LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CONTRODEDUZIONI DI PRIMO VENEROSO RELATIVE ALLE CONTESTAZIONI DI ALESSANDRA CONTI AVVERSO L’ARTICOLO DI AMELIA CRISANTINO PUBBLICATO IL GIORNO 8 LUGLIO 2009 SU “ la REPUBBLICA ” – ( Ed. SICILIA )
15-02-2014
Primo Veneroso

Con l’intenzione di precisare documentalmente, evitando antipatiche polemiche, lo stato delle conoscenze relative “alla scoperta della antica Erbesso”, a mio modo di vedere infondatamente prospettato e contestato da ALESSANDRA CONTI ( su “SICULIANA INFO “ 1 nov. 2010 ed in “PATRIMONIO S.O.S. “), in sintesi puntualizzo :

1)- E’ ormai accertato che sono esistite, nella Sicilia greca, due Erbesso: quella orientale, “maggiore”, nell’ambito Siracusano, che battè moneta ed ha avuto maggiore notorietà, e quella occidentale ,”minore”, che pur ha avuto qualche ruolo nel corso della prima guerra punica ed è stata menzionata da Diodoro e da Polibio, il quale ha fornito elementi utili a localizzarne il sito alla foce del fiume Canne ( I, 18).
(Alcuni Studiosi differenziano foneticamente le due “E” iniziali, “con” e “senza” aspirazione: Herbesso – Erbesso).

2)- Il sito della Erbesso orientale è stato identificato nel grande insediamento individuato, alla fine del secolo scorso, sulla Montagna di Marzo (fra Gela ed Enna).
Della Erbesso occidentale, è stato individuato - da secoli - l’emporio (ancora oggi “lu scaru” , cioè “lo scalo “ ) alla foce del fiume Canne (fra Montallegro e Siculiana) , localizzabile anche per la presenza di innumerevoli fosse granarie e normalmente riportato nella cartografia.
Sino al 2009 era rimasto invece sconosciuto il sito della città vera e propria ( che pur si sarebbe dovuto supporre non lontano dal suo scalo ).

3)- Primo Veneroso ed Antonina Armato Barone, ritenendo di avere localizzato, sul pianoro di “Serralonga” ( un altipiano alcune centinaia di metri a monte del noto scalo ) il sito dell’insediamento urbano di Erbesso, pubblicavano la scoperta, il 12 giugno 2009 , sul n.23 del settimanale messinese “CENTONOVE” e sul suo supplemento “ IN FOLIO “ ( più avanti riprodotto ).

4)- La notizia della scoperta venne quindi riportata sulla edizione siciliana del quotidiano “la Repubblica” del giorno 8 luglio 2009, in un elegante articolo di Amelia Crisantino.

5) Alessandra Conti ha ritenuto di poter contestare la scoperta, asserendo che Paolo Fiorentino aveva già pubblicato la notizia ed otteneva una “rettifica” su “SICULIANA INFO” del 1° novembre 2010 e sul quotidiano “ la Repubblica del 30 ottobre 2010 ”.

6)- Paolo Fiorentino, nella sua accurata monografia “SICULIANA RACCONTA” (Siracusa 1995, cui fa riferimento Alessandra Conti ) riporta, con diligenza e per grandi linee, notizie relative a Siculiana ed al suo territorio; egli si occupa di Erbesso alle pagine 27-30, riferendo correttamente quanto già noto sullo scalo omonimo, nel sito alla foce del fiume Canne, ben compatibile con le indicazioni forniteci da Polibio.
Lo stesso Paolo Fiorentino nulla “racconta” di nuovo relativamente al sito della città, sino ad allora sconosciuto.
Egli accenna all’altopiano di Serralonga - dove adesso si individua l’ abitato di Erbesso -solo alla pagina 103 della sua opera, a proposito del tunnel che dalla vicina “Casa “Principesca di Serra Lunga portava verso il fiume Canne. Fu quest’ultima, alcuni secoli or “sono, dimora del Principe di Fitalia…ma è possibile che, ancor prima fosse sede di un “antico monastero” (del quale permangono le rovine, n.d.r.). Nessun accenno all’antico abitato di Erbesso che , secondo la nuova tesi da noi formulata nel 2009, insiste proprio sul detto altopiano di Serralonga.

L’altipiano di “Serralonga” è invero il luogo nel quale è stato di recente individuato da chi scrive, insieme ad Antonina Armato Barone, il sito della Città di Erbesso descritta da Polibio, sul pianoro ancora limitato dai ruderi delle torri di guardia, da cui si vedono Agrigento ed Eraclea , si controlla, a sud, il tratto di mare compreso fra le due città e si domina l’ intera zona dello scalo sottostante.

7)- Affinchè chiunque possa trarre in modo diretto le proprie conclusioni sull’ argomento,
si ritiene opportuno riportare integralmente :
a)- le pagine 27 - 28 -29 e 30, nonché la pagina 103 del testo di Paolo FIORENTINO:
b)- la pubblicazione “In Folio” del 12 giugno 2009, in cui Primo Veneroso ed Antonina Armato Barone hanno pubblicato la scoperta del sito.
Sarebbe opportuno che Paolo Fiorentino ( che sarei felice di conoscere e di incontrare per discutere con lui e visitare insieme i luoghi ) esprimesse il suo punto di vista sulla questione. Auspico che l’articolo di Amelia Crisantino venga ufficialmente riaccreditato.
(Per correttezza va precisato che la scoperta del sito di Erbesso, effettuata a conclusione di studi, verifiche, indagini, rilievi satellitari ed ispezioni dirette, svolte da due studiosi non accademici - Veneroso ed Armato Barone - non è stata ancora ufficialmente confermata).




Primo Veneroso



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news