LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura come vera risorsa nei processi creativi dei territori
18-03-2016
Pierfranco Bruni

La cultura come vera risorsa. Parto da un dato preciso: i beni culturali sono nel processo delle culture ed è un fatto positivo che essi siano diventati ormai un tema che occupa lo scenario della dialettica di questi ultimi mesi. Una discussione aperta. La Riforma del Ministro Dario Franceschini, nelle sue fasi, ha fatto discutere, ma i risultati, in pochissimo tempo sembrano registrare degli elementi abbastanza positivi con la centralità dei Musei come “strumenti” di cultura. Un’idea fortemente innovativa.

Ho studiato attentamente la Riforma Franceschini già in fase di dibattito parlamentare quando, ovvero era ancora in itinere il dibattito e la presentazione della Riforma, e l’anima giuridica e quella umanistico – museale mi è sembrata di grande rilevanza soprattutto in una società come la nostra.
Ho immediatamente interpretato nella Riforma Franceschini una innovazione di fondo. Al di là degli aspetti prettamente giuridici, finalmente le separazioni delle culture sono state considerate in un articolato modulare interattivo tra vari ambiti di competenza. Un aspetto significativo, ve ne sono tanti, è quello di aprire le culture prettamente scientifiche ad una metodologia didattica. Insomma siamo entrati in una vera e propria pedagogia dei beni culturali. Ciò significa che un Museo è leggibile da tutti, non solo visibile e visitabile. Dico leggibile perché la Riforma parte dai beni culturali come progettualità e non come una variabile della cultura.
Ed è risultato fisiologico, in certi casi e in alcune realtà, il modulare di una dialettica rispetto alla concezione dei beni culturali vissuto come tradizione. Ma la Riforma bisogna conoscerla nella sua articolazione e nei vari spazi di una interazione territoriale. Non c’è stato alcun scippo. Credo che c’è stata invece una parametrazione delle strutture. Il Museo o la Soprintendenza sono sempre strutture che fanno sempre capo al Ministero pur se con competenze diverse. Ormai bisogna puntare sulla valorizzazione. Questo era ed è il quesito. Ed è su questo che si vince la partita dei beni culturali. I 20 Musei indicati dalla Riforma hanno dei compiti culturali alti e importanti sia per la città che per il territorio dove sono ubicati. Costituiscono la vera struttura che produce, con il materiale che possiede, promuove, organizza cultura valorizzando e dando la possibilità di far fruire i processi di attraz.
Bisogna abituarsi al fatto che i tempi cambiano e le società vivono le culture in modo diversificato. Ciò che era possibile trent’anni fa o più oggi non è praticabile. Un tempo la Provincia aveva il compito specifico della valorizzazione, io nella stagione del mio assessorato come esterno alla Provincia di Taranto, ho realizzato progetti di valorizzazione in sintonia con il Ministero. Oggi la Provincia non c’è più. La Riforma ha contemplato anche questo aspetto. Ecco perché il Prof. Giuliano Volpe che ha lavorato sulla Riforma in qualità di Presidente del Consiglio dei Beni culturali, conosce molto bene queste realtà. Da esperto e da archeologo attento ha posto all’attenzione il legame tra la cultura dell’archeologia e la cultura della valorizzazione.
I beni culturali, nell’immaginario della cultura del turismo, sono in una strategia dell’attrazione non solo dal punto di vista culturale ma anche turistico. D’altronde il Ministero si occupa di cultura e di turismo. Il fatto è che bisogna entrare in una visione della cultura come economia dei territori e come strategia di sviluppo all’interno dei processi che le culture manifestano. Qui è la chiave di lettura. Aiutiamo a creare una educazione alla cultura dei beni culturali. La Riforma Franceschini vede in questo riferimento un consolidamento tra Istituzioni, territorio e Associazionismo. Dobbiamo far crescere culturalmente le città e i territori. I Musei sono delle agenzie alle quali va dato un contributo da parte di tutti noi perché solo così si darà un senso alle identità di una cittadinanza”.
È chiaro che la Riforma Franceschini esercita una funzione fondamentale nella cultura dei nostri giorni? E non solo. È il collante tra la società in transizione e la multidisciplinarità delle culture e il peso della Riforma è quello che ha saputo guardare e sa guardare non solo al presente, ma soprattutto a un domani per una Nazione che può puntare agli investimenti culturali. La Riforma è un’apripista, letta nella sua peculiarità, con una intelligenza giuridica, verso nuove forme di professionalità nel campo dei beni culturali. Proprio per questo non si pouò prescindere di non far vivere il sistema dei beni culturali nel sistema creativo delle culture. Un fattore antropologico ma anche esistenziale.




news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news