LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CATANIA: LIBERIAMO DALLOBLIO DEL DUOMO I REALI ARAGONESI DI SICILIA
29-03-2015
Alfio Lisi

Nel 1952, grazie ai lavori di restauro della Cattedrale, e al coraggio della Sovrintendenza pro-tempore (altri tempi!) , i due preziosi sarcofaghi contenenti i reali Aragonesi re di Sicilia, murati vivi nel XVI secolo nellabside maggiore della cattedrale dallallora vescovo Rebiba, sono stati riportati alla luce, sottratti momentaneamente alloblio di secoli. Per ritornarci subito dopo.

Ecco parte della descrizione esteriore dei due monumentali sarcofagi da parte dellillustre archeologo e accademico Guido Libertini (tra laltro anche Rettore dellUniversit di Catania dal 1947 al 1950 e primo direttore onorario del Castello Ursino, anni30, artefice del suo restauro nel quale allest il primo museo civico) come pubblicata nel Giornale dellisola nella domenica dell11 maggio 1952: quello che attualmente racchiude ben cinque salme di principi un grandioso sarcofago marmoreo romano sontuosi sarcofagi romani che furono usati dallet degli Antonimi sino a oltre la met del secolo III d.C. un esemplare di questa serie oggi collocato presso il Battistero di Firenze , un altro si trova nel museo di Costantinopoli . Laltro sarcofago stato realizzato e personalizzato per la regina Aragonese Costanza, sposata con Federico III in Cattedrale: ..una cassa marmorea ...che in uno dei lati mostrava, al centro, in bassorilievo, una rappresentazione dellAgnus Dei e, ai quattro angoli, i simboli degli Evangelisti, poi giunti al grande coperchio megalitico, ecco venir fuori , in altorilievo, limmagine della regina Costanza, distesa sul letto di morte, col capo cinto della corona regale, la testa adagiata su un ricco cuscino damascato con gli stemmi di Aragona, il corpo rivestito da un paludamento semplice ma dignitoso, le mani incrociate sul ventre, il rosario avvolto al braccio, coi piedi poggiati su di un simbolico cagnolino. E aggiungeva Nonostante la stilizzazione , io credo che questa immagine costituisca un importante documento iconografico della giovane madre della regina Maria. In quanto la regina di Sicilia Costanza, incoronata proprio presso la Cattedrale, che visse al Castello Ursino trasformata da fortezza in residenza reale proprio dagli Aragonesi qui vi moriva poco dopo aver dato alla luce la figlia Maria, che prese il posto appena nata della madre e che nella stessa regia partor il proprio figlioletto ma che vi mor ancora fanciullo dopo essere stato battezzato sempre nella Cattedrale.

Lo stesso Libertini suggeriva una sistemazione analoga a quella delle tombe imperiali del Duomo di Palermo , vale a dire creando una Cappella reale in uno degli ambienti adiacenti alla navata di mezzogiorno e precisamente nellantica sagrestia dove sono una bellissima bifora, una porta ogivale tracce di un affresco quattrocentesco..? Cappella reale o di corte che, in parte, esiste ancora al Castello Ursino voluta dalla regina Maria per ospitare il sarcofago della regina madre, Costanza.

Ma dopo linfinito oblio gli illustri mausolei dimora terrena dei reali di Sicilia, manufatti di grande valore storico, culturale e artistico, che per oltre un secolo hanno segnato nel bene e nel male la vita di Catania e della Sicilia, rimangono a tutt oggi segregati e interdetti (cos come tanti altri beni culturali e monumenti storici della citt di epoca greco-romana, medievale, barocca e liberty) in una delle cappelle del Duomo, inaccessibile e accanto allaltare dedicato a S.Agata, continuando ad essere occultati agli ignari cittadini e turisti ma, purtroppo, ignorati dalle stesse autorit laiche, condannando esse in tal modo i reali di Sicilia alleterno oblio e i cittadini allinfinita ignoranza di un importante periodo della vita della citt e della Sicilia.

Al contrario di quanto accade a Palermo con le tombe degli imperatori Svevi e re di Sicilia presenti nella Cattedrale per i quali fu concepita la cappella reale dove giornalmente si fa la fila, perfino a pagamento, per visitarli.



Alfio Lisi

FREE GREEN



news

20-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news