LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Arena nel Colosseo? Una ciclica tentazione
17-11-2014
Rossella Rea

L’ARENA NEL COLOSSEO? UNA CICLICA TENTAZIONE

Rossella Rea



Il dibattito sulla costruzione, o meno, del piano dell’arena nel Colosseo, iniziato oltre un secolo fa, periodicamente si rianima, da ultimo con il recente intervento – un po’ provocatorio?- dell’amico Manacorda, al quale volentieri racconterò una storia.

La prima proposta di ricostruzione data al 1895, quando poco più della metà dei sotterranei era in luce. Nel 1873, infatti, “il cavamento delle terre” era stato sospeso per l’inondazione causata “dagli scoli delle acque sorgive che vi affluivano”, la cui maleodorante stagnazione si protrasse per ben 10 anni, fino alla costruzione del grande collettore dell’Esquilino che liberò dalle acque i sotterranei, ma tranciò definitivamente la galleria di collegamento tra l’anfiteatro e il Ludus magnus. Promotore dell’iniziativa presso il Ministro dell’Istruzione Pubblica fu l’Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti di Roma, nella persona dell’ingegnere Domenico Marchetti che suggerì al Ministro di completare gli sterri per rendere di nuovo praticabile e libera la circolazione sul piano dell’arena “collo stabilire una conveniente impalcatura, parziale o totale costruita in ferro e legname”. La proposta non ebbe seguito, essendo all’epoca ignoto lo stato di conservazione delle strutture ancora sepolte,

Marchetti è stato il precursore. Il secondo proponente fu, intercessore il Ministro dell’Educazione Nazionale, il Governatore Francesco Boncompagni Ludovisi. Al Soprintendente ai Monumenti di Roma, Alberto Terenzio, fu chiesto di procedere allo scavo integrale degli ipogei e allo studio di una eventuale copertura ai “diversi fini della protezione dei resti sottostanti, della restituzione dell’aspetto del monumento, della creazione di un vasto piano utile per i convegni…che l’apertura della via dell’Impero rende ogni giorno più facili e frequenti”. Al Ministro, però, era sfuggito che il progetto, inviato già da un anno dallo stesso Terenzio, giaceva inevaso presso gli uffici ministeriali.

All’ipotesi del Governatore, di utilizzare il piano dell’arena per i convegni, faceva, infatti, eco la proposta di Terenzio, vòlta a provvedere “ancora meglio alla destinazione dell’Anfiteatro per solenni adunate”. Eppure lo stesso Terenzio, nel 1932, a fronte dei danni compiuti dagli avanguardisti in occasione delle adunate, tra cui “frantumazioni” di marmi e capitelli, aveva rappresentato al Ministro il gravissimo pericolo del ripetersi di grandi affollamenti al Colosseo e chiesto di scongiurare il ripetersi di simili concessioni del monumento. Ciononostante, nel 1932, si ventilò di sostituire l’originaria copertura di legno con un bel lastrone di cemento armato utile a garantire “una visione molto più esatta della struttura originale dell’Anfiteatro e della sua grandiosità” e necessaria per le “speciali adunate”. La realtà del Colosseo negli anni ‘30 del XX secolo è ben descritta da G. Sauve: “il pubblico che si reca al Colosseo è sempre più numeroso. Non solo turisti, viaggiatori isolati e in piccole comitive: vi si tengono ora delle solenni adunate dei Fasci, dei Dopolavoro; grandi riunioni di pellegrinaggi, predicazioni, Vie Crucis, come quella solenne del Venerdì di Passione”, come ben documentato dai numerosi filmati dell’Istituto Luce.
Ancora una volta il progetto non ebbe seguito.

Lo sterro dei sotterranei fu completato alla fine degli anni ‘30 del secolo trascorso, e solo nel 1949 fu riproposta, per il Giubileo del 1950, l’ipotesi di una copertura, che in quell’occasione fu realizzata con un semplice impiantito di legno, probabilmente poco o affatto praticabile, in parte poggiato sui bordi dell’arena, ma sicuramente sostenuto da un fitto impalcato, il tutto rimosso al termine del Giubileo. Si trattò di un evento eccezionale, effimero, come effimera fu, nel 1985, l’audace riproposizione di un settore delle gradinate della cavea nell’ambito della prima mostra realizzata nel Colosseo, a cura dell’IPSOA, “L’economia tra le due guerre”. Un’installazione didattica che riscosse un enorme successo.

Come fosse il piano dell’arena, oggi, lo vede e lo comprende chiunque, perché una porzione è già stata ricostruita nel 1998 e ospita, in rare occasioni, eventi a carattere altamente istituzionale e/o umanitario, come si addice a un monumento unico come il Colosseo i cui sotterranei, caro Daniele, lungi da evocare nell’immaginario collettivo visioni pulp, sono un monumento nel monumento, l’unica parte del Colosseo che ci è giunta, in assenza di riusi, cristallizzata nell’assetto che aveva alla fine del V secolo quando, anche per effetto dell’innalzamento della falda, fu completamente interrata. Tuttavia, nel 1992 la Soprintendenza archeologica di Roma valutò la fattibilità di una copertura ed elaborò nel 2002 il progetto preliminare per l’estensione del piano realizzato nel 1998 fino alla mezzeria dell’invaso, ma non oltre. Se il progetto non ha avuto seguito, i motivi sono molteplici e tuttora validi. E infine: oggi dal piano dell’arena la visuale del gigantismo architettonico è già garantita, al contrario manca la visuale opposta, dall’attico verso l’arena, e questa lacuna sarà presto colmata. Ma, caro Daniele, sai di cosa ha urgentissimo bisogno il Colosseo? Di una cosa banale nella sua essenzialità: i servizi, tanti, ma da collocare fuori dal monumento, in quello che era, e deve tornare ad essere, lo spazio a servizio dell’Anfiteatro.
Avanti il prossimo!




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news