LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dalla Riforma Franceschini al pensiero sull’arte di Papa Francesco
24-02-2016
Pierfranco Bruni

Il concetto di beni culturali nella Riforma Franceschini “spalanca” le porte al dialogo come sostiene Papa Francesco nella sua idea di arte


“I musei devono accogliere le nuove forme d’arte. Devono spalancare le porte alle persone di tutto il mondo. Essere uno strumento di dialogo tra le culture e le religioni, uno strumento di pace. Essere vivi! Non polverose raccolte del passato solo per gli ‘eletti’ e i ‘sapienti’, ma una realtà vitale che sappia custodire quel passato per raccontarlo agli uomini di oggi, a cominciare dai più umili, e disporsi così, tutti insieme, con fiducia al presente e anche al futuro”.

Sono parole e incisi non di un attento studioso di museografia o di beni culturali, ma di Papa Francesco. Lasciano un segno preciso in una società e in una temperie che spesso, lo stesso Papa lo ha sottolineato in più occasione, vivono il “sistema” dello “scarto”. Credo che questo pensiero, e i successivi posti sempre dal Papa nel libro “La mia idea di arte” (Mondadori), lo dovremmo ascoltare tutti: cattolici, laici, eretici, atei. Insiste sulla questione del bene come fattore etico ed estetico delle civiltà e dei popoli che trasmettono valori di appartenenza, di identità e di eredità.
Il discutere sulla Riforma Franceschini dei beni culturali, a leggerla nella complessità, ma anche nei particolari specifici del concetto di museo, porta inevitabilmente verso questa idea di concepire i musei e con essi le diverse forme di arte. Un’idea che crea condivisione intorno ad un tema forte che è quello della valorizzazione.
Infatti Papa Francesco pone una questione di come far vivere le opere universali e di come accoglierle nella loro presenza testamentaria. Sono testimonianze del mistero dell’uomo e in quanto tali vanno vissute nella direzione della fruibilità. Su questo, Papa Francesco insiste. I musei devono essere “il luogo del bello e dell’accoglienza”. Il concetto di accoglienza è molto sentito.
Nella Riforma Franceschini il luogo dell’accoglienza è il luogo in cui il visitatore si riconosce in un confronto tra civiltà. Mi sembra una strategia dell’attrazione che ha una sua umanitas proprio nella centralità della cultura intesa come bene. Certo, la visione del Pontefice è quella della evangelizzazione delle culture in passaggio necessario che è quello della misericordia. Ma i beni culturali, essendo un patrimonio dell’umanità, hanno nel loro interno una teologia che non è soltanto quella del visibile, ovvero dell’oggetto, ma anche quella della lettura dei simboli.
Un frammento archeologico, per fare un esempio, non ci parla soltanto attraverso la materialità, ma ci comunica un tempo indefinibile che è quello non solo della memoria, bensì della spiritualità della memoria. In fondo il bene culturale ha sempre una interpretazione religiosa (il laico ha la religiosità del laico) in quanto ha una dimensione di tempo infinito, che è inciso nel linguaggio delle forme.
Il mito non diventa trasposizione nel sacro. Mito e sacro sono una antropologia dell’anima che si vuole chiamare dell’umanesimo o pre – illuminista e post. Quell’antropologia permette non solo la credibilità della testimonianza, ma anche il senso della vitalità. Da questo punto di vista i beni culturali creano dei ponti tra popoli e civiltà grazie ai modelli di archetipi e di mistero sacrale.
Nei punti nodali della Riforma Franceschini ci sono questi elementi che permettono di vivere, e non solo leggere, le culture come fenomeni integrali delle civiltà. Il messaggio che offre il Papa sull’arte è importante per laici e cattolici. Il concetto di bene culturale, per la nuova Riforma, apre le porte e interagisce con i diversi saperi.
Una lettura comparata che andrebbe proposta come energia positiva per non seppellire il passato nello “scarto”, e la Riforma lo fa capire, e per realizzare il futuro della cultura come bene necessario nei processi interattivi tra culture ed esistenze.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news