LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Due terremoti. Ricostruzione e speculazione edilizia in Abruzzo ed Emilia
03-04-2015
Luisa Ciammitti*

* Luisa Ciammitti stata Direttrice della Pinacoteca Nazionale di Ferrara

Una versione ridotta di questo testo stata pubblicata nel numero di febbraio de "L'Indice".


Due terremoti. Ricostruzione e speculazione edilizia in Abruzzo ed Emilia

Il rumore sincopato delle gru che dalle sette e trenta di mattina volteggiano nel centro storico dellAquila potrebbe indurre lignaro visitatore a supporre che gran parte dei problemi causati dal terremoto del 6 aprile 2009 siano risolti. Alcune strade sono inaccessibili, non pi per problemi di sicurezza, bens per via dei cantieri in corso. E tuttavia basta fare pochi passi per sentirne il rimbombo contro gli edifici vuoti della citt; bastano pochi sguardi per rendersi conto che nellarea del centro storico (1,6 kmq), bar e negozi aperti sono pochissimi. LAquila deserta, i cittadini non ci sono.
Pochi cantieri in corso, invece, nei centri grandi e piccoli che tra Bologna, Ferrara e Reggio Emilia il 20 e 29 maggio 2012 sono stati colpiti da due scosse sismiche di intensit simile, con ripercussioni fino a Mantova e a Rovigo. Le opere urgenti o provvisorie sono state ultimate entro il 2013; altri cantieri per lavori di rafforzamento sismico inizieranno nel corso del 2015 e riguarderanno soprattutto chiese e palazzi storici. Allindomani della prima scossa, la Direzione Regionale, guidata da Carla Di Francesco, ha istituito lUnit di Crisi (UCR) formata da funzionari delle Soprintendenze e della Direzione stessa. Tra maggio e novembre 2012 le squadre dellUCR, affiancate dai Vigili del Fuoco e dal Nucleo Tutela per il Patrimonio Culturale dei Carabinieri, hanno condotto a termine il lavoro di verifica dei danni, di messa in sicurezza degli edifici tutelati, di raccolta e selezione delle macerie, di recupero di opere darte, archivi e biblioteche in edifici crollati o a rischio. Questo lavoro di ricognizione sul territorio ha portato alla creazione di un sito - il WebGis del Patrimonio Culturale dellEmilia Romagna organizzato per province colpite. Le informazioni sui beni architettonici danneggiati (decreti, notifiche, dati catastali storici e attuali) sono oggi reperibili attraverso questo strumento pi attendibile della Carta del rischio, i cui dati sono fermi al 2004. Le opere darte, rimosse per lo pi da chiese, sono state trasferite nel Palazzo Ducale di Sassuolo, dove si organizzato un deposito e un laboratorio di restauro. Le chiese nel territorio tra Modena e Ferrara hanno subito danni ingenti; alcune sono distrutte, altre chiuse. A Ferrara, ad esempio, sono tutte chiuse tranne la cattedrale. I musei statali (la Pinacoteca Nazionale, il Museo di Casa Romei e il museo Archeologico) hanno invece rapidamente riaperto dopo i lavori di pronto intervento e di messa in sicurezza, in attesa di lavori di recupero definitivo. Un consolidamento strutturale sar ad esempio necessario per la Pinacoteca Nazionale dove, a seguito della sconnessione muraria dellala nord di Palazzo dei Diamanti, si dovuto smontare il polittico Costabili di Garofalo e Dosso, su cui si realizzata una mostra. A Modena riaprir il prossimo 29 maggio la Galleria Estense che, separata dalla Soprintendenza, uno dei 20 musei recentemente dichiarati autonomi. Nella maggior parte delle citt del cratere emiliano la situazione abitativa tornata normale gi a fine 2012 con il rientro degli sfollati. Diversamente da quanto accaduto a LAquila, ai privati stato concesso di affrontare i lavori di riparazione delle loro case, anticipando le risorse necessarie in attesa dei rimborsi. Questo panorama di quasi normalit non include centri come Mirandola, San Felice sul Panaro e Bondeno, dove parte della popolazione e degli esercizi pubblici sono ancora de-localizzati, cio ospitati in strutture volutamente provvisorie. Con aiuti immediati sono per ripartite le industrie biomediche, concentrate al 90 per cento proprio nei Comuni pi duramente colpiti dal sisma: Mirandola, Medolla, Concordia, Cavezzo, San Felice, San Possidonio e San Prospero. Si tratta di un settore altamente specializzato in apparecchiature per emodialisi, cardiochirurgia, trasfusioni, anestesia e rianimazione.
