LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Osservazioni del consigliere di Stato Giuseppe Severini sul documento della Presidenza del Consiglio circa la riforma dell'art. 115 del Codice
18-11-2005
Giuseppe Severini*

"Osservazioni al documento della Presidenza del Consiglio".

-- Modifiche del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio--


Non si condividono le critiche mosse in linea di principio allart. 115, comma 3, lett. a) CBCP, vecchio o nuovo testo, per le seguenti ragioni:

1) E dato di comune esperienza che lesercizio museale causa un risultato economico passivo, perch i costi (es. locazione, custodia, assicurazione, personale, ecc.) superano quasi sempre i ricavi (essenzialmente: vendite dei biglietti e congiunti servizi aggiuntivi o di merchandising). Il risultato opposto richiederebbe un prezzo del biglietto di livello talmente elevato da non corrispondere alla disponibilit della domanda, con conseguente fallimento dellobiettivo dellallargamento della fruizione.

2) Per conseguenza, lanalogia tra azienda e museo pu riguardare solo alcune simiglianze dordine giuridico, ma non riesce a raggiungere i profili economici.

3) Pare pertanto non realistico immaginare limpresa culturale e muovere dal presupposto, astratto, che attraverso lesercizio museale sia conseguibile un utile finanziario (altra cosa per i servizi aggiuntivi autonomamente intesi: senza cio lonere del museo; ma quello non il tema). E infatti, quando non sono pubblici, i musei sono collaterali, per cura dimmagine o mecenatismo, ad imprese o a lasciti e in essi hanno le necessarie risorse finanziarie.

4) Nondimeno, la valorizzazione di un museo ha effetto generatore di economie esterne nel territorio circostante (es. esercizi alberghieri, ristorazione, esercizi commerciali, operatori turistici in genere, ecc.). In vista di questa irradiazione di utilit economiche (e di immagine del luogo) sorge linteresse di soggetti terzi (portatori non di un interesse economico diretto, ma relativo al territorio circostante) a partecipare ad iniziative di gestione indiretta di beni culturali: es. fondazioni bancarie ed enti locali. Non si discosta, economicamente, da tale obiettivo il concorso di privati, singoli o associati, interessati alla propria promozione di immagine. Solo in questo senso promozionale e diffuso si pu realisticamente parlare di utilit economica della valorizzazione museale.

5) Leconomicit dellesercizio museale va pertanto contestualizzata: il museo diviene elemento di attrazione di un territorio, ed per questo che economicamente conveniente, per i suoi operatori economici, che sia valorizzato: non in quanto bene produttivo in s. Sono infatti le fondazioni bancarie e gli enti locali i soggetti che secondo il dato di esperienza - conferiscono a siffatte iniziative le principali risorse finanziarie.

6) Concorrono con questi gli interessi di altri soggetti che partecipano a siffatte iniziative (es. le universit, per la ricerca). Ma parimenti non sono, nella realt delle cose, orientati allutile.

7) Non va dimenticato che, diversamente da chi allestisce e gestisce un museo privato, il gestore di un museo pubblico non sopporta il principale dei costi di investimento, costituito dalla acquisizione della raccolta, dellimmobile che contenitore e dal suo allestimento: e che esercita unimpresa propria nei soli limiti ed oneri della gestione, in quanto affidatario di un servizio pubblico (vale a dire un sostituto del Mibac, con una sostituzione giustificata dalla prospettiva della migliore capacit di raggiungere gli obiettivi pubblici di una valorizzazione di suo doverosa).

8) Non sembra porsi dunque, nei fatti, questione di conflitto purismo vs. aziendalismo.

9) Si condivide invece il principio della separazione delle competenze, per cui sia, preferibilmente, la legge stessa a prevedere che nella struttura organizzativa del soggetto affidatario del servizio pubblico sia presente un separato organo tecnico per la tutela e per la parte di interesse pubblico della valorizzazione, a provvista esclusiva del Mibac e con propri funzionari dipendenti dalla Soprintendenza (e con poteri, a questi riguardi, propulsivi, sollecitatori o interdittivi sullorgano di gestione): e che, corrispondentemente, i funzionari del Mibac non partecipino allorgano di gestione, lasciandolo ai vari soggetti terzi che concorrono allaffidamento. La previsione del contratto di servizio come definita dallo schema di decreto legislativo appare, nondimeno, coerente con tale idea e non confliggente.

10) Non pare nemmeno confliggere con detta idea il fatto che il Mibac possa nominare personalit illustri del mondo della cultura (scisse dalle sue funzioni di tutela e valorizzazione) nei consigli di gestione. Non si tratterebbe infatti di soggetti legati ad esso da vincolo di mandato professionale o titolari di pubbliche potest, e che ben potrebbero contribuire al miglior orientamento culturale della gestione.


Giuseppe Severini
Consigliere di Stato



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news