LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riorganizzazione territoriale del sistema di tutela italiano
14-07-2014
Marisa Dalai Emiliani

AllOn. Ministro
dei Beni e Attivit culturali
Dario Franceschini

e p.c.
al Segretario Generale
Arch. Antonia Pasqua Recchia

al Presidente del Consiglio Superiore
per i Beni culturali e paesaggistici
Prof. Giuliano Volpe

OGGETTO: Riorganizzazione territoriale del sistema di tutela italiano

Onorevole Ministro,

nellavvicinarsi della scadenza ormai ineludibile per la presentazione del piano di riorganizzazione territoriale della tutela, come imposto dalla cosiddetta spending review, apprezzando il metodo democratico di consultazione da Lei adottato in particolare nei confronti di chi opera sul campo per unazione efficace di salvaguardia, cio i suoi funzionari tecnico-scientifici, sento il dovere di far sentire anche la mia voce accanto a quella di quanti gi si sono rivolti a lei con validi argomenti per scongiurare il rischio di un accorpamento di tutte le Soprintendenze ai beni storico-artistici ed etnoantropologici con quelle dei beni architettonici e paesaggistici. Mi riferisco allappello rivoltole dagli storici dellarte universitari italiani coordinati dalla CUNSTA, inviatole il 25 giugno scorso dalla presidente prof. Rosanna Cioffi e, prima ancora, allappello dei dirigenti storici dellarte del MIBACT, datato 31 maggio 2014.
Lintera comunit scientifica degli storici dellarte italiani, come vede, in attesa delle sue decisioni, con la speranza che non contraddicano il suo importante recente accordo con la Min. Giannini per una pi incisiva presenza dellinsegnamento storico-artistico nelle strategie condivise da MIUR e MIBACT al fine di una pi diffusa educazione di tutti i cittadini alla conoscenza e al rispetto del Patrimonio, bene comune.

La mia prise de parole origina dai due mandati consecutivi di presidente del Comitato tecnico scientifico per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico del MIBACT, tra il 2006 e il 2012: da unesperienza cio di conoscenza molto ravvicinata dei problemi vecchi e nuovi dellamministrazione della tutela, con la quale so di aver sviluppato un rapporto dialettico, costruttivo e sinergico, ma anche di faticosa supplenza, insieme al mio Comitato, per la scomparsa dal 2007 della Direzione Generale Centrale di riferimento, con la creazione di quella per la Valorizzazione e con il conseguente accorpamento di competenze e uffici nella Direzione Generale Centrale per lArchitettura e il Paesaggio.

Da allora, a dirigere questultima sempre stato chiamato un architetto, e da ultimo una figura amministrativa, sia pur valida, mentre contemporaneamente la presidenza del Consiglio Superiore veniva affidata a personalit di spicco delle discipline archeologiche come Salvatore Settis, Andrea Carandini e da ultimo Giuliano Volpe. Leclisse in questi anni di politiche peculiari per il patrimonio artistico sia diffuso che conservato in musei e gallerie - stata la conseguenza inevitabile di tutto questo.
Mi permetto di allegare due documenti che testimoniano la battaglia condotta nel 2007 avverso quelle decisioni dal Comitato tecnico scientifico per il Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e allinterno del Consiglio Superiore. E insieme mi permetto di osservare che la presunta apparente razionalizzazione legata a un sistema di soprintendenze territoriali miste per i beni architettonici e storico artistici, afferenti alla Direzione Generale Centrale da tempo unificata - quale sembra si prospetti -, dovrebbe essere ribaltata nellesatto contrario, ripristinando cio la Direzione Generale Centrale per il Patrimonio artistico ed etnoantropologico, con gli stessi preziosi compiti di indirizzo scientifico e coordinamento a scala nazionale che svolgono efficacemente le altre Direzioni Generali Centrali di settore (ultima confermata, quella alle Antichit). Peraltro funzioni di coordinamento e unificazione metodologica dellazione di tutela vengono gi ora svolte dalle Direzioni regionali, costituite proprio per essere centri di raccordo dellattivit svolta dalle Soprintendenze di settore sul territorio.