Il terremoto che, a distanza di tre anni, sembra aver accomunato lEmilia allAbruzzo, stato dunque affrontato in modi assai diversi. In verit non c quasi nulla in comune tra i rispettivi traumi: diversa stata la magnitudo del sisma (6,2 a LAquila; 5,9 e 5,8 in Emilia); diversa la conformazione geologica dei territori colpiti e i materiali con cui sono costruiti gli edifici; diversa la congiuntura politica che ha determinato la gestione dellemergenza: diverso infine il Pil delle rispettive zone. I morti sono stati 309 a LAquila, 27 in Emilia.
Soffermiamoci sulla gestione dellemergenza, fase decisiva. La risposta delle autorit in Emilia pu essere capita solo alla luce di quello che si era verificato a LAquila. Il 15 maggio 2012, cinque giorni prima della scossa che ha colpito la regione emiliana, venne approvato il D. L. n. 59, Disposizioni urgenti per il riordino della Protezione Civile (governo Monti). Questo Decreto (poi L. n. 100, 12 luglio 2012), ha consentito di affidare subito la gestione del terremoto alla Regione Emilia Romagna nella persona del Commissario delegato, e non alla Protezione Civile, come era invece accaduto a LAquila nel 2009 (governo Berlusconi). A LAquila, dove lallarme per il crescente sciame sismico in atto da dicembre, era stato non solo ignorato ma, come si appreso, censurato, si fatto ricorso a un regime straordinario. A poche ore dal terremoto la Protezione Civile, diretta da Guido Bertolaso, ha cominciato ad agire in totale autonomia e sostanzialmente senza verifiche. Nelle mani di poche persone si sono concentrate decisioni sottratte a chi ne aveva la titolarit e competenza: Comune, Provincia, Regione, Soprintendenze. Alla gestione straordinaria si ricorso anche per il patrimonio artistico nominando un vice commissario alle dirette dipendenze della Protezione Civile. I funzionari della Soprintendenza e della Direzione Regionale con i Vigili del Fuoco, eseguivano sopralluoghi e rilevamento dei danni in condizioni di grande difficolt. Il centro storico dellAquila stato evacuato, militarizzato, puntellato fino allinverosimile. Si proceduto allespropriazione di terreni agricoli per la costruzione di 19 New Towns nel cratere dei cinquantasei comuni colpiti, raggiungendo in breve un consumo di suolo pari quasi allarea dellintera citt. Queste strutture abitative, tuttaltro che provvisorie, da un lato hanno gravemente sconvolto lequilibrio tra il paesaggio e i piccoli borghi storici, dallaltro hanno mortificato il vivere comune, per la casualit con cui avvenuto il trasferimento degli abitanti e per lassenza di servizi (che permane). Le vicende successive sono tristemente note: il regime straordinario di commissariamenti si incrinato solo quando, nel febbraio del 2010, sono emerse le intercettazioni alla famosa cricca di imprenditori che, la notte stessa del terremoto, ridevano pregustando gli appalti futuri. Lenormit di quanto accaduto ha innescato il processo di normalizzazione. Il ruolo di commissario stato trasferito dalla Protezione civile al presidente della Regione, poi al sindaco del cratere; allinizio del 2012 a Fabrizio Barca, allora ministro per la Coesione Territoriale, viene conferito lincarico di accelerare la ricostruzione dellAquila. Con lOrdinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 4013/ 23 marzo 2012 si arriva ufficialmente alla soppressione delle Strutture per la gestione dellemergenza (art.1) e alla ridefinizione delle competenze. Anche le funzioni del Vice Commissario per la ricostruzione dei beni culturali vengono trasferite alla ordinaria competente amministrazione: il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali (MiBAC).
