LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Intervista ad Adriano La Regina (versione integrale)
24-01-2016
Alessandra Rubenni

Intervista ad Adriano La Regina in versione integrale rispetto alla sintesi pubblicata su "Il Fatto Quotidiano"


L'idea di lasciare mano libera alle cosiddette attivit di sviluppo, che possono essere devastanti. Adriano La Regina, protagonista di grandi battaglie per gli oltre trent'anni che fino al 2004 lo hanno visto alla guida della soprintendenza archeologica di Roma, trova il filo rosso della continuit tra questa riforma e i provvedimenti che si sviluppano da anni, dall'epoca del ministro Urbani, ci tiene a precisare, con l'intento politico di indebolire gli strumenti di controllo e tutela del territorio.
Professore, una bocciatura secca?
Tutto il processo sembra indirizzato a far funzionare gli uffici con intenti turistici pi che culturali e riassorbire il quadro normativo dentro la cornice urbanistica. Abbiamo insegnato al mondo la tutela e ora dobbiamo diventare gli ultimi. Oggi il Mibact dovrebbe affrontare in modo deciso vecchie e nuove sfide, compresa la difesa dei suoli agricoli o il recupero delle periferie. Non detto che ci si debba occupare solo di merchandising. Ronchey disse che nei musei si potevano vendere anche le cartoline e va benissimo. Ma che la politica nazionale sia questa una vergogna, una cosa che ci mette in imbarazzo di fronte al mondo.

Cosa pensa nel merito delle misure previste dal decreto Franceschini?
Su possibili accorpamenti e sulle autonomie si discusso molto, a partire dagli anni '80: Finora si era sempre preferito mantenere i musei nelle soprintendenze, perch il patrimonio esposto viene dal territorio. diverso per i grandi musei stranieri, che si alimentano sul mercato e i reperti li comprano. Da noi la ricerca e la tutela, in funzione della fruizione, sono legate e separarle produrr grossi problemi.

E la revisione delle soprintendenze?
In generale mi sembra che le finalit siano l'aspetto turistico, la commercializzazione pi banale e la capacit di fare soldi, ma anche in quest'ottica non si capisce perch andare a manomettere dei sistemi che funzionano, come la soprintendenza archeologica di Roma, che grazie al flusso dei visitatori era autosufficiente e anzi alimentava altre strutture. In Molise io ho diretto una soprintendenza che si occupava di tutto e andava bene in quella dimensione. Ma a Roma o a Firenze ci sono problemi tali che gli accorpamenti causeranno una confusione totale. Pensi cosa significa mescolare archivi, biblioteche, strumenti per anni non si capir pi niente.

Niente razionalizzazione?
Figuriamoci. Questa una polverizzazione generale. Che senso ha a Roma perimetrare le competenze delle soprintendenze fuori e dentro le Mura Aureliane? Questo va bene per la Ztl. E separare l'Appia Antica dalla soprintendenza facendone un ente autonomo? Si produce un'elefantiasi burocratica pari a quella che dentro al ministero ha portato al proliferare delle direzioni generali, utili a creare posti per scopi clientelari.

E il ricorso ai direttori stranieri?
Se i nostri direttori d'orchestra vanno a dirigere la Filarmonica di Vienna non vedo perch non possano venire dall'estero a dirigere i nostri musei. Il punto come lo si fa. Se l'obiettivo avere una qualit altissima, bisogna fornire strumenti e stipendi idonei. Se sono sotto la media internazionale non funziona. Poi c' una tale mortificazione di tanti studiosi e funzionari che hanno lavorato bene, che diventa offensiva la ricerca di personale alternativo pur di toglierli di mezzo. Sospetto che non interessi molto la capacit culturale e di ricerca.

Cosa succeder con la norma sul silenzio assenso e poi con la possibilit, prevista dalla riforma Madia, di assorbire le soprintendenze nelle prefetture?
Insieme alla mancanza di personale render le soprintendenze assolutamente incapaci di svolgere la tutela. Oggi gli uffici devono avvalersi di collaboratori esterni precari e la situazione va peggiorando. Accorciare i tempi per dare un parere significa dire che non c' bisogno dei permessi delle soprintendenze e che le cose si fanno lo stesso. Ora si stanno programmando 500 assunzioni al Mibact, ma sparse in tutta Italia incideranno poco o niente.



news

22-04-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 22 aprile 2018

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

Archivio news