LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ANAGNI ANTICA, LA CITTA DELLORO
01-10-2015
Michele Santulli

Ed cos: ancora oggi sullo stemma cittadino il colore dominante quello delloro! E infatti il nobile metallo un contrassegno della citt sin dai tempi pi remoti, incredibile che possa sembrare: ancora Gregorovius, il primo etnografo della Ciociaria, alla met del 1800 riscontrava nellatmosfera cittadina unaura di nobilt, di eccellenza, di superiorit, tanto da definirla col titolo pi elevato che si potesse dare: lAtene del Sud. Questo era ancora questa citt poco pi di cento anni fa. E andando indietro nei secoli, ancora pi grande, tanto da essere definita la citt dei papi quindi una seconda Roma, il massimo cui si potesse aspirare! E oggi? Oggi il solo ricordare che per venti anni gli anagnini -non oso impiegare il termine di: cittadini- hanno nutrito e lautamente mantenuto, gratificati e felici, francone er batman, allora tutto si immagina e si interpreta, che cosa possa essere oggi. Ma qui ci arrestiamo. E torniamo allAnagni delloro e della dovizia e della eccellenza dei secoli passati.
E proprio cos e gi Virgilio, un osservatore sottilissimo dal fiuto di un segugio, aveva scoperto e affermato in un passo dellEneide che la ricca Anagni nutre e mantiene tutti i suoi abitanti. Gli studiosi informano che il medesimo concetto sar ribadito cento anni pi tardi da Silio Italico allorch parler di pinguis Anagnia. E c ancora un episodio illuminante: in una delle solite scaramucce con Roma che la storia registra, la citt fu messa a ferro e fuoco e saccheggiata: le cronache narrano che i cittadini romani per un anno non ebbero necessit di pagare tributi e tasse talmente abbondante e ricco fu il bottino riportato a Roma! E ci ancora prima delle parole di Virgilio. E saltando qualche secolo pi avanti ci si imbatte nei Saraceni che, si racconta, nelle loro scorribande si spingevano fino ad Anagni in quanto, anche loro, la sapevano ricca e opulenta.
Ma torniano indietro allepoca dei Romani: reputazione e fama di Anagni, citt ricca prosperosa come poche nellImpero, erano cos note e consolidate che Marco Antonio coni gran parte delle sue monete doro, soprattutto quelle che lo ritraevano con Cleopatra, ad Anagni! Questa unaltra di quelle pagine di storia patria che andrebbe approfondita e sviluppata. E la notizia di cronaca la seguente: l8 ottobre prossimo andr in vendita a Zurigo una di queste monete doro estremamente rara, che ritrae su un verso Marco Antonio e sullaltro Ottaviano in occasione del cosiddetto secondo triumvirato, lanno 40-39 a.C. La scheda relativa dichiara che la moneta stata battuta nellItalia centrale o meridionale: sulla scorta di quanto da Antonio stesso dichiarato e riportato dagli storici, a noi piace ritenere, e a giusta ragione, che questa citt dellItalia centrale sia Anagni perch la pi vicina a Roma e perch la sola che poteva avere quei requisiti idonei e soprattutto quella tradizione dorata, a parte le affermazioni stesse di Marcantonio.
Bella iniziativa sarebbe quella di farla tornare a casa! La vicina Ferentino, grazie ad un assessore alla cultura sensibile e consapevole, una donna, alcuni anni fa restitu alla civica biblioteca quindi alla comunit ferenti nate, un aureo del loro concittadino Aulo Irzio, generale di Giulio Cesare.



news

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

15-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 OTTOBRE 2017

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

05-07-2017
Appello al Presidente Enrico Rossi per la nomina del Presidente Parco regionale delle Alpi Apuane

Archivio news