LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colosseo. Risposta a Rossella Rea
19-11-2014
Daniele Manacorda

Risposta a Rossella Rea
Cara Rossella, come ricorderai, ti mandai a suo tempo la bozza del mio articolo sul Colosseo da pubblicare su Archeo per avere da te qualche eventuale osservazione. Se tu avessi ritenuto utile farmene parte, avrei potuto attingere anche ai tanti episodi che tu ricordi per sostenere in termini un po pi coloriti la mia semplice idea. Ho quindi bevuto dun fiato il tuo intervento, e te ne ringrazio,, ma mi rimasta la sete (di conoscenza, sintende).
Ti rispondo quindi non solo per obbligo di cortesia, ma per capire meglio. La storia che tu ci racconti comincia con una nota stonata: oltre un secolo fa non cominciato il dibattito sulla costruzione, o meno, del piano dellarena, ma quello sulla ricostruzione di quel piano, che cera ed era stato distrutto dai recenti scavi archeologi, mettendo solo allora in luce i sotterranei, che prima erano sepolti dal terreno. E tutto qui, infatti, il nocciolo della questione. E su questo si snodano le vicende che tu ben sintetizzi.
Apprendiamo quindi che un ingegnere capo dellUfficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti, prima, poi un Governatore su intercessione di un Ministro, poi un Papa o chi per lui in occasione di un Giubileo cercarono di far completare quegli sterri per rendere di nuovo libera e praticabile la circolazione sul piano dellarena, e per garantire la protezione dei resti sottostanti e la restituzione dellaspetto del monumento, e poi ancora per creare uninstallazione didattica che riscosse un enorme successo.
Non capisco se tu ti rallegri di quel successo, o lo paventi come qualcosa di negativo. Ma se non ce lhanno fatta ministri ed ingegneri, gerarchi e cardinali, chi li ha convinti che non era il caso di provarci? Noi archeologi? Io temo di s, e le tue parole purtroppo non mi liberano da questo timore. Al mio ragionamento sulla necessit di risarcire le ferite che larcheologia scientifica necessariamente opera nei monumenti che indaga (il confronto con il progredire della scienza anatomica non ha nulla di pulp, ovviamente) mi rispondi che i sottorranei sono un monumento nel monumento. Sono talmente daccordo, che mi piacerebbe vederli restituiti nella loro natura, visitati e allestiti come splendido museo di se stessi . Dove sta scritto che devono restare esposti alle intemperie sine die per decenni o per secoli? Anzi: ti dispiacerebbe rassicurare lopinione pubblica sullo stato di salute di quelle strutture che non furono certo progettate, come le arcate dellanfiteatro, per essere esposte? Non c un problema di tutela in atto?
Quei muri sono a pancia allaria per una ostinazione degli archeologi a non portare a compimento il loro lavoro secolare? Se cos, il risultato che purtroppo le visioni del Colosseo dallalto ci danno la stessa impressione di dente cariato che lindimenticato Antonio Cederna riconobbe nello sventurato rudere dellAugusteo scarnificato negli anni 30 del secolo scorso.
A proposito di Anni Trenta. Che cosa centra lallusione ai danni compiti dagli avanguardisti in occasione delle adunate? Questo dei rischi cui la reintegrazione del piano di calpestio esporrebbe il Colosseo mi sembra davvero un ricorso a quel catastrofismo che paventa il futuro per stare fermi abbarbicati al presente. Ed pure denigratorio nei confronti di Ministero e Soprintendenza, che, da proprietari del monumento, ne sapranno garantire al meglio qualunque uso sociale e culturale pensino eventualmente di consentire in quel luogo. O non ti fidi di voi stessi? Io s, mi fido, e infatti dormo sogni tranquilli (vedi Il Manifesto dell8 novembre scorso).
Insomma, in conclusione, hai capito perch la mia sete rimane tale e quale? Qualcuno mi pu spiegare perch larena non possa essere risarcita nella sua integrit formale e funzionale, ma mezza arena s? Ci sar una motivazione culturale di questa affermazione?
Vedi, tu definisci la mia idea provocatoria. Non lo era affatto, anche se vedo che ha creato qualche rovello tra alcuni addetti ai lavori. E unidea semplice, forse banale. In queste settimane sono stato sballottato tra mille interviste di media degli Stati Uniti e del Giappone, della Spagna e del Kazakhstan. La domanda era sempre la stessa: a noi sembra una proposta normale: perch qualcuno diceno?
Alla fine del tuo scritto, cara Rossella, concludi che se il progetto non ha avuto seguito, i motivi sono molteplici e tuttora validi, quindi, se capisco bene, da te condivisi. Bene, ma questi motivi, di grazia, quanti e quali sono? Ci hai raccontate storie e episodi, ci hai detto che cosa successo, ma i motivi del no, che a quel che sento arrivano prevalentemente dal mondo degli archeologi, quali sono? Siamo noi archeologi che abbiamo tolto quellarena. Puoi dire, non a me, ma ad unopinione pubblica globalizzata e molto interessata, per quale motivo non vogliamo restituirla? Escluso che si tratti di motivi non divulgabili, qualcuno potrebbe pensare che questi motivi non ci siano. Tu li conosci?
Daniele Manacorda



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news