LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura come vera risorsa nei processi creativi dei territori
18-03-2016
Pierfranco Bruni

La cultura come vera risorsa. Parto da un dato preciso: i beni culturali sono nel processo delle culture ed un fatto positivo che essi siano diventati ormai un tema che occupa lo scenario della dialettica di questi ultimi mesi. Una discussione aperta. La Riforma del Ministro Dario Franceschini, nelle sue fasi, ha fatto discutere, ma i risultati, in pochissimo tempo sembrano registrare degli elementi abbastanza positivi con la centralit dei Musei come strumenti di cultura. Unidea fortemente innovativa.

Ho studiato attentamente la Riforma Franceschini gi in fase di dibattito parlamentare quando, ovvero era ancora in itinere il dibattito e la presentazione della Riforma, e lanima giuridica e quella umanistico museale mi sembrata di grande rilevanza soprattutto in una societ come la nostra.
Ho immediatamente interpretato nella Riforma Franceschini una innovazione di fondo. Al di l degli aspetti prettamente giuridici, finalmente le separazioni delle culture sono state considerate in un articolato modulare interattivo tra vari ambiti di competenza. Un aspetto significativo, ve ne sono tanti, quello di aprire le culture prettamente scientifiche ad una metodologia didattica. Insomma siamo entrati in una vera e propria pedagogia dei beni culturali. Ci significa che un Museo leggibile da tutti, non solo visibile e visitabile. Dico leggibile perch la Riforma parte dai beni culturali come progettualit e non come una variabile della cultura.
Ed risultato fisiologico, in certi casi e in alcune realt, il modulare di una dialettica rispetto alla concezione dei beni culturali vissuto come tradizione. Ma la Riforma bisogna conoscerla nella sua articolazione e nei vari spazi di una interazione territoriale. Non c stato alcun scippo. Credo che c stata invece una parametrazione delle strutture. Il Museo o la Soprintendenza sono sempre strutture che fanno sempre capo al Ministero pur se con competenze diverse. Ormai bisogna puntare sulla valorizzazione. Questo era ed il quesito. Ed su questo che si vince la partita dei beni culturali. I 20 Musei indicati dalla Riforma hanno dei compiti culturali alti e importanti sia per la citt che per il territorio dove sono ubicati. Costituiscono la vera struttura che produce, con il materiale che possiede, promuove, organizza cultura valorizzando e dando la possibilit di far fruire i processi di attraz.
Bisogna abituarsi al fatto che i tempi cambiano e le societ vivono le culture in modo diversificato. Ci che era possibile trentanni fa o pi oggi non praticabile. Un tempo la Provincia aveva il compito specifico della valorizzazione, io nella stagione del mio assessorato come esterno alla Provincia di Taranto, ho realizzato progetti di valorizzazione in sintonia con il Ministero. Oggi la Provincia non c pi. La Riforma ha contemplato anche questo aspetto. Ecco perch il Prof. Giuliano Volpe che ha lavorato sulla Riforma in qualit di Presidente del Consiglio dei Beni culturali, conosce molto bene queste realt. Da esperto e da archeologo attento ha posto allattenzione il legame tra la cultura dellarcheologia e la cultura della valorizzazione.
I beni culturali, nellimmaginario della cultura del turismo, sono in una strategia dellattrazione non solo dal punto di vista culturale ma anche turistico. Daltronde il Ministero si occupa di cultura e di turismo. Il fatto che bisogna entrare in una visione della cultura come economia dei territori e come strategia di sviluppo allinterno dei processi che le culture manifestano. Qui la chiave di lettura. Aiutiamo a creare una educazione alla cultura dei beni culturali. La Riforma Franceschini vede in questo riferimento un consolidamento tra Istituzioni, territorio e Associazionismo. Dobbiamo far crescere culturalmente le citt e i territori. I Musei sono delle agenzie alle quali va dato un contributo da parte di tutti noi perch solo cos si dar un senso alle identit di una cittadinanza.
chiaro che la Riforma Franceschini esercita una funzione fondamentale nella cultura dei nostri giorni? E non solo. il collante tra la societ in transizione e la multidisciplinarit delle culture e il peso della Riforma quello che ha saputo guardare e sa guardare non solo al presente, ma soprattutto a un domani per una Nazione che pu puntare agli investimenti culturali. La Riforma unapripista, letta nella sua peculiarit, con una intelligenza giuridica, verso nuove forme di professionalit nel campo dei beni culturali. Proprio per questo non si pou prescindere di non far vivere il sistema dei beni culturali nel sistema creativo delle culture. Un fattore antropologico ma anche esistenziale.




news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news