LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Si avvicina la fine dell'archeologia preventiva?
24-01-2016
Pier Giovanni Guzzo

SI AVVICINA LA FINE DELL'ARCHEOLOGIA PREVENTIVA?
Non si è ancora metabolizzato (e come si sarebbe potuto?) il secondo sconquasso del quale ha sofferto il Ministero per i Beni Culturali, ormai chiaramente in liquidazione, che si apprende di un ulteriore, possibile colpo basso. A leggere una bozza di provvedimento sarebbe in discussione l'abrogazione degli articoli 95 e 96 del codice degli appalti (D. Lgs. 163/2006): quelli relativi all'archeologia preventiva. Attività mai stata gradita a chiunque, fosse pubblico o privato o semiprivato, che avesse volontà o necessità di modificare lo stato attuale del territorio nei settori di esso che siano noti come potenzialmente a rischio della conservazione del patrimonio archeologico sepolto. L'elemento che in particolare insospettisce è la coincidenza temporale tra la sparizione delle Soprintendenze Archeologia (così definite in dispregio della grammatica) e la ventilata abrogazione dell'archeologia preventiva. In caso tale abrogazione venisse perfezionata (e, vista l'aria che tira, non c'è da essere ottimisti) per la tutela dei beni di interesse archeologico che venissero "casualmente" in luce durante i lavori non più sottoposti alla procedura dell'archeologia preventiva non rimarrebbe che la vecchia norma della sospensione dei lavori. ma per applicarla occorre che si verifichi una pre-condizione: che, cioè, dell'avvenuta messa in luce sia informato un funzionario archeologo, per di più in grado, superando tagli di risorse, limitazioni ai movimenti, mancanza di mezzi di trasporto, superlavoro, di recarsi sul posto, prendere visione della situazione e riferire della scoperta "di importante interesse". Ma il nuovo Soprintendente unico, ben difficilmente di formazione archeologica, vorrà sottoscrivere quell'"importante interesse", per la valutazione del quale non possiede, non per sua colpa, gli strumenti di giudizio necessari? Ammesso che tutto proceda bene fino a qui, come e con quali fondi, in immediata disponibilità, si affronterà, nei sessanta giorni di "sospensione temporanea" il necessario scavo archeologico volto a salvaguardare i reperti "di importante interesse" venuti in luce? A Se l'inizio di questo anno 2016, bisestile, è stato finora segnato negativamente dal crollo del borse, non meno disastroso è stato il corso dei valori culturali. Con la differenza che le prime sono altalenanti per definizione; mentre per i secondi ogni abbassamento prelude, non a rimbalzi, ma a cadute ancora più profonde. Così come stiamo assistendo.
PIER GIOVANNI GUZZO



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news