Non mi si fraintenda, la mia non e non vuole essere una presa di posizione corporativa, n tanto meno da laudator temporis acti. La prospettiva di un cambiamento profondo della filosofia stessa della tutela, non pi settoriale e disciplinare, ma globale, mi sembra una via da provare a percorrere, sia a livello centrale che regionale. Ma non in una logica di meri tagli alla spesa, al contrario come obiettivo culturalmente e politicamente fondato e soprattutto salvaguardando in misura assolutamente paritetica la specificit delle diverse competenze tecnico-scientifiche. Viceversa quanto si va prospettando ora la subalternit di un settore e quale settore! - ad un altro, forse burocraticamente pi forte perch quei funzionari afferiscono a un Ordine professionale.

Per concludere, da studiosa di Piero della Francesca mi lasci dire che non so davvero immaginare - per fare un esempio retrospettivo - il lungo difficilissimo sapiente restauro del ciclo di affreschi in San Francesco ad Arezzo affidato ad altri che alle raffinate specifiche competenze della soprintendente storica dellarte Anna Maria Maetzche, che lo diresse giorno dopo giorno sui ponteggi per oltre dieci anni sino alla conclusione e alla sua stessa scomparsa.

A sua disposizione per ogni chiarimento o un eventuale incontro, Le auguro un proficuo lavoro

Marisa Dalai Emiliani
Professore Emerito della Sapienza, Universit di Roma
Roma, 7 luglio 2014



In allegato una testimonianza del 2007:

Al Presidente e ai Colleghi del Consiglio Superiore per i Beni culturali e il Paesaggio

La riformulazione della proposta di decreto di riorganizzazione del MIBAC [] di fatto ignora totalmente le questioni di principio da noi ritenute irrinunciabili e le precise richieste che abbiamo formulato nel parere espresso in tre tempi dal Consiglio Superiore circa la precedente, prima proposta di decreto riorganizzativo.
La gravit di questa constatazione, per quanto mi riguarda, mette seriamente in forse la mia ulteriore partecipazione ai lavori del Consiglio stesso, vista linutilit di un impegno non poco gravoso.
In particolare, nella mia veste di Presidente del Comitato tecnico- scientifico per il Patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico - che da tempo si espresso in modo inequivocabile in proposito - ritengo aberrante e inaccettabile la prevista abolizione della Direzione Generale Centrale per il Patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico, che verrebbe accorpata e riassorbita nella Direzione Generale Centrale per il Patrimonio Architettonico, senza alcuna motivazione di carattere tecnico, organizzativo, gestionale n tanto meno culturale. Avevamo tutti convenuto che la necessit di ridurre le Direzioni Generali Centrali non avrebbe dovuto in alcun modo legittimare accorpamenti di quelle a carattere tecnico- scientifico, a cui il MIBAC deve la sua stessa ragion dessere. Si intende negare viceversa uno specifico ruolo e lindispensabile autonomia proprio alla Direzione che dovrebbe garantire unitariet di indirizzi e metodi scientifici nella tutela del patrimonio artistico nazionale, da un lato, dallaltro del patrimonio demoetnoantropologico, certo non meno ingente. Se questultimo, tra laltro, oggi al centro dellattenzione mondiale in tutti i paesi grazie alla recente Convenzione di salvaguardia della cultura immateriale (intangible Heritage) lanciata dallUNESCO, lascia sgomenti che si possa negare la centralit del patrimonio storico-artistico nellazione di tutela italiana e insieme la peculiarit delle competenze indispensabili per continuare a garantirla.
Mi associo dunque a Mariella Guercio per chiedere che il Consiglio Superiore venga convocato durgenza, prima che le Commissioni Parlamentari si esprimano, al fine di una presa di posizione tempestiva e condivisa.
Con amicizia (e non poca amarezza)

Marisa Dalai Emiliani
Presidente del Comitato tecnico-scientifico per il Patrimonio artistico e demoetnoantrolpologico


Roma, 4 giugno 2007



Per ulteriore documentazione si rimanda all'indirizzo:
http://www.bianchibandinelli.it/2014/07/11/7-luglio-2014-lettera-aperta-al-ministro-franceschini-di-m-dalai-emiliani/



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news