LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stanno distruggendo il paesaggio intorno ad Urbino.
10-10-2013
Piero Demitri

Stanno distruggendo il paesaggio intorno ad Urbino.
Invece di sostituire i tetti dei capannoni delle fabbriche (in amianto) stanno letteralmente coprendo di pannelli fotovoltaici le pi belle colline dItalia senza che nessuno faccia nulla. Non capisco come mai non vi siano delle leggi che impediscano, come avviene negli altri paesi (civili), questi scempi inauditi intorno ad una citt considerataCitt dellUnesco Patrimonio dellUmanit. A pochi metri dalle mura di Urbino sono sorte, stanno sorgendo e sorgeranno sempre di pi, se non li ferma qualcuno, le costruzioni pi mostruose e inutili possibili, mentre stanno ormai chiudendo tutti i negozi del centro.. Non capisco come mai non vi siano delle leggi che impediscano, come avviene negli altri paesi (civili), questi scempi inauditi intorno ad una citt considerataCitt dellUnesco Patrimonio dellUmanit. Posso capire molti cittadini che ormai non si rendono pi conto di trovarsi in una delle pi belle citt del mondo e posso anche capire i politici e gli amministratori che fanno i loro interessi o che sono effettivamente ignoranti a tal punto da non rendersene conto, ma non posso veramente credere che tutte le personalit della cultura di grandissimo livello che quotidianamente frequentano Urbino non si accorgano di ci che avviene e che anche le pi di ottanta associazioni culturali, la sovraintendenza, le associazioni ambientaliste, luniversit e tutte le altre istituzioni scolastiche e culturali siano silenti nellassistere a tale distruzione. Di solito le costruzioni nuove vengono previste ad almeno qualche chilometro dalle citt di tale importanza e comunque realizzate rispettando criteri strutturali ed estetici in rispetto delle tradizioni e delle tipologie preesistenti.
Credo che questo sia il risultato di una mancanza di cultura estetica e di educazione alla valorizzazione e conservazione del bello. In un paese che detiene il pi grande patrimonio d Arte del mondo, leducazione al bello e allarte dovrebbero essere insegnamenti fondamentali, mentre, sappiamo purtroppo che tutto il contrario e per questo ora siamo il terzultimo paese in Europa nellutilizzo di tali risorse.
Le vie di comunicazione, che, se ottimali favorirebbero il raggiungimento della citt da parte dei probabili turisti e un pi pratico spostamento dei residenti e studenti, sono ancora quelle della fine dellottocento, basta leggere le cronache del tempo che ritenevano Urbino isolata gi allora per tali motivi.
La ferrovia Fano- Urbino, che, con pochi lavori (gi iniziati in passato), avrebbe permesso di congiungersi al tratto Ancona- Roma e con un ulteriore sforzo alla costruzione del tratto Fabriano-Rimini stato, per lincapacit dei politici, lunico tratto in Italia ad essere soppresso dopo che ne erano state ristrutturate tutte le stazioni.
Penso che la gente non si renda conto che questa citt, nel giro di pochi anni, ha perso lIdentit di citt dArte e centro di grande creativit in campo artigianale, scientifico e culturale in genere per diventare feudo di pochi che hanno devastato i suoi stupendi palazzi, smembrandoli, per ricavarne improbabili uffici e stanzette oscene da affittare agli studenti.
Girando per i pi grandi musei di tutto il mondo non difficile scoprire oggetti (ceramiche, quadri, orologi a pendola, oggetti scientifici) frutto dellingegno e della creativit degli urbinati del passato. Molti urbinati (i migliori) oggi ricoprono ruoli importantissimi in vari settori in giro per il mondo e ci si accorge di loro solo quando muoiono, famosi, lontano da Urbino.
A cosa sono serviti tutti i vari piani, piano del colore, piani urbanistici, piano per lartigianato, per il commercio, piano di riqualificazione e questultimo piano strategico se poi i risultati sono quelli cui assistiamo oggi: una citt con le facciate dei palazzi in multicolor, senza pi negozi, artigiani, abitanti e turisti.
La mia paura che se hanno avuto il coraggio di costruire impunemente questi ECOMOSTRI a dieci metri dalle mura storiche, chiss che cosa saranno in grado di fare dora in poi. Spero che personalit molto pi importanti e influenti di me si impegnino a bloccarli, io far tutto quanto nelle mie possibilit per fermare tali mostruosit anche quando non abiter pi nel centro di questa meravigliosa citt.
Spero che sempre pi persone, soprattutto giovani, facciano con coraggio sentire il proprio disappunto e si uniscano in proteste che favoriscano dei cambiamenti, nella consapevolezza che, altrimenti, questa citt sia destinata inevitabilmente a morire.

Prof. Piero Demitri
Docente dellAccademia di Belle Arti di Urbino

Galleria di immagini alla Pagina Fan di Patrimoniosos su Facebook, al link qui sotto:

https://www.facebook.com/pages/Fan-di-Patrimoniosos/152094431494466


news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news