LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riorganizzazione territoriale del sistema di tutela italiano
14-07-2014
Marisa Dalai Emiliani

All’On. Ministro
dei Beni e Attività culturali
Dario Franceschini

e p.c.
al Segretario Generale
Arch. Antonia Pasqua Recchia

al Presidente del Consiglio Superiore
per i Beni culturali e paesaggistici
Prof. Giuliano Volpe

OGGETTO: Riorganizzazione territoriale del sistema di tutela italiano

Onorevole Ministro,

nell’avvicinarsi della scadenza ormai ineludibile per la presentazione del piano di riorganizzazione territoriale della tutela, come imposto dalla cosiddetta spending review, apprezzando il metodo democratico di consultazione da Lei adottato in particolare nei confronti di chi opera sul campo per un’azione efficace di salvaguardia, cioè i suoi funzionari tecnico-scientifici, sento il dovere di far sentire anche la mia voce accanto a quella di quanti già si sono rivolti a lei con validi argomenti per scongiurare il rischio di un accorpamento di tutte le Soprintendenze ai beni storico-artistici ed etnoantropologici con quelle dei beni architettonici e paesaggistici. Mi riferisco all’appello rivoltole dagli storici dell’arte universitari italiani coordinati dalla CUNSTA, inviatole il 25 giugno scorso dalla presidente prof. Rosanna Cioffi e, prima ancora, all’appello dei dirigenti storici dell’arte del MIBACT, datato 31 maggio 2014.
L’intera comunità scientifica degli storici dell’arte italiani, come vede, è in attesa delle sue decisioni, con la speranza che non contraddicano il suo importante recente accordo con la Min. Giannini per una più incisiva presenza dell’insegnamento storico-artistico nelle strategie condivise da MIUR e MIBACT al fine di una più diffusa educazione di tutti i cittadini alla conoscenza e al rispetto del Patrimonio, bene comune.

La mia prise de parole origina dai due mandati consecutivi di presidente del Comitato tecnico scientifico per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico del MIBACT, tra il 2006 e il 2012: da un’esperienza cioè di conoscenza molto ravvicinata dei problemi vecchi e nuovi dell’amministrazione della tutela, con la quale so di aver sviluppato un rapporto dialettico, costruttivo e sinergico, ma anche di faticosa supplenza, insieme al mio Comitato, per la scomparsa dal 2007 della Direzione Generale Centrale di riferimento, con la creazione di quella per la Valorizzazione e con il conseguente accorpamento di competenze e uffici nella Direzione Generale Centrale per l’Architettura e il Paesaggio.

Da allora, a dirigere quest’ultima è sempre stato chiamato un architetto, e da ultimo una figura amministrativa, sia pur valida, mentre contemporaneamente la presidenza del Consiglio Superiore veniva affidata a personalità di spicco delle discipline archeologiche come Salvatore Settis, Andrea Carandini e da ultimo Giuliano Volpe. L’eclisse in questi anni di politiche peculiari per il patrimonio artistico – sia diffuso che conservato in musei e gallerie - è stata la conseguenza inevitabile di tutto questo.
Mi permetto di allegare due documenti che testimoniano la battaglia condotta nel 2007 avverso quelle decisioni dal Comitato tecnico scientifico per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e all’interno del Consiglio Superiore. E insieme mi permetto di osservare che la presunta apparente razionalizzazione legata a un sistema di soprintendenze territoriali miste per i beni architettonici e storico artistici, afferenti alla Direzione Generale Centrale da tempo unificata - quale sembra si prospetti -, dovrebbe essere ribaltata nell’esatto contrario, ripristinando cioè la Direzione Generale Centrale per il Patrimonio artistico ed etnoantropologico, con gli stessi preziosi compiti di indirizzo scientifico e coordinamento a scala nazionale che svolgono efficacemente le altre Direzioni Generali Centrali di settore (ultima confermata, quella alle Antichità). Peraltro funzioni di coordinamento e unificazione metodologica dell’azione di tutela vengono già ora svolte dalle Direzioni regionali, costituite proprio per essere centri di raccordo dell’attività svolta dalle Soprintendenze di settore sul territorio.