Sono 103 gli interventi avviati allindomani della fine del commissariamento dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici. Alcuni cantieri sono stati affidati alla Direzione Regionale dal Comune; altri sono completamenti di restauro derivanti dalla gestione del Vice Commissario. A questi si aggiungono restauri finanziati o co-finanziati da donatori o stati esteri; altri infine usufruiscono di fondi CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica) con un programma 2013-2021: cantieri tutti attivi. Si tratta di edifici pubblici per il 95 per cento di propriet ecclesiastica. Lintenso lavoro dei funzionari che si sono assunti lonere della verifica sia tecnica sia contabile per ogni cantiere, ha consentito alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici, guidata da Alessandra Vittorini, di avviare ed in gran parte ultimare 110 cantieri nel centro storico dellAquila, nonch altri nei comuni del cratere. Sono tutti edifici di propriet privata, vincolati.
Le numerose gru che volteggiano nel centro storico dellAquila sono dunque al lavoro su singoli edifici monumentali, non sul tessuto abitativo di una citt quasi interamente abbandonata. Solo il gioved sera la citt si anima delle voci dei giovani che, dal cratere, arrivano nei Pub aperti per loro. Musiche e rumori che non disturbano nessuno.
Si purtroppo arenato in Regione dopo la seconda commissione consiliare, un progetto elaborato nel 2010 per apporre un vincolo paesaggistico al centro storico della citt, strumento previsto dalla legislazione italiana. Eppure come aveva fatto notare la Soprintendente Vittorini, gli edifici non sottoposti a tutela diretta perch privi di particolari pregi architettonici, costituiscono un tessuto connettivo importante. Per il momento quindi, la ricostruzione viaggia su un doppio binario: agli edifici pubblici e agli edifici privati vincolati non si affiancano le abitazioni comuni. Con listituzione dellUfficio per la Ricostruzione nel Cratere e il parallelo ufficio per la Ricostruzione dellAquila (Usrc; Usra) forse qualcosa si sbloccato; ma alle lentezze burocratiche per le pratiche di contributo alledilizia privata, si aggiungono interruzioni di cariche e carenza di fondi. I problemi strutturali emersi di recente nelle New Towns - che hanno assorbito tutte le risorse UE destinate dallemergenza - non contribuiscono certo allimmagine della citt. Infine, nel centro storico non sono state ripristinate le utenze (il gas, ad esempio): anche edifici come le case INCIS, vincolate dalla Soprintendenza, che ne ha autorizzato e verificato il restauro, non possono accogliere i loro abitanti di cinque anni fa. I tempi continuano ad essere lunghi. E viene da chiedersi: vorranno gli aquilani - dopo almeno sei anni - tornare ad abitare in centro storico?
Una buona notizia per LAquila la riapertura in tempi brevi del Museo Nazionale nei locali dellex mattatoio, restaurato. Ci si chiede se lampia selezione di opere che sar esposta, includa anche la sezione archeologica, che si poteva ammirare insieme a tutto il resto nel Forte Spagnolo, ora in restauro. Una riforma ha ora istituito per la citt dellAquila e i comuni del cratere (fino al 2019) la Soprintendenza unica Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. Non rimane che aspettarne gli esiti.
Forse lunico punto che accomuna i terremotati abruzzesi a quelli emiliani la possibilit per il cittadino di cedere al Comune la vecchia casa acquistandone una nuova con i soldi eventualmente ottenuti per la ricostruzione. Lordinanza che sancisce con questo scambio la delocalizzazione, suona come un vero e proprio incentivo ad abbandonare i centri storici. In Emilia non sono sorte New Towns, ma il numero di case nuove, invendute, molto elevato. Lanomalia del terremoto finir con laccentuare la tendenza in atto a favorire la speculazione edilizia?



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news