LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Turismo e integrità dei siti: una contraddizione apparente
26-04-2006
Michelangelo Jacobucci

In ogni Paese del globo annoverare una delle proprie bellezze artistiche o naturali nella lista dei siti iscritti sotto l’egida dell’Unesco è giustamente titolo di merito e motivo di orgoglio.
Stiamo parlando infatti nientemeno che di un catalogo delle odierne meraviglie del mondo. È quindi più che naturale che ci si tenga a collocare in bella vista sui cartelli stradali o nelle guide turistiche, accanto a questa o quella località o accanto a
questo o quel monumento il nobilitante annuncio:
“Sito iscritto nella lista Unesco”.
Tuttavia non bisogna perdere mai di vista quanto va mettendo in luce a più riprese questa rivista (vedi da ultimo l’intervista al Presidente della Commissione Nazionale Unesco Giovanni
Puglisi nel numero di ottobre–dicembre 2005), cioè che la suddetta lista non dovrebbe ridursi ad una sorta di classifi ca da concorso di bellezza ma deve inserirsi decisamente nell’azione che la massima Organizzazione Mondiale per la Cultura va
svolgendo sin dalla sua nascita per la protezione
del patrimonio mondiale naturale e culturale.
A questa azione, della massima importanza, l’Organizzazione ha sempre partecipato col massimo impegno e tutti gli enti ad essa collegati – in prima linea l’Associazione città italiane del
patrimonio mondiale UNESCO – martellano sul tema, per cui non è il caso di dedicarvi qui molto spazio, anche se non chiederei di meglio, avendo personalmente dedicato a tale sacrosanta causa
molte energie quand’ero membro del Consiglio Esecutivo dell’Unesco agli inizi degli anni 90.
Mi limiterò a ricordare che in quegli anni l’Italia
avviò una serie di iniziative volte a di riformare in
senso più incisivo la nota Convenzione del 1972 per la protezione del patrimonio culturale e naturale.
Iniziative naufragate anche a causa dell’opposizione degli americani, operanti dietro le quinte dell’Organizzazione e da sempre restii ad intese multilaterali che possano in qualche modo
imporre loro dal di fuori, ad opera delle comunità
internazionale, qualche obbligo e restrizione di
carattere interno.
Per noi italiani invece non sembra esservi dubbio che l’iscrizione di un determinato sito nella lista UNESCO implica un onore ma anche un onere: nel momento in cui un sito, sia esso un paesaggio o un monumento, dopo un rigoroso esame
tecnico, viene uffi cialmente dichiarato di interesse
mondiale, esso dovrebbe cessare di essere unicamente
patrimonio del Paese ove esso è situato, ed essere invece riconosciuto come un bene di tutta l’umanità. La comunità mondiale, per il tramite delle Istituzioni fondate a tale scopo, cooopera allora col Governo direttamente interessato nella
valorizzazione e protezione del sito, affi ancandolo
all’occorrenza con appropriate misure e assumendosi quindi parte della responsabilità.
Questo principio è particolarmente valido allorché si verificano azioni belliche o catastrofi naturali o quando un Paese ha tali difficoltà economiche da non poter provvedere adeguatamente
a certe azioni di manutenzione o restauro. Ma dovrebbe applicarsi anche nel caso (e casi del genere ahimé sono tanti) in cui un Paese fa scempio di qualche rara bellezza naturale o culturale
sfruttandola in maniera poco appropriata a fini di
lucro, giungendo a volte addirittura a privarla dei
suoi caratteri originari con nuove costruzioni o modifiche arbitrarie.
Il problema è assai complesso. Qui vorrei soffermarmi su un solo punto di grande importanza: a distruggere un paesaggio o un monumento storico non agiscono solo la speculazione edilizia
o il malinteso zelo di politici o architetti ambiziosi,
che con disinvoltura inseriscono le loro moderne concezioni del bello in strutture vecchie di secoli, abbattendo, aggiungendo, disfacendo e ricombinando ciò che una volta modificato non si potrà mai più recuperare (pensiamo, tanto per fare un
esempio tra i tanti, agli interi quartieri medievali
rasi al suolo, purtroppo con le migliori intenzioni,
a Roma e a Parigi).
