LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salviamo il Conventino: non c’è più tempo!
20-04-2014
Giovanni Ferrario

Sono passati ormai diversi anni da quando si è ventilata l’ipotesi di recupero del cosiddetto “Conventino” di via Matteotti a Busto Arsizio. Era il 2009 ma fino ad oggi (e siamo nel 2014!!!) niente si è ancora mosso, con l’eccezione di una parziale e non più sufficiente messa in sicurezza di parte della facciata. Anche l’esito del concorso pubblico del 2011 non ha ancora dato frutti.

Cos’è il “Conventino”
Uno dei gioielli architettonici della città, uno degli edifici più antichi e rappresentativi dell'architettura storica civile di Busto Arsizio che si è mantenuto intatto dal XVII secolo, si trova in condizioni sempre più precarie ed è lasciato alla completa autodistruzione.
L’edificio (in realtà non un edificio di natura religiosa, come farebbe supporre il nome con cui è generalmente conosciuto, ma abitazione civile signorile delle famiglie Canavesi – Bossi), ha un’origine addirittura cinquecentesca riscontrabile nelle cantine voltate, (analoghe a quelle di Palazzo Cicogna) ed in elementi costruttivi caratteristici (la ghiacciaia, colonne, …).
Di una fase successiva (settecentesca) che oggi caratterizza complessivamente l'edificio, sono l'elegante corte colonnata, i soffitti a cassettoni, gli oculi della facciata ed il portale d'ingresso.

Come intervenire
L’Amministrazione Comunale, proprietaria esclusiva dell’immobile, dovrebbe avere il dovere di salvaguardare un bene comune patrimonio della città e farsi promotore al più presto del restauro e del recupero funzionale dell’edificio.
A tal proposito, vista l’attuale congiuntura economica, sarebbe auspicabile anche l’intervento di privati che concorrerebbero così alla salvaguardia di un bene architettonico importante; non solo semplici “benefattori” ma anche operatori economici che potrebbero convenzionare l’utilizzo degli spazi recuperati con il Comune stesso.
Ma si badi bene: solo un intervento di restauro – che conservi dunque l’originalità del manufatto, dei materiali e degli spazi (peraltro già richiesto da parte di insigni professionisti, studiosi, architetti che mi farebbe piacere potessero intervenire nel dibattito che spero questo testo farà sviluppare, oltre alla raccolta firme di migliaia di cittadini) ed una attenta rifunzionalizzazione compatibile con il manufatto permetterebbe di salvaguardare e conservare un pezzo della nostra storia.
Troppo spesso infatti, in contrasto con qualsiasi ipotesi di serio recupero dell’edificato storico, si continuano ad attuare interventi di completa ricostruzione che cancellano integralmente edifici di valore storico/ambientale, creando solo delle copie senza più alcun significato (caso emblematico: le medievali case di via Solferino, ignobilmente demolite e in fase di ricostruzione oggi, nel 2014 (!!!) in cemento armato ad imitazione delle originali!!!).
Altre figure, più recentemente, si sono invece espresse per la demolizione del “Conventino”: presa di posizione grave a maggior ragione in quanto viene da parte di esponenti della stessa Amministrazione comunale che dovrebbero salvarlo: cancellare il “Conventino” (oltretutto immobile vincolato) vorrebbe dire privare le generazioni future di parte del patrimonio culturale, storico ed architettonico di tutti noi!!!

Il progressivo stato di degrado
La sola messa in sicurezza (parziale) effettuata da parte del Comune oggi non è più sufficiente: i parziali crolli della copertura stanno provocando infiltrazioni delle acque meteoriche negli ambienti interni, con conseguente infradiciamento delle murature e dei solai in legno, compromettendoli e procurando un continuo peggioramento dello stato di degrado del complesso.
Un altro anno e dunque un altro inverno, altre piogge, altre inclemenze del tempo, senza un intervento urgente e non più differibile potrebbero provocare danni irreparabili al “Conventino”!

Busto Arsizio, 17.03.2014

Dott. Arch. Giovanni Ferrario




news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news