LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LETTERA PER SOSTENERE LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL MUSEO DELLA SHOAH NELL'AREA DI VILLA TORLONIA, A ROMA
10-09-2014
Paolo Coen

In altra sede PatrimonioSOS ha reso nota la proposta di mutare la sede del futuro Museo della Shoah di Roma. Tale cambiamento è stato già deplorato dall'Ordine Nazionale degli Architetti: qualora divenisse operativo, esso infatti pregiudicherebbe la messa in opera del progetto originario, destinato a sorgere nei prossimi due o tre anni in un'area di Villa Torlonia, su disegno degli architetti Luca Zevi e Giorgio Tamburini. La presente lettera di sostegno si unisce alla prima, facendo leva piuttosto sulle ragioni della storia dell'arte e delle discipline del Museo, come pure sul comune impegno verso una una moderna educazione alla cittadinanza.
Al link sottostante è possibile firmare per aderire a questo appello.

________________________________________________________________

Al Presidente della Repubblica Italiana - Prof. Giorgio Napolitano



e per dovere di conoscenza:



Al Presidente del Consiglio dei Ministri – Dott. Matteo Renzi



Al Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo – Dott. Dario Franceschini



Al Sindaco di Roma – Prof. Ignazio Marino






LETTERA PER SOSTENERE LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL MUSEO DELLA SHOAH NELL'AREA DI VILLA TORLONIA, A ROMA





La memoria della Shoah costituisce un valore basilare della civiltà moderna. Per certi aspetti può addirittura considerarsi il valore per antonomasia. La stessa Unione Europea l’ha assunto a fondamento della propria esistenza. Nulla perciò di strano se l’esposizione installata nel 2012 in piazza Altiero Spinelli, a Bruxelles, per celebrare il conferimento all’Unione del Premio Nobel per la Pace inizia con una gigantografia del cancello di Auschwitz: perché esattamente ad Auschwitz, non altrove, ha avuto principio l’Europa di oggi, quell’Europa “che per oltre sei decenni ha contribuito all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani”, per tornare alla motivazione del Premio.



L’Italia è tradizionalmente fra i principali interpreti di tale valore. Il Paese, che dal 2000 può far leva su un apposito strumento legislativo - la Legge 211, o Legge della Memoria - ha profuso molti sforzi in questa direzione: sforzi che, particolarmente sensibili ed efficaci nel mondo della Scuola e dell’Università, stanno indirizzando le generazioni dei più giovani verso uno spirito di cittadinanza attiva e realmente condivisa.



Fin dal 1949, e ancor più spesso dopo il crollo del Muro di Berlino, un congruo numero di nazioni individua nel Museo uno strumento essenziale per custodire, ricercare e trasmettere la memoria della Shoah. Istituzioni del genere sorgono oggi a Gerusalemme come a Washington, a Berlino come a Parigi, a Los Angeles come a Londra. E attenzione: sono organismi vivi e in piena efficienza, frequentati ogni anno da milioni di persone e particolarmente da giovani in età scolare.



Dal 2004 anche l’Italia, su iniziativa del Comune di Roma, ha deciso di dotarsi di un proprio Museo della Shoah. Disegnato dall’architetto Luca Zevi e dall’architetto Giorgio Tamburini, l’edificio è ubicato in un lotto di terreno limitrofo a Villa Torlonia, negli ultimi anni peraltro divenuta un importante polo museale della città. Il Comune ha acquistato il lotto attraverso una permuta immobiliare, finanziato la progettazione e ottenuto un mutuo dalla Cassa Depositi e Prestiti per l’intero costo della costruzione. Tutto è insomma pronto perché entro due o al massimo tre anni anche Roma – e insieme a Roma, s’intende, l’Italia nella sua integrità – finalmente si doti di uno strumento rivelatosi altrove di rara efficacia nel diffondere la memoria e nel contempo arginare pericolosi fenomeni come l’antisemitismo, il razzismo e i negazionismo.



Le cronache recenti danno ora notizia di una pericolosa deviazione da questo percorso. In sintesi, lamentando i ritardi nel tradurre il progetto in opera concreta e nell’urgenza del ricorrere del settantesimo anniversario della liberazione di Auschwitz nel 2015, alcuni propongono di realizzare il Museo della Shoah in una sede alternativa, individuata in uno spazio dell’EUR finora adibito a tutt’altra funzione.



Altri, specie nel mondo degli architetti, hanno già deplorato questa proposta, che metterebbe in discussione la stessa realizzazione di un Museo della Shoah in Italia.

In questa sede – e sulla base di quanto si è premesso – vale piuttosto rammentare che la mancata realizzazione del Museo della Shoah nell’area di Villa Torlonia si tradurrebbe per il Paese non solo in un’occasione persa, ma anche in un passo falso nel lungo cammino verso una moderna educazione alla cittadinanza.



Per tali ragioni chi firma questa lettera si rivolge a Lei, Gentile Presidente, perché faccia propria la causa della realizzazione del Museo della Shoah nell’area di Villa Torlonia secondo il progetto originario; perchè imprima una decisa accelerazione al processo di realizzazione dell’opera; perché per il 27 gennaio 2015 promuova una mostra temporanea fondata sui materiali del Museo della Shoah e sul progetto del Museo stesso, nell’attesa che venga ultimato.



Con stima e fiducia immutate,




Paolo Coen, Università della Calabria, Rete Universitaria per il Giorno della Memoria














http://firmiamo.it/museo-della-shoah-di-roma


news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news