Uno dei massimi fattori di pericolo e logoramento viene anche, inaspettatamente, da un settore generalmente considerato sinonimo
di attività pacifica, educativa e proficua per tutti:
il turismo.
Sì, proprio il turismo che tutti noi pratichiamo e consideriamo una conquista della nostra civiltà del benessere. Come può il turismo essere un pericolo per il patrimonio culturale e naturale?
Ebbene, lo è e come! E non mi riferisco ai suoi aspetti aberranti come il vandalismo, il furto di reperti o la semplice maleducazione nel lasciare rifiuti o provocare incendi , ma al turismo puro e semplice, che oggi si definisce “di massa”. Un
tempo l’afflusso di folle imponenti intorno ad un monumento si verificava soprattutto in occasione di pellegrinaggi religiosi o di eventi agonistici.
Oggi, lo sappiamo, viaggiare è relativamente facile e intorno e in qualsiasi località dove vi è qualcosa che meriti di essere ammirato vediamo assembramenti imponenti, spesso organizzati in schiere compatte, con tanto di capi manipolo e bandierine,
che fino a non molto tempo fa era possibile vedere solo in occasione di campagne militari o di festeggiamenti di portata epocale. Inutile dire che quali che siano le misure organizzative volte ad impedire o limitare guasti, la stessa presenza nello stesso luogo per periodi prolungati di grandi folle è fonte di danni spesso irreparabili. Quante mirabili statue di santi, in
solido bronzo o marmo, sono state levigate da innumerevoli dita di fedeli adoranti? Un caso emblematico è quello delle multimillenarie pitture delle tombe egizie, danneggiate addirittura dal fiato stesso delle miriadi di turisti che le visitano ininterrottamente tutto l’anno.
Che fare? Le cose belle sono fatte per essere
ammirate ed inoltre il turismo è una fonte irrinunciabile
di proventi, che in molti casi contribuiscono in maniera determinante proprio alla manutenzione dei siti.
Si configura una quasi insanabile contraddizione tra due opposte esigenze. Da un lato l’esigenza di pubblicizzare e valorizzare
al massimo il sito, sfruttando la ricchezza che esso rappresenta non solo sul piano economico ma anche su quello spirituale, quale prova tangibile della genialità dell’uomo, a qualsiasi regione del
mondo egli appartenga (e non dimentichiamo che anche i bei paesaggi portano impressa la mano dell’uomo). Quindi anche veicolo di interscambio e fratellanza.
Dall’altro lato però l’esigenza di proteggere il più possibile il sito dai danni che provengono, talvolta insensibilmente ma non meno pervicacemente, dall’inevitabile attrito con milioni di esseri umani, molti dei quali non troppo riguardosi. E, come si è detto, si ha un bel restaurare. Le cose veramente belle sono le più delicate e una volta deturpate è difficile che tornino come prima.
Questa contraddizione si riflette non di rado sul piano operativo, in un perpetuo braccio di ferro tra le Autorità preposte alla promozione turistica, per molte delle quali non esistono tabù e timori reverenziali, e le Autorità preposte alla cura dei beni culturali, talvolta talmente gelose dei tesori da
essi amministrati che se dipendesse da loro li terrebbero
perpetuamente sotto chiave, mostrandoli solo con permesso speciale.
Mi auguro che politici ed esperti non tralascino alcuno sforzo per cercare la quadratura del cerchio atta, se non a risolvere, quanto meno ad attenuare un problema di tale portata. Mi permetto intanto un modesto suggerimento. Un avvio alla piena presa di coscienza del problema potrebbe provenire proprio dall’interno stesso della cerchia più privilegiata ed esclusiva
delle bellezze turistiche, la cerchia di “elite” dei siti UNESCO, che sono ad un tempo quelli degni per antonomasia della più alta e più gelosa protezione e le mete più ambite dai visitatori.
