LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'Arena nel Colosseo? Una ciclica tentazione
17-11-2014
Rossella Rea

LARENA NEL COLOSSEO? UNA CICLICA TENTAZIONE

Rossella Rea



Il dibattito sulla costruzione, o meno, del piano dellarena nel Colosseo, iniziato oltre un secolo fa, periodicamente si rianima, da ultimo con il recente intervento un po provocatorio?- dellamico Manacorda, al quale volentieri racconter una storia.

La prima proposta di ricostruzione data al 1895, quando poco pi della met dei sotterranei era in luce. Nel 1873, infatti, il cavamento delle terre era stato sospeso per linondazione causata dagli scoli delle acque sorgive che vi affluivano, la cui maleodorante stagnazione si protrasse per ben 10 anni, fino alla costruzione del grande collettore dellEsquilino che liber dalle acque i sotterranei, ma tranci definitivamente la galleria di collegamento tra lanfiteatro e il Ludus magnus. Promotore delliniziativa presso il Ministro dellIstruzione Pubblica fu lUfficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti di Roma, nella persona dellingegnere Domenico Marchetti che sugger al Ministro di completare gli sterri per rendere di nuovo praticabile e libera la circolazione sul piano dellarena collo stabilire una conveniente impalcatura, parziale o totale costruita in ferro e legname. La proposta non ebbe seguito, essendo allepoca ignoto lo stato di conservazione delle strutture ancora sepolte,

Marchetti stato il precursore. Il secondo proponente fu, intercessore il Ministro dellEducazione Nazionale, il Governatore Francesco Boncompagni Ludovisi. Al Soprintendente ai Monumenti di Roma, Alberto Terenzio, fu chiesto di procedere allo scavo integrale degli ipogei e allo studio di una eventuale copertura ai diversi fini della protezione dei resti sottostanti, della restituzione dellaspetto del monumento, della creazione di un vasto piano utile per i convegniche lapertura della via dellImpero rende ogni giorno pi facili e frequenti. Al Ministro, per, era sfuggito che il progetto, inviato gi da un anno dallo stesso Terenzio, giaceva inevaso presso gli uffici ministeriali.

Allipotesi del Governatore, di utilizzare il piano dellarena per i convegni, faceva, infatti, eco la proposta di Terenzio, vlta a provvedere ancora meglio alla destinazione dellAnfiteatro per solenni adunate. Eppure lo stesso Terenzio, nel 1932, a fronte dei danni compiuti dagli avanguardisti in occasione delle adunate, tra cui frantumazioni di marmi e capitelli, aveva rappresentato al Ministro il gravissimo pericolo del ripetersi di grandi affollamenti al Colosseo e chiesto di scongiurare il ripetersi di simili concessioni del monumento. Ciononostante, nel 1932, si ventil di sostituire loriginaria copertura di legno con un bel lastrone di cemento armato utile a garantire una visione molto pi esatta della struttura originale dellAnfiteatro e della sua grandiosit e necessaria per le speciali adunate. La realt del Colosseo negli anni 30 del XX secolo ben descritta da G. Sauve: il pubblico che si reca al Colosseo sempre pi numeroso. Non solo turisti, viaggiatori isolati e in piccole comitive: vi si tengono ora delle solenni adunate dei Fasci, dei Dopolavoro; grandi riunioni di pellegrinaggi, predicazioni, Vie Crucis, come quella solenne del Venerd di Passione, come ben documentato dai numerosi filmati dellIstituto Luce.
Ancora una volta il progetto non ebbe seguito.

Lo sterro dei sotterranei fu completato alla fine degli anni 30 del secolo trascorso, e solo nel 1949 fu riproposta, per il Giubileo del 1950, lipotesi di una copertura, che in quelloccasione fu realizzata con un semplice impiantito di legno, probabilmente poco o affatto praticabile, in parte poggiato sui bordi dellarena, ma sicuramente sostenuto da un fitto impalcato, il tutto rimosso al termine del Giubileo. Si tratt di un evento eccezionale, effimero, come effimera fu, nel 1985, laudace riproposizione di un settore delle gradinate della cavea nellambito della prima mostra realizzata nel Colosseo, a cura dellIPSOA, Leconomia tra le due guerre. Uninstallazione didattica che riscosse un enorme successo.

Come fosse il piano dellarena, oggi, lo vede e lo comprende chiunque, perch una porzione gi stata ricostruita nel 1998 e ospita, in rare occasioni, eventi a carattere altamente istituzionale e/o umanitario, come si addice a un monumento unico come il Colosseo i cui sotterranei, caro Daniele, lungi da evocare nellimmaginario collettivo visioni pulp, sono un monumento nel monumento, lunica parte del Colosseo che ci giunta, in assenza di riusi, cristallizzata nellassetto che aveva alla fine del V secolo quando, anche per effetto dellinnalzamento della falda, fu completamente interrata. Tuttavia, nel 1992 la Soprintendenza archeologica di Roma valut la fattibilit di una copertura ed elabor nel 2002 il progetto preliminare per lestensione del piano realizzato nel 1998 fino alla mezzeria dellinvaso, ma non oltre. Se il progetto non ha avuto seguito, i motivi sono molteplici e tuttora validi. E infine: oggi dal piano dellarena la visuale del gigantismo architettonico gi garantita, al contrario manca la visuale opposta, dallattico verso larena, e questa lacuna sar presto colmata. Ma, caro Daniele, sai di cosa ha urgentissimo bisogno il Colosseo? Di una cosa banale nella sua essenzialit: i servizi, tanti, ma da collocare fuori dal monumento, in quello che era, e deve tornare ad essere, lo spazio a servizio dellAnfiteatro.
Avanti il prossimo!




news

22-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 OTTOBRE 2017

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l\'esperto:INTERVISTA - \"Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati\"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

Archivio news