Non mi si fraintenda, la mia non è e non vuole essere una presa di posizione corporativa, né tanto meno da laudator temporis acti. La prospettiva di un cambiamento profondo della filosofia stessa della tutela, non più settoriale e disciplinare, ma globale, mi sembra una via da provare a percorrere, sia a livello centrale che regionale. Ma non in una logica di meri tagli alla spesa, al contrario come obiettivo culturalmente e politicamente fondato e soprattutto salvaguardando in misura assolutamente paritetica la specificità delle diverse competenze tecnico-scientifiche. Viceversa quanto si va prospettando ora è la subalternità di un settore – e quale settore! - ad un altro, forse burocraticamente più forte perché quei funzionari afferiscono a un Ordine professionale.

Per concludere, da studiosa di Piero della Francesca mi lasci dire che non so davvero immaginare - per fare un esempio retrospettivo - il lungo difficilissimo sapiente restauro del ciclo di affreschi in San Francesco ad Arezzo affidato ad altri che alle raffinate specifiche competenze della soprintendente storica dell’arte Anna Maria Maetzche, che lo diresse giorno dopo giorno sui ponteggi per oltre dieci anni sino alla conclusione e alla sua stessa scomparsa.

A sua disposizione per ogni chiarimento o un eventuale incontro, Le auguro un proficuo lavoro

Marisa Dalai Emiliani
Professore Emerito della Sapienza, Università di Roma
Roma, 7 luglio 2014



In allegato una testimonianza del 2007:

Al Presidente e ai Colleghi del Consiglio Superiore per i Beni culturali e il Paesaggio

La riformulazione della proposta di decreto di riorganizzazione del MIBAC […] di fatto ignora totalmente le questioni di principio da noi ritenute irrinunciabili e le precise richieste che abbiamo formulato nel parere espresso in tre tempi dal Consiglio Superiore circa la precedente, prima proposta di decreto riorganizzativo.
La gravità di questa constatazione, per quanto mi riguarda, mette seriamente in forse la mia ulteriore partecipazione ai lavori del Consiglio stesso, vista l’inutilità di un impegno non poco gravoso.
In particolare, nella mia veste di Presidente del Comitato tecnico- scientifico per il Patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico - che da tempo si è espresso in modo inequivocabile in proposito - ritengo aberrante e inaccettabile la prevista abolizione della Direzione Generale Centrale per il Patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico, che verrebbe accorpata e riassorbita nella Direzione Generale Centrale per il Patrimonio Architettonico, senza alcuna motivazione di carattere tecnico, organizzativo, gestionale né tanto meno culturale. Avevamo tutti convenuto che la necessità di ridurre le Direzioni Generali Centrali non avrebbe dovuto in alcun modo legittimare accorpamenti di quelle a carattere tecnico- scientifico, a cui il MIBAC deve la sua stessa ragion d’essere. Si intende negare viceversa uno specifico ruolo e l’indispensabile autonomia proprio alla Direzione che dovrebbe garantire unitarietà di indirizzi e metodi scientifici nella tutela del patrimonio artistico nazionale, da un lato, dall’altro del patrimonio demoetnoantropologico, certo non meno ingente. Se quest’ultimo, tra l’altro, è oggi al centro dell’attenzione mondiale in tutti i paesi grazie alla recente Convenzione di salvaguardia della cultura immateriale (“intangible Heritage”) lanciata dall’UNESCO, lascia sgomenti che si possa negare la centralità del patrimonio storico-artistico nell’azione di tutela italiana e insieme la peculiarità delle competenze indispensabili per continuare a garantirla.
Mi associo dunque a Mariella Guercio per chiedere che il Consiglio Superiore venga convocato d’urgenza, prima che le Commissioni Parlamentari si esprimano, al fine di una presa di posizione tempestiva e condivisa.
Con amicizia (e non poca amarezza)

Marisa Dalai Emiliani
Presidente del Comitato tecnico-scientifico per il Patrimonio artistico e demoetnoantrolpologico


Roma, 4 giugno 2007



Per ulteriore documentazione si rimanda all'indirizzo:
http://www.bianchibandinelli.it/2014/07/11/7-luglio-2014-lettera-aperta-al-ministro-franceschini-di-m-dalai-emiliani/



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news