LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Colosseo e Viollet-Le-Duc
13-11-2014
Pier Giovanni Guzzo

IL COLOSSEO E VIOLLET-LE-DUC.
Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc in quanto ci ha lasciato sia di scritto sia in quanto di materiale ha realizzato nei tanti restauri che costellano la Francia ha contribuito a sostanziare un’arte del restauro architettonico. Oggi, con lo sviluppo sia della sensibilità storica sia delle tecnologie non tutto della lezione di quel grande iniziatore raccoglie consenso: ma, di certo, qualcosa del suo magistero permane. Ad esempio, il rapporto stretto che Viollet-le-Duc ha sempre osservato tra l’originario materiale impiegato nella costruzione da restaurare e quello che si impiega, appunto, nel restauro. Circa l’utilizzazione contemporanea di un restauro, una volta che sia stato effettuato, Viollet-le-Duc ne esclude una rispondenza ad interessi, o necessità, contemporanei. Tuttavia Viollet-le-Duc stesso argomenta che il restauro può aver riportato l’edificio originario ad uno stato di completezza che, talvolta, può risultare diverso da quello originario: così che le necessità, o le opportunità, contemporanee vi potrebbero trovare adeguate accoglienza e sistemazione. La non risolta contraddizione appena qui accennata che si è manifestata fin dall’inizio della storia moderna del restauro architettonico continua a farsi evidente in maniera talvolta dolorosa anche oggi. Ed è facile previsione che l’incertezza al proposito continuerà anche domani. Meglio: l’evidenziata incertezza sembra essere sentimento solamente di quanti si pongono l’imperativo deontologico di valutare attentamente ex ante sia il proprio progetto sia l’azione che ne consegue sia, infine, le prevedibili conseguenze. Altri, purtroppo sempre più numerosi, si ritengono, o paiono ritenersi, messaggeri di una univoca buona novella, giunta anche troppo tardi, ma finalmente manifestatasi grazie a loro, così che si possano correggere errori nei quali finora tutti (esclusi i suddetti messaggeri) sono incappati. Si potrà così, anche se purtroppo tardi, aprire una gloriosa e feconda via sulla quale avanzano la Verità e la Scienza. Tanta è l’assertività del loro dire, unita ad un apparente buon senso comune (che filologicamente sarebbe da definirsi lectio facilior, dalla quale i filologi insegnano di guardarsi attentamente), che in molti diventano ammiratori e propagatori convinti di quella buona novella. E tanto più convinti quanto maggiori sono la rispettiva ignoranza nell’astrusa materia del restauro architettonico e delle cose che di tale restauro hanno necessità ed il desiderio di venire incontro ai non specialisti. È in specie su quest’ultimo, peraltro nobilissimo, desiderio che quanti si presumono messaggeri della buona novella, di solito, inciampano. Lo si può riscontrare a proposito della più recente loro proposta: quella di ricostruire il piano dell’arena del Colosseo, così che possa essere utilizzato (senza, peraltro, determinarne i limiti, se non quello di escludere il gioco del golf). L’eventuale ricostruzione del piano dell’arena del Colosseo (dopo che si fossero risolti positivamente tutti i problemi di metodologia e di prassi del restauro architettonico: a cominciare dalla inutilità a fini statici di tale ricostruzione, che invece rappresenterebbe un perfetto esempio di infedeltà all’originaria completezza, se non altro per una diversa statica) non renderebbe più agevole la comprensione della reale essenza storica del monumento ai suoi numerosi visitatori non specialisti, stranieri ed italiani. Questi ultimi, poi, sarebbero facilmente tratti in inganno se ricordassero la popolare canzoncina che descrive i Romani giocare alla palla, ma alle Terme di Caracalla (per ovvie, imperative esigenze di rima): così che essi nutrirebbero un ulteriore dubbio, se si trovano al Colosseo oppure a quelle decantate Terme. Fuor di celia, i visitatori potranno comprendere la reale essenza storica dei monumenti, antichi e no, se posseggono gli strumenti critici e conoscitivi necessari; e meglio ancora la potranno comprendere se, oltre al possesso di tali strumenti di base, potranno giovarsi dei suggerimenti forniti da qualcuno esperto che li guidi a guardare, e a vedere, gli elementi salienti. Tanto più che un settore del piano dell’arena è da qualche anno stato riproposto alla vista del pubblico: così che da esso chi voglia e possa potrebbe già oggi ricostruire idealmente l’antico aspetto del monumento. Sicché, almeno in questo più recente caso della proposta ricostruzione del piano dell’arena del Colosseo, i messaggeri della buona novella hanno perduto un’occasione di tacere. A proposito della ricostruzione materiale in sé, ben più economicamente e fruttuosamente sostituibile, a valle di una profonda rivisitazione e riadattamento del servizio scolastico, con una ricostruzione 3D e grazie ad un adeguato servizio di guide. Il quale ultimo presenterebbe due vantaggi dal punto di vista finanziario: costituirebbe occasione di lavoro e verrebbe a costare molto meno di quanto si può prevedere costerebbe la proposta ricostruzione. Argomento, questo finanziario, che potrebbe apparire indegno se ci volessimo tenere solamente all’interno della categoria metodologica, come si tenta di fare: ma che, in tempi di crisi, e quindi di necessità di scelte, con un patrimonio culturale che, dalle Alpi a Scilla, si trova in bilico di irreparabili perdite, occorre tenere presente, se non ritenere imperativo.
PIER GIOVANNI GUZZO



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news