Onde organizzare la gestione dei siti in questione
in maniera da conciliare il più possibile le opposte esigenze sopra indicate, non sembra poi tanto utopico immaginare che i Paesi detentori delle grandi “meraviglie del mondo” accrescano
la collaborazione non solo con i dirigenti UNESCO
ma anche tra di loro con l’obiettivo di imprimere
all’ attività turistica intorno ai siti un carattere
sempre più marcatamente culturale ed elitario.
Si potrebbe cominciare con l’allargare all’ambito
internazionale quelle iniziative di itinerari turisticoculturali
e di gemellaggio tra siti che già hanno
luogo nell’ambito nazionale in vari Paesi, e in Italia
con particolare impegno.
La stipula di intese internazionali di gemellaggio e l’organizzazione di itinerari turistico-culturali tra Stati e Regioni che condividono alcune radici o tratti culturali – e non importa se si trovano ai lati opposti della terra – darebbe non solo immediati vantaggi pratici ai diretti interessati ma
avrebbe anche un benefico effetto moltiplicatore in termini di conoscenza e valorizzazione dei monumenti o dei paesaggi in questione, facendo così di essi, in maniera ancora più evidente, degli autentici ponti tra culture. Gli esempi di affinità tra siti pur separati da immense distanze sono tanti: i gioielli dell‘architettura barocca della valle di Noto in Sicilia e quelli della regione brasiliana di Ouro Preto, le vestigia romane che si snodano in una mirabile catena dal Nord e Centro Europa
alle coste africane e mediorientali del Mediterraneo
e via dicendo. Persino le più remote radici dell’umanità potrebbero essere oggetto di uno straordinario percorso, che da un continente all’altro - dalle pitture rupestri della Val Camonica alla grotta di Zhoukoudian dove fu rinvenuto
“l’uomo di Pechino”, dai reperti e graffiti di Norvegia,
Finlandia, Francia, Portogallo a quelli di India e Indonesia, arrivando fino al Messico – si risolve nella più vivida illustrazione del comune cammino ascendente dell’Uomo verso la civiltà.
Il cartello “Sito Unesco” non sarebbe allora soltanto una forma di pubblicità ad alto livello a sfondo nazionalista se non addirittura campanilista, non starebbe solo a segnalare l’ennesimo
bel posto da fotografare in fretta, ma segnerebbe una tappa significativa, da affrontare con spirito particolare, in un programma educativo di portata mondiale inteso a far riflettere sulle vette che l’ingegno umano è stato capace di raggiungere nel
corso dei secoli in qualsiasi latitudine.
Non so sino a che punto da noi in Italia un’idea come quella che ho appena avanzata sia già allo studio o magari già in corso di attuazione e se alcuni dei comuni attivi nell’allestimento di itinerari turistico-culturali a livello interregionale stiano
pensando di estendere le loro iniziative sul piano internazionale. Mi auguro comunque che prima o poi si arrivi alla creazione di una vera e propria “rete di solidarietà” tra i custodi delle meraviglie del mondo, in modo che tali meraviglie possano esibire al massimo la loro qualità più luminosa, quella di conquiste dello spirito umano al di là di ogni frontiera di razza, di credo o di etnia. Acquisterebbe così piena priorità il rispetto reciproco degli artefatti e dei simboli quali altrettante pietre miliari lungo il cammino della civiltà, alimentando la consapevolezza che ogni ferita e offesa a questi
artefatti e simboli, dovunque essi siano situati, ci riguarda sempre tutti da vicino e offende e ferisce più di ogni altra cosa il senso più profondo e nobile dell’essere Uomo.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news