, Toscana, Emilia,) la strada intrapresa in solitudine da Canterani, (Nemi fu
lunico Comune dItalia 20 anni fa ad erigersi paladino dei beni comuni in
maniera cos forte), sta diventando lunica possibile. La Regione Lazio guardi con
attenzione le scelte della Regione Puglia, per non rimanere indietro perch le
risorse per governare il futuro con i vecchi Piani, gli Accordi di Programma, e con
la concertazione che premia solo i privati non piace allEuropa, non piace alle
comunit e non piacer ai posteri.
Carlo Testana,
PhD in Ingegneria Edile‐Architettura, Italia Nostra‐ Castelli Romani



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news